KTM 890 Duke R – la gemella diversa

 KTM 890 Duke R –  la gemella diversa

Avendo già provato e apprezzato le caratteristiche della ‘gemella minore’ Duke 790, la voglia di provare questo nuovo modello, è come quella del bambino davanti al nuovo giocattolo.

La curiosità nasce dal fatto che la Duke 890 R, esce a poca distanza dalla sorella, quasi a far pensare, che nel precedente modello a Mattighofen, si fossero tenuti in tasca qualche jolly da calare alla giusta occasione e quel momento è velocemente arrivato.

Arriva l’istante in cui mi consegnano la nuova media-naked in colorazione bianca-arancione e direttamente dal catalogo Power Parts, scarico Akrapovic in bella evidenza.

Nel guardarla non nascondo comincia a salirmi prepotentemente l’adrenalina da curiosità. 

Cosa mi è piaciuto:

🟢 Ciclistica, una lama tra le curve;

🟢 Motore aggiornato anzi dopato da puro godimento;

🟢 Elettronica al top di categoria;

🟢 Impianto freni da Race replica;

🟢 Cambio elettronico molto corto e preciso a salire;

🟢 Molto facile ed intuitiva.

Cosa non mi è piaciuto

🔴 Il cambio elettronico in scalata un po’ duro negli inserimenti ;

Saliamo in Sella ma prima la gallery

Nonostante l’aumento di cubatura del propulsore, la KTM DUKE 890 R a colpo d’occhio, sembra quasi una moto di cilindrata inferiore.

L’iconico sporgente faro a led, le linee taglienti, gli spigoli in evidenza, cosi come le livree caratteristiche Ready to Race, rimangono invariate rispetto la sorella da cui deriva.

Una volta saliti a bordo però, si capisce immediatamente che qualcosa è cambiato.

Con una altezza sella aumentata, pedane leggermente arretrate, ed un manubrio ribassato e più lontano, abbiamo le prime indicazioni che ora ci si trova su una moto ancora più votata alla sportività.

Girata la chiave, il cruscotto TFT a colori rimane chiaro ed essenziale e grazie alla semplicità dei comandi si possono selezionare facilmente i 3 Riding-Mode di serie.

Il modello in prova, ha già l’optional del Tech Pack (750,00 €) che aggiunge a quanto già previsto, la mappa Track completamente personalizzabile, il cambio elettronico in salita e discesa, ed il MSR (Motor Slip Regulation) che regola elettronicamente il freno motore in rilascio.

Anche il comparto ciclistico subisce un radicale miglioramento rispetto la Duke 790, per cui troviamo all’anteriore una forcella completamente regolabile a steli rovesciati Wp Apex da 43 mm ed al posteriore un mono anch’esso regolabile  Wp Apex. Completano la dotazione un telaio a tubi in acciaio , ed il motore che viene sfruttato come elemento stressato.

Ma la vera rivoluzione di questo nuovo modello sta proprio nel suo cuore, ossia nella completa rivisitazione del motore LC8c che ora riceve insieme all’aumento di cilindrata una vera e propria dopata. Si passa quindi a 121 cavalli di potenza e 99 NM di coppia che significano rispettivamente, 15 cavalli in più e 10 nm in più rispetto al modello precedente.

L’impianto frenante è da Race Replica, con pinze monoblocco Brembo Stylema ad attacco radiale con pompa Brembo MCS con all’anteriore una coppia di dischi da 320mm ed al posteriore un disco da 240 mm, il tutto sotto il totale controllo di Abs Cornering Bosch, ma che in questa versione concede anche il disinserimento dell’abs al posteriore nella modalità supermoto.

Concludono la dotazione, degli pneumatici Michelin Power Cup 2 di derivazione decisamente racing, ma che offrono eccellenti prestazioni anche sulla strada.

Quindi da guidare come è?

Divertimento puro, tanto è semplice e poco impegnativa, e se a Mattighofen la chiamano ‘Super Scalpel’ sicuramente il motivo c’è.

Ma partiamo dalla città.

La Duke 890R, si muove nel traffico con una agilità imbarazzante grazie a pesi contenuti, ad un cambio ed una  frizione molto morbidi, ad un motore ai bassi molto fluido.

La taratura delle sospensioni non troppo rigida, la fa risultare confortevole anche nei tratti urbani più rovinati.

Nonostante la giornata estiva ci stia regalando oltre trenta gradi, notiamo che scalda ma senza essere fastidiosa.

Complice il comando del gas preciso e senza On/Off, si riesce a guidare con scioltezza e senza tentennamenti.

Lasciandoci alle spalle le mura cittadine, nel giro di mezz’ora ci dirigiamo verso le curve e tornanti che disegnano le prime dolomiti.

Arrivati a destinazione, ci sale velocemente la voglia di testare il vero DNA sportivo della 890 Duke R.

Una volta alzato il ritmo, la media austriaca spinge con il suo nuovo LC8C fin dai bassi regimi, ma diventa divertimento puro superati i 6000 giri. Li viene fuori un’altra moto, sembra non aver mai fine.

Tra le curve grazie ad una ciclistica impeccabile ed un peso piuma di 166 Kg a secco  scende in piega ad una velocità impressionante.

Curva dopo curva si disegnano linee e traiettorie con una precisione incredibile, tale da meritarsi a pieni voti l’appellativo di ‘Super-bisturi

Nota positiva anche sulle vibrazioni, quasi assenti, nonostante tanta esuberanza e vigoria.

Eccellente il sistema frenante, che stupisce sia per la forza mordente, sia per modulabilità. L’Abs di tipo Cornering lavora a meraviglia e risulta una manna dal cielo in certe entrate in curva a moto piegata.

Conclusioni… ma prima il video


Rispetto la sorella Duke 790, notiamo che i miglioramenti apportati sono stati chirurgicamente azzeccati, tali da farla sembrare quasi un moto completamente nuova.

Non che la ‘gemella inferiore’ andasse male, anzi, ma questo nuovo modello offre sensazioni e prestazioni più vicini ad una Maxi-Naked, ma diversamente da queste ultime, grazie a pesi e potenze più contenute risulta più fruibile e godibile.

Nel complesso grazie al suo equilibrio abbiamo notato che è facile andar forte senza quasi rendersene conto.

A fine giornata rimpiango solo di non averla potuta provare tra i cordoli in quanto consapevole di quanto mi sarei potuto divertire.

Infatti, alcune delle modifiche apportate a questo nuovo modello, strizzano l’occhio proprio a chi volesse guidarla in pista nei track days.

Per gli appassionati dei cordoli quindi, esiste come ulteriore optional il Track Pack,  che prevede, il dispositivo del controllo dello slittamento della ruota per il controllo della trazione (9 stadi), adattamento dell’accelerazione, Riding mode “Track”, Funzione anti-impennata disattivata, Launch control.

Personalmente mi piaceva la Duke 790 per molti motivi, ma questa 890R direi che la trovo assolutamente fantastica anche nella sua facilita nel gestirla.

Con la possibile scelta tra due diverse colorazioni, la moto parte da € 11.900,00 già disponibile nei concessionari.

Ringrazio per la collaborazione:

https://www.ktm.com/it-it/models/travel/ktm-890-adventure2021.html

La concessionaria di Verona  : https://dealer.moto.it/cubimotoktm



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *