I migliori consigli per scegliere l’assicurazione auto

 I migliori consigli per scegliere l’assicurazione auto

L’automobile rappresenta per il popolo italiano un vero e proprio status symbol e viene considerata a tutti gli effetti come un componente extra del nucleo familiare. In macchina si viaggia e ci si reca al lavoro, ci si dedica alle incombenze di famiglia e si compiono i piccoli grandi spostamenti quotidiani legati a doppio filo alla routine. L’acquisto di una nuova quattro ruote rappresenta sempre un punto di svolta: occorre prendere in considerazione tutta una serie di aspetti, sia tecnici che estetici e di impatto visivo, per fare in modo che la vettura possa essere realmente funzionale alle personali necessità e in grado di interpretarle correttamente semplificando la vita di chi guida.

L’importanza di confrontare le offerte online per risparmiare

Prima di mettersi al volante e comunque dopo aver deciso se la prossima auto sarà un’utilitaria, una berlina o magari un suv – definendone tutti i dettagli in fatto di accessori, colore e motorizzazione – si dovrà optare per la scelta della necessaria assicurazione destreggiandosi tra le molte tipologie presenti sul relativo mercato. Che è sempre più vasto e articolato, fatto di offerte calibrate in relazione alle diverse necessità dei guidatori. Le compagnie assicurative mettono a disposizione una vasta gamma di polizze per cui orientarsi nel mare magnum di opportunità non è sempre semplice. E’ possibile completare l’iter di acquisto in una soluzione unica oppure optare per formule diverse, come quella che consente per esempio di pagare l’assicurazione auto a rate.

Com’è cambiato il mercato dopo la liberalizzazione

Sarà importante mettere a fuoco le varie tipologie di assicurazioni e così capire quale tra di esse sia la più adatta a rispondere alle personali necessità. Solo così potrà essere fatta una scelta consapevole, cercando sempre e per quanto possibile di risparmiare. Non esiste una compagnia più economica a prescindere da tutto, in ogni caso passando in rassegna le proposte presenti specialmente online si potrà optare per la polizza auto maggiormente conveniente in base al profilo di ciascun guidatore.

La liberalizzazione dei mercati avvenuta nel 1994 ha aperto a una concorrenza sempre più agguerrita tra compagnie assicurative diverse, che cercano di ingraziarsi il favore dei clienti offrendo loro proposte sempre più allettanti e vantaggiose. Le polizze possono essere personalizzate e il relativo livello di personalizzazione dipende dal costo annuo imposto dell’Rca in base a fattori come tipo di vettura, caratteristiche del richiedente (età, professione…), sinistri accumulati nel tempo e così via. Quando si provvede al confronto delle offerte sarà comunque indispensabile valutare in modo attendo le clausole presenti.

Gli elementi da valutare per decidere in modo consapevole

La comparazione tra opzioni possibili dovrà essere effettuata indagando e valutando questi elementi. Si dovrà chiaramente guardare la tariffa relativa al primo anno ma senza dimenticare anche gli anni successivi, nel caso in cui dovessero verificarsi o meno degli incidenti. Occorre poi mettere a confronto i premi assicurativi offerti dalle singole realtà e richiedere i preventivi gratuiti per valutare clausole e dettagli in esse contenuti. L’esame deve riguardare l’ammontare del massimale e della franchigia, in più si dovranno controllare le garanzie opzionali comprese nel prezzo. Decisivo poi questo passaggio: verificare di essere stati correttamente inseriti nel proprio livello di bonus. Dovrà essere presente nella polizza l’estensione europea, infine si dovranno scandagliare eventuali clausole limitative oppure di esclusione.

Insomma è essenziale non fermarsi all’apparenza e dunque al prezzo più conveniente che viene presentato: come abbiamo visto questo aspetto è solo uno dei moltissimi da attenzionare. Massimale e franchigia in modo particolare sono importanti: il primo fa riferimento alla massima soglia e cifra che per un eventuale danno la compagnia è disposta a pagare, mentre il secondo riguarda una somma minima che l’assicurazione non copre.

Ecco le principali tipologie di assicurazione auto

E’ previsto per legge che ci si debba dotare di una polizza assicurativa comprensiva della copertura danni causati a terzi ovvero la Responsabilità civile auto (Rca) ma si può anche optare per altre assicurazioni facoltative (dette garanzie accessorie). Si può scegliere tra alcune assicurazioni facoltative per implementare l’Rca. Quali sono? Il riferimento è all’assicurazione furto e incendio, a quella relativa ai guasti accidentali detta Kasco e a quella relativa agli atti vandalici. Ma c’è anche la formula per i danni da eventi atmosferici, infortuni del conducente e sospensione della patente di guida.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *