KTM 890 Adventure, migliora in tutto!

 KTM 890 Adventure, migliora in tutto!

L’estetica di questa moto è di quelle che sicuramente non conquista, ma il fatto che l’hanno lasciata invariata rispetto la precedente 790, la dice lunga su quali siano le priorità a Mattighofen.

Alcune scelte ergonomiche diventano obbligate, se si vuole creare un modello che sia contemporaneamente facile, leggero, bilanciato ma soprattutto estremamente efficace in ogni contesto venga portato.

Ed il risultato è che la KTM 890 Adv, rispetto la precedente versione, ne conserva alcune peculiarità e migliora ulteriormente, i già ottimi attributi.

Cosa mi è piaciuto

🟢 – Ciclistica estremamente efficace in ogni contesto;

🟢 – Motore progressivo ed ancor più prestazionale;

🟢 – Elettronica ulteriormente migliorata;

🟢 – Cambio preciso con frizione molto morbida;

🟢 – Manubrio regolabile su 6 diverse posizioni;

🟢 – Molto facile ed intuitiva.

🟢 –  Sella regolabile per il pilota.

🟢 – Connettività con Smartphone ed a richiesta App KTM per la navigazione.

Cosa non mi è piaciuto

🔴 – I pneumatici di primo equipaggiamento;

🔴 – Cruise control non di serie;

🔴 – Cupolino regolabile solo con chiave torce sottosella.

Saliamo in Sella ma prima la gallery

Come si diceva il colpo d’occhio è di quelli che divide. C’è a chi piace ed a chi non piace proprio.

La scelta del serbatoio basso è una esigenza di spostamento di baricentro, con il risultato di avere una moto molto bilanciata e maneggevole.

Ed anche il caratteristico fanale anteriore a Led, appeso ed avanzato, nasce dall’esigenza di aumentare la luce a terra.

Ma dal momento in cui si gira la chiave, ci si rende conto di essere su una moto che può regalare tante emozioni.

Il cruscotto TFT a colori da 5 pollici, ora con caratteri più grandi, diventa ancora più facile nella lettura, ci permette grazie alle diverse funzioni di cucirci la moto praticamente addosso.

Grazie alla semplicità e pulizia dei blocchetti comandi, si possono selezionare tra i diversi Cornering Traction Control di nuova generazione CMTC, con optional la mappa Rally (completamente personalizzabile), nonché la personalizzazione o meno dell’impianto Abs anch’esso di tipo Cornering, per la guida più specialistica in OFF Road

Saliti a bordo, la KTM 890 Adv risulta molto snella, grazie alla svasatura tra serbatoio e sella, con la conseguenza che si riesce a toccare abbastanza bene a terra, anche per chi non supera i 175 cm di altezza.

Ciclistica invariata rispetto alla già efficacissima precedente 790 Adv, con un telaio a tubi in acciaio, ed il motore che viene sfruttato come elemento portante. All’anteriore troviamo una forcella WP Apex non regolabile (ma ottimamente tarata) con steli da 43 mm, mentre al posteriore, si trova un monoammortizzatore anch’esso Wp Apex ora regolabile anche in estensione, con la possibilità di registrazione da remoto nel precarico.

La novità più importante sul nuovo modello è il motore.

Ora per adeguarsi alle normative Euro 5 aumenta la cubatura di 90cc, portandosi però in dote, una gustosissima iniezione di ben 10 cavalli (ora 105 Cv) e di 12 Nm di coppia in più (ora 100Nm).

Per quanto riguarda l’impianto frenante marchiato Ktm troviamo all’anteriore 2 dischi da 320mm con pinze radiali a 4 pistoncini ed al posteriore un disco da 260 mm, sotto il totale controllo di Abs Cornering marchiato Bosch.

Concludono la dotazione, degli pneumatici di primo equipaggiamento Avon Trailrider da 90/90-R21 montati sulla ruota davanti, e da 150/70-R18 sulla ruota dietro.

Quindi da guidare come è?  

Appena si parte e si ingranano le marce, le prime cose che risultano immediatamente evidenti, sono la morbidezza della frizione e del cambio, e la assoluta snellezza ed agilità nel muoversi anche alle basse velocità grazia ad un peso contenuto.

La sella è abbastanza larga, e sebbene un pò sostenuta, risulta comunque molto comoda.

L’assetto delle sospensioni non troppo rigido, unito al raggio 21 della ruota anteriore, aiuta ulteriormente il confort nella guida in città, soprattutto per chi nel quotidiano ha a che fare con asfalti e pavè rovinati, buche e rotaie.

Ma la KTM 890 Adv nasce per essere una crossover vera, e di essere guidata per regalare divertimento. Nel suo Dna ci sono i viaggi.

In meno di un’ora ci, spostiamo sulle dolomiti a cavallo tra Veneto e Trentino pronto a guidarla nel suo territorio congeniale.

La mia voglia di arrampicarmi su delle belle strade in montagna, sale vorticosamente curva dopo curva.

Il motore ricco di coppia ai bassi, ed una ciclistica impeccabile, fanno si che il piacere di guida sia assoluto. L’austriaca grazie all’ottimo assetto e bilanciamento, si inerpica repentina, ma senza mai sacrificare il confort.

Rispetto alla precedente 790 Adv riscontriamo che il motore è più fluido e vibra meno, e grazie all’aumento di cilindrata permette anche di consumare un pò di meno.

L’ergonomia è sicuramente uno dei suoi punti di forza, e la facilità con cui ti permette di essere condotta è imbarazzante, anche nella guida in piedi.

Qualche turbolenza l’abbiamo avuta nella guida sopra ad una certa velocità, forse per il cupolino non troppo protettivo, ma nulla di fastidioso.

Un piccolo appunto lo faccio alle gomme di primo equipaggiamento, le quali non mi sono sembrate all’altezza in generale della moto

Conclusioni

Nel riconsegnare la moto, pensavo a quanto l’estetica posso o meno incidere sulle scelte di acquisto di una moto, in rapporto con le qualità e caratteristiche che la stessa sviluppa.

La Ktm 890 Adv , è proprio una motocicletta che divide. Penso che non nasca con l’intento di piacere a tutti, bensì quello di soddisfare chi la guidi.

Chi l’ha provata e ne ha saggiato le qualità, sa di cosa parlo. Ora il tema è, possono queste qualità compensare quell’abitudine tipicamente italiana, di voler guardare spesso prima lo stile/estetica?

Il mercato darà sicuramente il suo giudizio. Da parte mia posso solo confermare tutte le qualità della Crossover di Mattighofen.

Oltre all’ampio catalogo Power parts a cui attingere per la personalizzazione, un mio consiglio personale è di NON rinunciare al Tech Pack,  (costo 849,00€), che prevede il cambio elettronico up and down,  il controllo freno motore in scalata MSR, il Cruise Control, la mappa Rally completamente configurabile,

Con un Intervallo di manutenzione ogni 15.000 km, e la possibile scelta tra due colorazioni (Balck o Orange) , la moto parte da € 13.490,00 già disponibile nei concessionari.

Per i più esigenti ed appassionati dell’OFF Road o dell’Adventuring più estremo, c’è la versione più specialistica KTM 890 ADVENTUIRE R

Ringrazio per la collaborazione:

https://www.ktm.com/it-it/models/travel/ktm-890-adventure2021.html

La concessionaria di Verona  : https://dealer.moto.it/cubimotoktm



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *