Le case automobilistiche rimuovono i dispositivi sicurezza avanzati per far fronte alla carenza di chip

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
case automobilistiche

Alcune case automobilistiche stanno eliminando le opzioni a disposizione dei consumatori a causa della carenza di chip. La carenza di chip per semiconduttori ha spinto alcuni acquirenti di auto nuove a guardare al mercato dell’usato, comunque altamente inflazionato.

Le case automobilistiche che lottano per costruire veicoli durante la crisi di approvvigionamento di questi componenti essenziali hanno dovuto eliminare una serie di funzioni elettroniche dai loro veicoli per mantenere le catene di montaggio in movimento negli ultimi due anni.

A volte sono stati rimossi tutti i componenti, dai sedili riscaldati ai sistemi Start&Stop per il risparmio di carburante e ai display touchscreen.

Le caratteristiche di sicurezza non sono immuni dai tagli.

Anche a causa della scarsità di sensori, in alcuni casi è stata sospesa la disponibilità di funzioni opzionali come i sistemi di monitoraggio dei punti ciechi, gli avvisi di prossimità e gli aiuti alla guida semi-automatici.

Volkswagen e Cadillac sono tra i marchi che attualmente non offrono il monitoraggio degli angoli ciechi su alcuni modelli, ma la situazione è in continua evoluzione.

“Le case automobilistiche si trovano in una situazione difficile quando non sono disponibili i materiali per alcune tecnologie di sicurezza”, ha recentemente dichiarato ai giornalisti Jessica Cicchino, vicepresidente della ricerca dell’Insurance Institute for Highway Safety (IIHS), istituto americano che si occupa di sicurezza nelle autostrade.

“Questo sposta davvero l’onere sui consumatori che hanno già difficoltà ad acquistare un’auto”, ha aggiunto.

I sistemi di monitoraggio dell’angolo cieco non sono obbligatori per legge, ma sono diventati sempre più comuni, e per una buona ragione.

Uno studio dell’IIHS ha rilevato che il sistema può ridurre del 23% le collisioni con feriti, mentre l’avviso di traffico trasversale posteriore, spesso abbinato al sistema, può ridurre del 22% gli incidenti.

L’allarme traffico trasversale posteriore di Volkswagen è in grado di rilevare l’avvicinamento laterale di veicoli mentre il conducente sta facendo retromarcia.

“Anche se non le testiamo nei nostri programmi di valutazione dei veicoli, queste tecnologie sono utili e vogliamo che siano presenti su quanti più veicoli possibile”, ha dichiarato Cicchino.

Poiché non sono obbligatori, questi sistemi non sono ancora disponibili su alcuni modelli, il che rende difficile tracciare con esattezza il numero di veicoli costruiti senza questi sistemi. È difficile predire come le Scommesse Italia NetBet.

Una casa automobilistica potrebbe semplicemente orientarsi verso la produzione di un maggior numero di modelli a bassa specifica che ne sono sprovvisti, senza “rimuovere” espressamente le caratteristiche.

“Si tratta di tecnologie utili e vogliamo che siano presenti sul maggior numero possibile di veicoli”.

“È spiacevole che la carenza di chip possa impedire a un nuovo modello di essere dotato delle più recenti funzioni di sicurezza che possono prevenire incidenti e lesioni”, ha dichiarato Jake Fisher, direttore senior dei test automobilistici di Consumer Reports.

“Dopo tutto, il miglioramento della sicurezza è uno dei motivi principali per cui le persone decidono di cambiare la propria auto”, ha aggiunto.

“Tuttavia, la maggior parte delle case automobilistiche dispone dei chip necessari per continuare a produrre i propri modelli senza rimuovere le apparecchiature, e un acquirente intelligente eviterà i modelli che lo fanno”.

“È davvero una sfida acquistare un’auto oggi”, ha detto Cicchino.

“I veicoli in generale sono difficili da trovare, ma poi i consumatori devono fare il passo in più per assicurarsi che un veicolo abbia la tecnologia che si desidera, anche se, a volte, le informazioni che si ottengono non sono sempre accurate al 100%”.

Con l’età media di un’auto che supera ormai i 12 anni, il problema non riguarda solo l’attuale mercato ristretto degli acquirenti.

“Vedremo le conseguenze della carenza di chip per gli anni a venire”, ha detto Cicchino. “Questi veicoli rimarranno nel parco auto, ora che le persone tengono le loro auto per più di un decennio”.

“Significherà che meno veicoli in futuro saranno dotati di questa importante tecnologia”, ha aggiunto.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.