Triumph TRIDENT 660, una entry-level superior

 Triumph TRIDENT 660, una entry-level superior

Mettere d’accordo motociclisti con personalità e gusti diversi, non è cosa facile, soprattutto perché a volte, si rischia di scontentare almeno in parte qualcuno di loro.

Ma in Triumph , anche a giudicare dagli ultimi modelli usciti, le sfide sembra non facciano più paura , anzi sembra quasi che piacciano!

Per cui, mouse e Pc agli ingegneri, con la ‘mission’ di sviluppare, o meglio di ricreare ex novo, una moto, che di evocativo deve avere solo il nome.

Una motocicletta con il bivalente compito di consolidarsi tra gli estimatori del brand, ma soprattutto di saperne attrarre di nuovi.

Una ‘Triple’ entry-level dall’elegante accento British

Il risultato la neonata Trident 660, una ‘Triple’ entry-level dall’elegante accento British , ma anche capace di essere dinamica e guizzante al punto giusto.

Non parlo solo di estetica, ma anzitutto di sostanza, ed ad Hinckley, il mestiere, lo sanno fare bene.

Devo però essere sincero fino in fondo. Quando ho sentito parlare le prime volte, di questo nuovo modello, sinceramente non capivo la necessità di avere in catalogo un’altra media, in quanto ne esisteva già una di  gran successo come la Street Triple.

Ma fin dalla presentazione stampa e soprattutto oggi dopo averla provata, mi hanno completamente convinto la qualità e bontà di questo progetto.

Cosa mi è piaciuto

🟢 – Estetica neoclassica sportiva dalle colorazioni ricercate;

🟢 – Compatta, Leggera, ed agilissima;

🟢 –  Qualità costruttiva e nelle dotazioni di serie ;

🟢 – Confortevole e dal feeling immediato grazie alla azzeccata triangolazione tra sella, pedane e manubrio ;

🟢 –  Motore molto fluido e gestibile;

🟢 – Bassi consumi quasi 20km/litro con un uso misto allegro ;

🟢 – Impianto frenante solido ed affidabile;

🟢 – Kit depotenziamento per patente A2

🟢 – Ottimo rapporto qualità/prezzo.

🟢 – Tagliando ogni 16.000km.

Cosa non mi è piaciuto

🔴 – Sterzo un po’ ridotto nelle manovre da fermo ;

🔴 –  Forcelle anteriori non regolabili ;

🔴 – Sella non molto comoda per il passeggero.

Prima di salire in sella guardiamo la gallery

Saliamo in Sella

L’estetica panciuta a e rassicurante, nasce dalla matita del designer italiano Rodolfo Frascoli,  che in questa raffinata  neo-British,  riesce scrupolosamente a coniugare le forme neoclassiche,  ad alcuni elementi decisamente da naked sportiva.

Le forme tondeggianti esaltate dal faro anteriore Full Led, insieme alle colorazioni eleganti,  rendono il colpo d’occhio decisamente molto gradevole.

Tolto il cavalletto e saliti in sella, si ha da subito la percezione di una moto Tailor made. La sella ad una altezza di 805mm, il serbatoio abbastanza svasato, il largo manubrio e le pedane leggermente arretrate, rendono la Trident 660 una moto in cui l’altezza, o come direbbe qualcuno la ‘bassezza’ del pilota non sono un problema.

Girata la chiave dal cruscotto TFT a colori, completo e di facile lettura, si possono velocemente selezionare due Riding Mode (Road e Rain) , cosi come, disinserire il controllo di trazione a richiesta.

Anche su questo modello , è possibile avere il sistema di connettività MY Triumph, per la gestione delle funzioni  navigatore, telefonino, camera GoPro e musica.

L’ottima dotazione di serie, non scontata per la categoria , si completa con acceleratore Ride by Wire.

Accesa la Roadster Inglese, con un sound inconfondibile, esprime tutto l’originalità del suo tre cilindri.

Il nuovo motore, frutto di una serie di interventi dedicati, è ora di 660cc, ed è capace di erogare 81cv. a 10.250 giri con una coppia di 64Nm. a 6250 giri.

Il risultato così ottenuto, rendono la Trident 660 estremamente facile e godibile nella guida in città , ed allo stesso modo anche molto divertente nella guida dinamica.

Se siamo davanti al primo di alcuni nuovi modelli Triumph, solo il tempo ce lo confermerà, ma sinceramente ne abbiamo il forte sospetto.

Quindi da guidare come è?

In città la neonata di casa Hinckley, è perfettamente a suo agio,  e fin  dai primi metri ci si instaura un feeling quasi inaspettato.

Complice il peso contenuto di 189kg, un cambio preciso ed una frizione molto morbida, risulta  facile districarsi tra rotonde e colonne d’auto.

La taratura delle sospensioni è azzeccata , e con una fluidità del motore soprattutto ai bassi regimi, da riferimento per il segmento, si viaggia in perfetto confort tra buche , binari e strade in porfido dei centri storici.

Proprio all’inconfondibile tre cilindri Triumph , a mio avviso va fatta una menzione particolare, in quanto spesso capace di supportare alcuni errori, soprattutto ai motociclisti meno esperti.

Ma la Trident 660, nasce e vuole essere una moto dai diversi DNA.

Portata tra le strade di montagna , dove le curve si inseriscono in paesaggi indimenticabili , la piccola inglese sembra diventare immediatamente adulta.

Le pedane leggermente arretrate, ci ricordano immediatamente che la seduta si predispone anche per una guida un po’ più allegra,  oserei dire con velleità quasi sportive.

Girata la manopola del gas con la giusta vigoria, l’ovattato sound del propulsore percepito precedentemente in città,  diventa più roco e rabbioso e comincia a fare da colonna sonora a traiettorie precise e facili da pennellare.

Nonostante l’andatura decisamente più Rock , rimane sempre la medesima percezione di facilità di guida, merito da una parte al Telaio in tubi di acciaio e dall’altra alla ciclistica, che vede all’anteriore una forcella SHOWA a steli rovesciati da 41mm, ed al posteriore un monoammortizzatore regolabile nel precarico sempre SHOWA, che  vanno in sofferenza solo se portati veramente al limite.

Curva dopo curva si percepisce quella  sensazione di assoluta sicurezza, grazie all’ottimo taratura del Traction Control (ricordarsi di disinserirlo quando si vuole impennare), mai troppo invasivo , ed anche all’ottimo comporto freni con sistema Abs, affidato a Nissin con un doppio disco del diametro 310 mm all’anteriore e a disco singolo di 255 mm al posteriore.

La dotazione di serie si completa, con pneumatici Michelin Pilot 5 di 120/70-17″ e 180/55-17″.

Conclusioni

Dopo una intera giornata,  parecchi chilometri percorsi e diverse condizioni d’uso, posso dire che mi sono divertito parecchio.

Questo lo devo all’ottimo lavoro fatto sulla Trident 660,  una roadster che sa  essere alla portata di tutti, dal motociclista più esperto a quello alle prime armi, ed aggiungo inoltre che per le sue caratteristiche, fortemente capace  di strizzare l’occhio al crescente numero di motocicliste.

Chi conosce il mondo Triumph è abituato all’alto livello qualitativo dei suoi modelli, peculiarità che nonostante il prezzo contenuto di 7.995,00 €, sono state mantenute anche in questa inglesina.

Ricchissima l’offerta degli optionals, tra cui alcune vere e proprie peculiarità per le categoria delle entry-level come manopole riscaldate, cambio quickshifter, ed il già citato Triumph Connectivity.

Da apprezzare inoltre l’ulteriore sforzo dell’azienda di portare l’intervallo dei tagliandi a 16.000 km.

I difetti sono difficili da trovare, se non quelli di puro gusto personale come qualche vibrazione sopra i 7000 giri, ed il non generoso angolo di sterzo nelle manovre da fermo, ma ripeto parliamo di gusti personali.

Si ringraziano :

Triumph Motorcycles – https://www.triumphmotorcycles.it/moto/roadsters/trident

Triumph Verona – https://www.triumphverona.it/

For editing & Video

Scatti al Volo di Sergio Cappelli


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *