Suzuki Vstrom 1050 XT, evocazioni dakariane

 Suzuki Vstrom 1050 XT, evocazioni dakariane

L’ estetica di una moto , non possiamo nascondercelo , è sempre un elemento distintivo. Ecco quindi che quando le linee ti evocano bei ricordi passati, non si può a quel punto non essere tentati di salirci a bordo ed andare a provarla.

Questo è stata la mia prima sensazione, che ho provato alla vista della nuova Suzuki VStrom 1050XT .

Quel becco, quel faro rettangolare, quel serbatoio capiente ,  tutti elementi che mi hanno immediatamente suggestionato e nel quale rivedo in veste moderna , la storica Dakariana Suzuki DR Big.

Non a caso il nuovo modello di casa Hamamatsu , esce dalla penna, o per meglio dire  oggi dal mouse,  della stessa persona che ha progettato lo storico esemplare impiegato nelle gare OffRoad degli anni ’80.

Una moto che da subito non colpisce per avere delle linee modaiole, ma dichiara di essere votata alla sostanza , e per motociclisti che amano viaggiare.

Cosa mi è piaciuto

🟢 – Design evocativo delle Dakariana DR 750 Big ;

🟢 – Rinnovata elettronica che introduce piattaforma IMU a 6 assi con Abs Cornering, aggiornamenti sul Traction Control e ripartitore di frenata in base al carico ;

🟢 – Motore fluido ed amichevole da subito, e che diventa arrogante quando si apre la manopola del gas;

🟢 – Sofisticato, moderno ed ottimo comparto freni ;

🟢 – Cambio molto preciso in ogni circostanza, con frizione molto morbida ;

🟢 – Sella su due livelli , molto confortevole sia per il pilota che per il passeggero ;

🟢 – Molto comoda e facile per viaggiare, sia  con andatura da crossover che in modalità più sportiva.

Cosa non mi è piaciuto 

🔴 – Parabrezza regolabile solo dall’esterno ;

🔴 – Abs non disinseribile in caso di guida in Offroad ;

🔴 – Assenza schermo TFT con connettività ;

🔴 – Aggancio del paramani di sinistra – rende la regolazione della leva frizione difficoltosa per chi ha mani un po’ grandi;

Saliamo in Sella, ma prima la gallery

Quando parliamo di VStrom , in casa Suzuki si parla di ammiraglia e nel caso specifico la 1000 XT , è sicuramente il top di gamma tra le crossover del marchio nipponico. 

Che sia un modello importante, e nel quale la brand giapponese ci stia scommettendo, è chiaro nelle intenzioni da subito.

Nell’osservarla, e nel prenderci contatto fisicamente, si capisce come la cura di tutti i dettagli sia stata presa in considerazione, con la chiara volontà, di far fare a questo modello , il giusto salto di qualità rispetto quello procedente, risalente ormai al 2013.

Una volta girata la chiave ed accesa, ci si presenta davanti uno schermo LCD multifunzione, che attraverso il Suzuki Drive Mode Selector , permette di selezionare 3 diversi tipi di modalità di guida (Mappe che intervengono solo sulla risposta dell’acceleratore, ma non sulla potenza a disposizione) , 3 tipi di Traction Control e 2 tipi di modalità dell’Abs.

Ma le novità più importanti a livello elettronico, riguardano l’adozione grazie a Bosch, della piattaforma inerziale ai 6 assi , (novità rispetto ai 5 precedenti) , acceleratore Ride by wire, Cruise controlAbs di tipo Cornering , assistenza per partenza in salita (Suzuki Easy Start System)  e assistente alla frenata in discesa ( Low RPM Assist System).

Le migliorie di sostanza però, non hanno riguardato solo la parte elettronica , bensì tutta la moto. Per cui, per il reparto motore rimane il bicilindrico a V con una invariata  cubatura , mentre  la potenza è aumentata da 100,6Cv a 107,4Cv.

Inoltre ora,  grazie al nuovo sistema di scarico, la VStrom risulta già di essere in regola con la normativa Euro 5. Ottima ciclistica confermata con il telaio a doppio trave, e sospensioni completamente regolabili Kayaba.

Dotazione da Premium anche per l’Impianto frenante con pinze monoblocco Tokico ad attacco radiale all’anteriore e Nissin con pistoncini al posteriore, e che grazie alla evoluta elettronica,  gestiscono il sistema #Frenainpiega , (così lo chiama Suzuki per via del brevetto depositato ), l’ Abs Cornering,

Concludono la dotazione del modello in prova 1050 XT, i cerchi a raggi  con anteriore da 19 pollici e posteriore da 17’ , e gommatura di tipo tubeless con Bridgestone Battlax Adventure A41 di primo equipaggiamento. 

Quindi da guidare come è? 

Mammano che mi avvicino per salirci in sella, non nascondo che la Vstrom XT mi ruba l’occhio, rispetto altre moto parcheggiate vicino. Quella somiglianza con la DR, abbinata alle  nuove colorazioni, mi fanno salire la voglia di portarla a fare un giro sia per le strade delle Dolomiti, che in qualche pezzetto di sterrato.

Nell spostamento da fermo , si fanno sentire i suoi quasi 250 kg , ma appena si ingranano le marce , tutto diventa facile e gradevole.

La mia voglia di andare a percorrere belle curve in montagna , sale repentinamente, già finchè mi sto muovendo nel traffico urbano, ma percepisco da subito, come la moto per ciclistica e motore , sia ottimamente studiata anche per un uso quotidiano.

Nonostante una apparenza da Maxi , la Vstrom 1050XT ha ingombri ridotti, e l’ottima posizione in sella con una  altezza di 90 cm circa regolabile di ulteriori 2 cm, ci fa risultare molto comodi , sia per la sella molto confortevole, sia per una  frizione e  cambio molto modulabili e morbidi. Per la frizione si parla di  Suzuki Assist Clutch System, che funziona come una frizione assistita, per rendere più facile l’azionamento della leva.

Appena si esce dai centri abitati, si nota come questa Suzuki, sia stata pensata per i viaggi, ed appena possibile, sfrutto il Cruise Control di serie, ottimo soprattutto per i grandi spostamenti autostradali.

La buona taratura di base delle sospensioni, va molto bene finché si viaggia da soli, ed il ritmo rimane morbido, ma appena si decide di viaggiare un po’ più rock è bene sfruttare l’ottimo comparto ciclistico, con le sue personalizzabili regolazioni, ed adattarlo a seconda delle esigenze specifiche del pilota, sia esso in una gita in solitario che in coppia.

Nel salire in montagna , la Vstrom fa apprezzare come sia precisa ed immediata negli inserimenti in curva, un ottimo compromesso tra stabilità e confort. Il motore stupisce per vigoria (grazie alle 3 mappe selezionabili), e fa uscire il vero carattere di questa Endurona , quasi in certi casi, a farla sembrare una Naked,  riuscendo a strapparmi più di qualche sorriso sotto il casco.

Relativamente all’argomento mappe motore penso che la ‘C’ sia quella più idonea quando si viaggia in coppia , per far risultare più confortevole la risposta dell’acceleratore al passeggero.

Menzione di rilievo va fatta sicuramente ai nuovi aiuti alla frenata, di cui è dotata la Vstrom XT. La potenza dell’impianto è ottima ed ora modulata anche nella discesa in piega.  Inoltre risulta ripartita tra i 2 assi in base al carico

Conclusioni

Nel riconsegnare la moto , dico la verità ripensavo a tutte le mie sensazioni provate nel  guidarla.

In tutti i miei giudizi positivi, devo però inserire qualche nota più pacata , e del tutto personale. Essendo una Maxi Enduro pensata per un uso a 360 gradi, e quindi anche per essere portata in qualche strada sterrata, alcuni aspetti come altezza terra, gomme di primo equipaggiamento ed Abs non escludibile, a mio avviso la fanno risultare idonea solo a sterrati molto facili.

L’assenza di uno schermo TFT senza connettività, rientra tra gli optional non indispensabili, e forse va bene per tenere un prezzo di assoluto rispetto , ma l’Lcd presente , risulta troppo saturo di informazioni, tali che si fa quasi fatica ad interpretarle.

Che si parli dall’inizio di una moto di sostanza , lo si capisce anche per l’assenza di un cambio elettronico, almeno nella funzione UP (in salita), ormai strano per la categoria rispetto la concorrenza.

Detto tutto ciò, ribadisco l’ottimo lavoro di Suzuki , percepito fin dal primo momento  , ma è stato durante l’intera prova, nel prendere mammano sempre più confidenza con la moto , che ne ho potuto apprezzarne le migliorie fino in fondo, promuovendola a pieni voti.

Particolare interessante il prezzo. La VStrom 1050XT esce a € 12.890,00 f.c., che la posizionano sicuramente tra le più apprezzate e vendute in Italia.

Ringrazio per la collaborazione https://moto.suzuki.it/

Concessionario : https://www.suzukiverona.it/https://www.scootermaniavr.it/


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *