A bordo della MINI Cooper S 5 porte a Lubecca

 A bordo della MINI Cooper S 5 porte a Lubecca

Se gli amburghesi sono attratti dalla spiaggia del Mar Baltico, possono seguire le indicazioni per Berlino. L’Autobahn 24 infatti non porta solo alla capitale, ma costituisce anche la prima tappa di un percorso particolarmente panoramico fino a Lubecca e da lì al mare. Dopo circa 40 chilometri di guida attraverso lo Schleswig-Holstein orientale, è il momento di passare dalla moderna autostrada alla “vecchia strada del sale”, soprattutto al volante della MINI Cooper S 5 porte (consumo di carburante combinato: 6,8 – 6,2 l/100 km secondo WLTP, 6,5 – 6,3 l/100 km secondo NEDC; emissioni di CO2 combinate: 154 – 141 g/km secondo WLTP, 149 – 144 g/km secondo NEDC), che può mostrare l’agilità tipica del marchio sulle tortuose strade di campagna. La storica strada commerciale del nord è il terreno ideale per il piacere di guida sulla strada verso la costa.

Sport

Il display dell’abitacolo e lo strumento centrale si illuminano in modalità “Sport”, il volante sportivo in pelle di nuova concezione si adatta perfettamente alle mani e il motore turbo a quattro cilindri con 131 kW/178 CV risponde spontaneamente a ogni variazione dell’acceleratore. Si tratta di un viaggio vivace tra prati verdi e campi rigogliosi attraverso la campagna scarsamente popolata fino a Mölln, una piccola città nel distretto di Herzogtum Lauenburg, circondata da laghi e conosciuta come la casa di Till Eulenspiegel. Il personaggio letterario fa riferimento a un burlone vagabondo che avrebbe preso in giro i suoi simili con ogni tipo di scherzo nel XIV secolo.

Città isola

Anche la seconda tappa del tour è circondata da laghi. Ratzeburg è conosciuta come la “città isola”. Poche centinaia di passi, in qualsiasi direzione, sono tutto ciò che serve ai visitatori per raggiungere la costa. La cattedrale di Ratzeburg merita di essere vista ed è uno dei più antichi edifici romanici in mattoni della Germania settentrionale. Proprio accanto, in un maniero barocco, un tempo risiedevano i duchi di Mecklenburg. La città è nota agli appassionati di sport per il Ratzeburger Achter. Nel club di canottaggio locale, il leggendario allenatore Karl Adam gettò le basi per l’Otto tedesco, il fiore all’occhiello dell’Associazione tedesca di canottaggio, che ha ripetutamente ottenuto grandi successi ai giochi olimpici e ai campionati mondiali dagli anni ’60.

Il percorso continua lungo la riva del lago verso Lubecca. Durante la guida attraverso Grönauer Heide, si può beneficiare dei vantaggi delle nuove sospensioni adattive nella MINI Cooper S 5 porte. Lo smorzamento a frequenza selettiva assicura ora un equilibrio ottimizzato tra sportività e comfort di guida. Il go-kart feeling tipico del marchio può essere percepito in ogni curva. Allo stesso tempo, una valvola aggiuntiva assicura una regolazione estremamente rapida delle forze di smorzamento, in modo che le caratteristiche di guida armoniose non siano disturbate nemmeno dalle asperità del fondo stradale.

Dopo ben 20 chilometri si raggiunge la città anseatica di Lubecca

La prima cosa che balza all’occhio è la Porta di Holsten. Il punto di riferimento della città è piuttosto storto, ma vale comunque la pena entrare, perché probabilmente rimarrà in questa posizione per altri 700 anni. Quando si visita la “Regina della Lega Anseatica”, così come viene chiamata Lubecca, la domanda sorge spontanea: cosa vedere prima? La città vecchia con i suoi stretti vicoli? I corridoi con i piccoli annessi dietro le case dei mercanti? Le magnifiche chiese? Lubecca fa parte del patrimonio culturale mondiale dell’Unesco e di conseguenza ha molto da offrire.

Il punto di partenza ideale per esplorare l’isola della città vecchia, grande appena due chilometri quadrati, è il mercato del municipio. Gli abitanti di Lubecca hanno impiegato 300 anni per costruirlo, combinando diverse epoche stilistiche dal gotico al rinascimento. Proprio accanto c’è la cattedrale di Santa Maria con la sua volta alta quasi 40 metri, che rappresenta ancora oggi un piccolo miracolo per gli ingegneri strutturali. Dopo tanta cultura, forse c’è bisogno di un po’ di zuccheri. Una visita al negozio di marzapane Niederegger, specialista di questa dolce prelibatezza, aiuterà. Qui si può scoprire il marzapane in tutte le varianti immaginabili. Come barretta, confetto o addirittura come gelato. E non dimentichiamo la torta di noci e panna con copertura di marzapane, per la quale i buongustai faranno molta strada. Se avete già deciso di optare per un gran numero di souvenir, non si avranno problemi di spazio nel bagagliaio della MINI Cooper S 5 porte. Contiene 278 litri con tutti e cinque i sedili in uso. Viceversa, può essere ampliato fino a 941 litri.

Le attrazioni letterarie sono a pochi passi

“La mia infanzia è stata cara e felice. Sono cresciuto con quattro fratelli e sorelle in un’elegante casa di città che mio padre aveva costruito per sé e la sua famiglia, e ho goduto di una seconda abitazione nella vecchia casa patronale del XVIII secolo, con il motto ‘Dominus providebit’ inciso sul frontone rococò, in cui mia nonna paterna abitava da sola e che oggi, come ‘Buddenbrook House’, è oggetto di curiosità per gli stranieri.” Così Thomas Mann descrive la casa dei suoi nonni, modello letterario per il romanzo Buddenbrooks, pubblicato nel 1901. Gran parte della storia si svolge in una “casa in Mengstraße”, che ha grandi somiglianze con la casa in Mengstraße 4 a Lubecca. Thomas Mann basa il suo romanzo sulla realtà storica, ma la trasforma in poesia. Dopo i trascorsi movimentati, la Buddenbrookhaus ospita oggi il Centro Heinrich e Thomas Mann, un centro di memoria e ricerca in onore dei due fratelli scrittori.

A Lubecca si trovano le tracce anche di un altro Premio Nobel per la letteratura. Günter Grass visse vicino alla città dal 1986 fino alla sua morte nel 2015 e mantenne il suo ufficio, segreteria e archivio nella Glockengießerstraße di Lubecca. La Casa Günter Grass è dedicata all’opera letteraria, pittorica e scultorea dello scrittore.

Infine, un terzo Premio Nobel è figlio della città di Lubecca

La Casa Willy Brandt è un museo e un memoriale del politico SPD nato a Lubecca, cancelliere tedesco e vincitore del premio Nobel per la pace. La mostra copre i periodi della vita di Willy Brandt – dalla sua infanzia e gioventù a Lubecca alla sua fuga in un cutter e all’esilio fino al suo periodo come sindaco di Berlino e il suo impegno per la pace, la libertà e l’applicazione dei diritti umani.

L’ultima tappa del tour è il distretto di Lubecca di Travemünde. A soli 20 chilometri dalle porte della città anseatica si trova la località balneare, la cui storia risale al 1800 e che ha avuto il suo periodo d’oro durante la Belle Epoque. In alcuni luoghi si sente ancora il soffio della storia – o è solo una leggera brezza del Mar Baltico? Il vecchio Kurhaus ospita ora un hotel benessere, e il casinò un tempo conosciuto in tutta Europa è ora un hotel di lusso.

Un nuovo splendore e una vita vivace si stanno sviluppando sulla penisola di Priwall. La punta della penisola appartiene in parte a Travemünde e in parte al Meclemburgo-Pomerania occidentale. Da qualche anno, la zona è stata completamente trasformata. Una nuova area vacanze è stata costruita direttamente sul fiume Trave, dove il barcone a quattro alberi “Passat” è ormeggiato. Appartamenti, porti turistici, boutique, caffè e ristoranti formano il nuovo volto della penisola, dotata anche di angoli tranquilli con la riserva naturale del Pötenitzer Wiek e alcune belle spiagge. E quando uno dei grandi traghetti scandinavi salpa dal Trave nel Mar Baltico, si riesce ancora percepire il grande mondo.

 

 

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *