Triumph Rocket 3 GT, stile e spessore superiore

 Triumph Rocket 3 GT, stile e spessore superiore

Mamma mia quanto è muscolosa! Questa è stata la mia prima esclamazione quando me la sono trovata davanti.  Le sensazione di possanza che si respira da ogni singolo componente della moto inglese, va ad incontrare una ricerca di stile,  che in questa Rocket 3 GT vede un eccellente connubio.

Prestanza e stile , sono a mio avviso i 2 elementi che sintetizzano questo vigoroso restyling. Il nuovo design, restituisce ora un modello che sembra più votato  per andare ad aggredire la strada, piuttosto che macinare chilometri in lunghi viaggi.

Sebbene le dimensioni siano molto generose , le linee della R 3GT ora, riescono ad avere un tono sportivo che mette l’accento su tutto il nuovo modello della casa di Hinckley, e si impongono quali dettami, di nuovi standard di mercato. 

Cosa mi è piaciuto

🟢 – La sensazione di comando che si ha una volta in sella ;

🟢 – Estetica che strizza l’occhio ad una Special; ;

🟢 – La cura maniacale dei dettagli con cui ci ha abituato Triumph;

🟢 – Motore che spinge senza essere brutale e soprattutto, che non scalda;

🟢 – Comparto freni da Superbike;

🟢 – Assenza di fili e/o cablaggi a vista;

🟢 – Posizione di Guida Regolabile;

🟢 – Sistema di controllo integrato per GoPro e Sistema Navigazione Google.

🟢 – Integrazione completa con Smartphone– App My Triumph Gratuita per IOS e Android

Cosa non mi è piaciuto

🔴 –  Il peso della moto non è chiaramente un difetto, ma un particolare da tenere sempre in considerazione ;

🔴 –  Marcato auto raddrizzamento in curva se si va a sollecitare il freno anteriore, a anche questo non è un difetto ma il risultato della  misura dei pneumatici ;

🔴 – Consumi, ma ricordiamo che stiamo guidando un 2458 cc.;

 Saliamo in Sella… ma prima la gallery

Che stiamo parlando di una Muscle-Cruise, è pressoché indiscutibile. Da ogni lato la si guardi, la nuova Rocket 3GT sembra voler dire ‘Non per Tutti’

Il nuovo design , proietta questo nuovo modello Triumph in ‘un mondo che non c’è’ – Le dimensioni generose con richiami da moto ‘Special’ , sembrano meno invadenti grazie ad una scelta di linee , che comunque la rendono affilata e tagliente l’orizzonte.

Le sensazioni prendono forma nel momento in cui ci si sale sopra,  e si comincia a metterla in movimento. Complice un cavalletto perfettamente posizionato, risulta inspiegabilmente leggera da sollevare, cosi come negli  spostamenti da ferma, frutto di un eccellente  lavoro fatto sul bilanciamenti dei pesi da parte dell’azienda inglese.

Con la chiave keyless in tasca accendiamo il cruscotto TFT, che con delle forme da Café Racer , risulta estremamente moderno e chiaro nei comandi.

In maniera semplice ed intuitiva troviamo quindi la gestione delle mappe motore (4 Riding Mode di cui uno personalizzabile), la scelta del Controllo di Trazione, Abs di tipo Cornering , elettronica di ultima generazione che sfrutta la piattaforma IMU per renderla bella e sicura da guidare.

Che si sia davanti ad un modello di tipo Premium , lo si nota anche da tutta quella che è l’attenzione posta ai dettagli, nonché alla dotazione di serie che prevede anche Cruise Control, Assistenza alla partenza in salita, manopole riscaldate , solo per citare alcuni preziosismi di cui è dotata Rocket 3 .

Se da un lato domina imperturbato lo scarico 3 in 1, dalla parte opposta brilla la pulizia delle geometrie, esaltate dall’assenza completa di cavi e/o cablaggi a vista e dai particolari in acciaio ed alluminio spazzolati.

Che questa Triumph sia il miglior biglietto da visita per l’azienda di Hinckley, lo troviamo anche al reparto sospensioni, che mostra in bella vista all’anteriore una forcella Showa da 47 mm, ed al posteriore uno Showa PiggyBack, entrambi  completamente regolabili.

Il comparto ciclistico continua con un telaio in alluminio a cui è collegato il forcellone monobraccio leggermente disassato,  anch’esso in alluminio, quest’ultimo che lascia dominare la ruota posteriore che monta pneumatici appositamente sviluppati per la Rocket 3 Avon Cobra da 240/50/ZR16, mentre all’anteriore abbiamo un generoso 150/80/ZR17.

Completano la panoramica l’impianto freni da super sportiva con doppio freno a disco anteriore con pinze Brembo M4.30 Stylema, monoblocco ad attacco radiale, ed un il gruppo ottico Full Led con luci diurne DRL

Quindi da guidare come è? 

Passati quindi i primi 5 minuti fermo in sella, per adattarmi alle dimensioni (310kg di peso in ordine di marcia non sono proprio da sottovalutare), ed a regolarmi alcuni comandi della moto (ricordo che ha anche le pedane regolabili) , arriva finalmente il momento di guidarla e trascorrerci questa giornata molto autunnale. La tranquillità appena raggiunta , prende la prima scossa all’accensione del più grande e poderoso motore di serie oggi sul mercato , il tre cilindri longitudinale da 2.458 cc , che sviluppa 167 Cv,  con una coppia da cyberspazio di ben 221 Nm. a 4.000 giri.

Il sound che ne esce sembra esaltare, quasi ce ne fosse bisogno una volta di più, che siamo davanti ad una Super-Cruiser .

Mossi i primi metri nel traffico, mi rendo conto di come la Rocket 3 sia perfettamente bilanciata, e grazie ad un lavoro straordinario fatto sul motore , che prevede già la omologazione Euro  5, lo stesso risulti fruibile e facile da gestire anche ai bassi regimi e con qualunque marcia inserita .

Il cambio grazie alla frizione idraulica, risulta morbido come il burro,  e la guida  risulta  molto più semplice di quanto mi aspettassi.

Il modello in prova è la versione GT, che nasce per volontà del produttore per chi ama i viaggi, con quindi,  una dotazione che prevede alcuni accessori specifici come, pedane avanzate , sella più bassa,  manubrio più comodo , cupolino più protettivo, e paraschiena per il trasportato. Il modello R invece nasce per chi ha una indole un po’ più sportiva.

Appena possibile, mi infilo quindi in tangenziale con la voglia di macinare chilometri, e comincio a sollecitare il vigoroso motore (capace di uno da 0 a 100 in meno di 3 secondi). Ad ogni rotazione del polso, vengono restituite accelerazioni brucianti, che mi fanno spesso trovare con le braccia completamente distese, quasi a volermele strappare dal manubrio.

La giornata è uggiosa, le temperature sono basse, e stiamo percorrendo strade trafficate ,  per cui decido di non esagerare , ma percepisco comunque come l’elettronica stia lavorando perfettamente per gestire le mie richieste , e farmi viaggiare in piena sicurezza.

Le comodità ci sono ed è giusto sfruttarle, per cui di li a poco aziono il Cruise Control ed accendo le manopole riscaldate, ed il mio viaggio diventa veramente comodo e confortevole, grazie anche ad una sella bassa e comoda.

Scorrono i chilometri sotto le ruote , ed arriva il momento di portare la Rocket 3 Gt , a fare un po’ di vere curve in  montagna. Da quando sono salito in sella,  ne sto apprezzando il  modo tondo in cui si fa guidare.

Te l’aspetti difficile ed impegnativa ed invece è maneggevole e stabile. Che il peso si percepisca poco, non significa che non ci sia. Le curve si affrontano facendola scorrere piuttosto che forzandola con traiettorie improvvise. Non è sicuramente la moto da discesa in pieghe vertiginose , ma se  guidata rispettando il suo Dna, regala divertimento assicurato.

Conclusioni

Che la Rocket 3 rappresenti lo stato dell’arte per l’azienda di Hinckley, è palesemente davanti agli occhi di tutti. Come ogni giornata di test che giunge al termine,  questa avrei voluto durasse di più,  e che magari il clima fosse anche più caldo, ma nonostante tutto mi porto a casa veramente tante ed ottime impressioni di guida. Motore, ciclistica, elettronica ed impianto frenante lavorano arroganti e regalano forti emozioni in ogni  momento, sia che ci si trovi nella guida urbana sia che si affronti un viaggio.

Nonostante la mole importante,  questa Triumph è incredibilmente facile da condurre, ed in merito alle sensazioni di controllo e sicurezza, quelle fanno sicuramente da  colonna sonora a chi la guida.

E’ molto facile farsi portare dalla Rocket 3 nel suo mondo, e farti dimenticare di essere in città, al lago o in altura , quello che domina comunque è sempre lei. Due i modelli in vendita e diverse colorazioni, la R a 22.500,00 € e la GT a 23.300,00 €

Ringrazio per la collaborazione :

Concessionario :


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *