Caschi Modulari, cosa sono e come sono fatti

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Caschi

Una delle più grandi passioni dell’uomo è la velocità. Da sempre i più grandi studiosi hanno provato a creare mezzi sempre più veloci che potessero spingere l’uomo verso soglie inimmaginabili. La moto sicuramente è uno dei mezzi più amati dalle persone. Chi decide di salire in sella ad una due ruote, deve mettere in conto che può essere estremamente pericoloso, per questo motivo ci devono essere una serie di regole da seguire per viaggiare in maniera sicura, tra cui l’indossare il casco. Parliamo dell’elemento principale che qualsiasi motociclista deve indossare, in quanto è l’unico e solo sistema che garantisce protezione alla testa in caso di incidente o semplice caduta.

Online impazzano le ricerche, insieme a qual è il miglior sito di poker, su quale possa essere il miglior casco. Il mercato offre soluzioni vantaggiose e sicure, con una serie di modelli adatti ad ogni circostanza. Tra questi troviamo sicuramente il casco modulare, tra i più apprezzati e sicuri al momento.

Perché scegliere un casco modulare?

Cosa sono i caschi modulari? Sono dei caschi integrali con una mentoniera che si apre o si ribalta, in modo da ottenere molta comodità. Sono ottimi per qualsiasi utilizzo e sono una soluzione perfetta in quanto permettono di dare sicurezza e comodità.

È possibile dividerli in due tipologie: apribili e crossover.

I primi presentano la mentoniera che può sollevarsi o essere rovesciata all’indietro, restando sempre ancorata al casco. Per quanto riguarda i crossover, invece, la mentoniera può essere tolta facendo diventare il casco aperto.

Occhio alle certificazione e alle omologazioni. È opportuno specificare come sia possibile trovarsi avanti a caschi modulari che presentano la lettera J, quindi Jet, oppure con omologazione P, cioè integrali. In alcuni casi può contenere entrambe le certificazioni con P/J.

Certificazione P/J

Questa certificazione nasce dall’esigenza dei motociclisti e per circolare in strada rispettando le regole. Infatti avere P/J come omologazione permette di girare in moto sia con mentoniera smontata, sia montata. Nel caso della presenza solamente della P, non sarà possibile circolare senza mentoniera, in quanto parliamo di un casco totalmente integrale.

In sostanza i caschi modulari sono veramente ottimi per qualsiasi esigenza. Hanno anche una serie di caratteristiche che li rendono molto apprezzati dagli appassionati. Ad esempio ci sono sistemi di sbloccaggio simultaneo dello schermo e della mentoniera che permette il passaggio a casco jet; ancora troviamo la visiera con sistemi che vanno a ridurre il livello sonoro e l’ingresso di aria fredda; Sistemi si visiera solari integrate e antigraffio; sistema per mantenere costante la temperatura interna del casco.

Meglio un casco modulare o integrale?

L’opinione su questa tema è divisa: c’è chi pensa che un casco totalmente integrale, senza parti che si smontano, possa essere molto più sicuro di uno modulare, in quanto è apribile.

Quello che, però, fa la differenza è la tecnologia che si usa e il materiale di cui è fatto l’elmetto. Elemento fondamentale che fa si che un casco sia sicuro, al netto del modello, è l’omologazione. Questa caratteristiche è essenziale e permette di stare tranquilli.

 
[smiling_video id=”267924″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti