Harley Davidson PAN AMERICA 1250 S, Crossover… Cazzuta!

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Una Scommessa o già una certezza? Quando la abbiamo vista per la prima volta in esposizione ad Eicma 2018, la domanda che ci siamo fatti era inevitabilmente cosa stesse accadendo a Milwaukee.

Vedere che lo storico ed iconico Custom Brand americano ufficializzava il suo l’inserimento, in due nuovi settori motociclistici come Elettrico e Maxi-Enduro, devo essere sincero mi ha lasciato qualche perplessità, soprattutto perché,  nel secondo caso con la Pan America , di fatto si formalizzava una entrata a gamba tesa, nei confronti di capisaldi come Bmw GS – Ducati Multistrada e Ktm 1290S.

Quello che in quel momento non ci era ancora chiaro, era quanto il know-how di H-Davidson, potesse condizionare in positivo e/o in negativo, sulle scelte finali del modello definitivo della neonata Pan America.

In definitiva sono bastati dieci minuti in sella ed alla guida della nuova Crossover Born In USA, per spazzare via ogni dubbio e perplessità

Cosa mi è piaciuto

🟢 – Moto di carattere in pieno stile Harley;

🟢 – Ciclistica sorprendentemente efficace soprattutto nel guidato veloce ;

🟢 – Sistema di assistenza adattiva ARH che abbassa la moto quando ci si ferma ;

🟢 – Motore molto gestibile ai bassi che diventa poderoso quando si spinge ;

🟢 – Protezione dall’aria molto efficace;

🟢 – Molto comoda per viaggiare;

🟢 – Ottimo rapporto qualità prezzo;

Cosa non mi è piaciuto

🔴 –  Motore che scalda parecchio ;

🔴 – Assenza del Quickshifter;

🔴 –  Il cavalletto laterale che non mi dà un gran senso di sicurezza ;

Saliamo in Sella ma prima la gallery

 

Mamma mia quanta personalità ha, l’impronta è proprio da vera Harley !

L’estetica frontale, dove spicca l’originale faro anteriore FULL LED, è chiaro non lascia spazio a tante sfumature, è squadrata ed imponente, può conquistare ma anche incutere timore.

Con la chiave keyless dalla forma originale in tasca, la Pan America si accende senza scatenare le tipiche vibrazioni di casa Milwaukee.

Il quadro TFT da 6.8 pollici orientabile, si presente chiaro e pieno di informazioni, decisamente molto moderno ed appagante alla vista, in tipico stile Maxi Enduro.

Con pochi e semplici gesti, grazie ai comandi posti sui blocchetti, si può navigare nei menù e nei sottomenu, da dove possiamo selezionare 6 Riding Mode di cui uno personalizzabile, mappature che agiscono grazie alla presenza della piattaforma inerziale a sei assi, anche su freno motore , controllo di trazione e ABS di tipo Cornering.

L’unica stranezza per essere una vera ed original H-D, viene sound emesso dallo scarico, che stranamente risulta avere decibel a norma di codice della strada.

Che si sia davanti, ad un modello che voglia conquistare nuovi estimatori pare evidente, anche i molte altre scelte fatte per questo modello .

Partiamo dal reparto sospensioni dove troviamo le ottime Showa semiattive con escursione da 190mm, con all’anteriore una forcella con steli rovesciati da 47mm e un monoammortizzatore al posteriore con precarico molla da remoto.

Il comparto ciclistico continua con un telaio e telaietto a traliccio in alluminio diviso in tre pezzi che sfrutta il motore come elemento portante,  ed il forcellone in fusione d’alluminio, scelte obbligate per contenere il peso della moto.

A rendere sicura la Pan America ci pensa l’ottimo impianto frenante marchiato Brembo , con all’anteriore doppio freno a disco da 320 mm con pinze radiali monoblocco, mentre al posteriore troviamo un disco singolo da 280mm.

Completano la dotazione i pneumatici di primo equipaggiamento Michelin Schorcer Adventure , con misure rispettivamente di 120/70/19 e 170/60/17.

Quindi da guidare come è?

Saliti a bordo e fatti i primi metri, ci si rende subito conto dell’ottimo lavoro fatto con questo modello, dalla casa americana.

La giornata si sviluppa su una prima parte lungo il trafficato lungolago, in cui possiamo apprezzare l’ottimo bilanciamento, che rende la Pan America facile da gestire anche alle basse velocità, nonostante il suo peso in ordine di marcia intorno ai 250 Kg della versione S in prova.

Un ulteriore aiuto nella versione Special , arriva dal sistema ARH ( Adaptive Ride Hight) delle sospensioni semi-attive Showa , che abbassa in automatico elettronicamente l’ammortizzatore posteriore di circa 2,5 cm ogni volta che ci si ferma, situazione che permette a chi non è alto di toccare molto bene a terra con i piedi.

Il cambio, nonostante l’assenza del quickshifter risulta morbido e preciso negli inneschi.

Unico neo da evidenziare è un fastidioso calore provenire dal motore, soprattutto quando ci si ferma.

Man mano che il traffico si sgrana e la velocità aumenta, complice un frontale imponente che strizza l’occhio alla sorellona Road Glide, apprezziamo la protezione aerodinamica, che ci permette di macinare chilometri in assoluto confort., grazie anche ad una sella molto confortevole regolabile in due posizioni, ed un Plexi regolabile in quattro posizioni.

Ma è appena si imboccano strade di collina e montagna, che la Pan America diventa la Harley che non ti aspettavi -.

Grazie al nuovo motore bicilindrico di 1250cc. a fasatura variabile Revolution Max ,  capace di erogare 150 Cv a 8750 giri/min,   ed con una coppia max di 128 Nm a 6750 giri/min,  inserita la mappa Sport la Endurona comincia incredibilmente a stupire, e si trasforma letteralmente in una mangia curve da puro divertimento.

Sebbene non velocissima nei cambi direzione, esprime il meglio nei curvoni veloci rimanendo molto stabile, ma allo steso modo si lascia guidare con estrema facilità anche nei tornanti più stretti.

L’apertura del gas, con l’acceleratore Ride By Wire,  è accompagnata da un sound gustoso , ma più delicato rispetto a quanto ci ha abituato la casa di Milwaukee, con le sue gran cruiser.

Sebbene la triangolazione tra sella, manubrio e pedane ricorda molto quella delle antagoniste, la sensazione rimane comunque di essere su una Harley , ma molto diversa da quelle a cui eravamo abituati.

Conclusioni

Che in H-Davidson ci fosse la volontà di imporsi anche in questo segmento di mercato, lo dimostra la grande preparazione a monte del progetto Pan America .

Il collaudo che ha implicato oltre un milione di chilometri, lo si può apprezzare dal confort e dalla guidabilità raggiunta da parte della Crossover a stelle e strisce.

Il cambio di direzione, e la volontà di conquistare nuove platee di motociclisti, è evidente e lo si può apprezzare anche dalla completa dotazione degli optionals che equipaggia la versione Special, e che prevede oltre alle già citate sospensioni semi attive con controllo del carico del veicolo, anche cerchi tubeless di serie, sensore pressione pneumatici, ammortizzatore di sterzo, luci adattive Daymaker, cavalletto centrale, pedale del freno regolabile per la guida in piedi, piastra paramotore di alluminio, tubi di protezione per il radiatore, manopole riscaldabili, e paramani.

Inoltre per i più appassionati della tecnologia troviamo un infotainment all’avanguardia, che può comunicare con gli smartphone, ed avere sul display della moto anche il navigatore.

Concludo dicendo che non ho avuto la possibilità di provarla nel fuoristrada leggero, ma dalle sensazioni percepite ritengo che si possa divincolare con estrema facilità.

Due i modelli in vendita e diverse colorazioni, la Standard 16.300,00€ e la Special a 18700,00 €, prezzi che la inseriscono prepotentemente come ottima alternativa alle già presenti Maxi Enduro.

Ringrazio per la collaborazione:

[smiling_video id=”223375″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.