VOGE Trofeo 300AC, Cafe Racer Chic e non solo

 VOGE Trofeo 300AC, Cafe Racer Chic e non solo

Lasciatemi partire dalla fine, doveva essere una prova con una moto apparentemente dalle velleità solo stilose , o come lo definisce la stessa casa madre una ‘Advanced Classic’ ed invece la Trofeo 300AC , si è rivelato un modello estremamente raffinato e piacevole da guidare.

La mission del brand VOGE , marchio premium del colosso LONCIN Motorcycle, è quella di creare moto distintive , che uniscano qualità costruttiva con un design evoluto e ricercato , ed in questo modello ne troviamo la maggior espressione,  con linee decisamente classiche ed eleganti, ma allo stesso tempo giovani e moderne.

Da qualunque lato la guardiamo, si evidenzia un incontro di forme perfettamente assemblate, che viene sottolineato da cromature, il bronzo , il verde opaco , il nero lucido ed opaco , particolarmente raffinate

Cosa mi è piaciuto

🟢 – Eleganza ricercata del design e nella scelta delle cromie da vera Cafè Racer Chic !! ;

🟢 – Leggera e maneggevole con un ottimo confort nella guida;

🟢 – Motore estremamente progressivo , e che non strappa nemmeno ai regimi più bassi;

🟢 – Impianto freni che assicura una ottima frenata ;

🟢 – Scarico dal suono originale ;

🟢 – Ottima cura dei dettagli ;

🟢 – Consumi ridottissimi , la casa dichiara oltre 34 km/L, ed in effetti lo confermo;

Cosa non mi è piaciuto

🔴 – Inclinazione del cruscotto , l’avrei voluto almeno leggermente rivolto verso chi guida, per una migliore consultazione;

🔴 – Qualche vibrazione ai regimi più;

Prima di salire in sella, guarda la gallery

Saliamo in Sella

Prima di salire sulla Trofeo 300AC, ci ho fatto qualche giro attorno ancora in cavalletto , guardandola e riguardandola, con sensazioni che se da una parte mi sembrava una moto di cilindrata superiore , dall’altra venivo catturato dalla cura dei dettagli.

Quei gruppi ottici a led molto particolari, che vedono nel faro anteriore con le sue dimensioni generose, la massima espressione di originalità. Le colorazioni verde opaca, nero lucido o opaco per finire col bronzo, che definiscono i dettagli della moto. La linea filante grazie alla targa montata sulla parte bassa . I componenti tutti apparentemente assemblati con gran cura.

Come dicevo tutto ciò mi fa percepire di aver a che fare con una moto , in cui nulla è stato lasciato indietro.

Ritrovo già in questo modello, che di fatto dovrebbe essere una moto Neo-Classic ma sicuramente Entry-Level, già tutta la filosofia VOGE , la quale ci dice che come Mission , vuole creare modelli di stile , che sappiano accendere la passione e la voglia di libertà.

Appena si avvia la Trofeo 300AC, emette un sound dai toni cupi in pieno stile Cafè Racer .

Il cruscotto digitale si presenta chiaro e con tutte le informazioni utili, anche se per cura estetica è stato fatto molto piccolo, ed è compreso l’indicatore di marce.

Io personalmente lo avrei preferito leggermente inclinato di più verso il conducente per una miglior lettura, ma parlo per un puro gusto personale.

Il motore è un monocilindrico 4T 292cc. da circa 25Cv, che sembrerebbero scarsi , ma che nella guida invece , io ho trovato assolutamente sufficienti per potersi divertire , grazie anche ad una erogazione sempre fluida , anche quando si va a riprendere il gas ai regimi più bassi.

Seduto in sella , mi trovo immediatamente a mio agio, e ben posizionato con i piedi che poggiano saldamente a terra. Direi che la sensazione , è di una ottima triangolazione manubrio, pedane e sella per motociclisti con una statura dai 155 ai 180cm al max. Per le persone più alte forse qualche accorgimento bisogna farlo.

Ma ora è giunto il momento di portarla a fare un giro , e fortunatamente la giornata sebbene già autunnale nelle temperature , ci regala però un bel sole.

Quindi da guidare come è?

Scelgo come prima tappa, un giro in città per poterla provare nelle classiche situazioni , di traffico , buche , pavè , binari, tombini, insomma in quel contesto tipicamente urbano , per la quale penso l’utilizzo di questa ‘Advance-Classic’ sia stata concepita.

La Trofeo 300AC si fa guidare con estrema facilità, è leggera con i suoi 159 kg e maneggevole

Le sospensioni lavorano perfettamente, assecondando tutte le asperità dell’asfalto e grazie ad una sella ben imbottita e comoda , ci regalano una andatura in tutto confort.

Entrando nello specifico tecnico , alla voce ciclistica troviamo all’anteriore una  forcella upside-down da 35mm ed al posteriore un monoammortizzatore regolabile nel precarico , già di base ottimamente tarati, ed il tutto collegato da un telaio in tubi d’acciaio.

La dotazione di serie si completa un cerchi anteriore e posteriori da 17 pollici, che ci permettono di avere una guida sia tranquilla che anche un po’ sportiveggiante , nel momento in cui si decide di alzare i regimi del motore.

Già il motore , proprio a quello facciamo una menzione particolare perché l’ho trovato, estremamente fruibile e godibile. La risposta dell’acceleratore è progressiva ed immediata , ma non desta mai imbarazzo, è proprio come te lo aspetti. Un motore che può essere usato con delicatezza ma allo stesso tempo se lo si sollecita risulta spavaldo,  e regala qualche accelerazione assai divertente, anche perché accompagnata da un sound cupo molto retrò

Anche all’impianto freni devo fare i complimenti, il quale risulta sempre ben proporzionato e moto efficace, grazie al  doppio freno a disco da 300 mm. anteriore ;

Le linee di questa ‘Neo-Classic’ nel traffico si fanno notare, e vedo che al mio passaggio che le persone si girano incuriositi a guardarla, anche i più giovani, sinonimo che la VOGE con questo modello ha fatto un ottimo lavoro , proprio anche di stile.

Uscito dalla città , mi dirigo verso laghi e montagne , perché la curiosità mi porta a voler provare se la Trofeo 300AC  , possa anche essere una compagna , non dico di viaggio , ma di divertimento almeno nelle gite fuori porta

Attraversando strade , molto meno trafficate , e con molte più curve , riesco ad apprezzare altre caratteristiche. Anche a velocità più sostenute , la moto risulta sempre facile ma comunque solida ed efficace.

Macino con facilità chilometri disegnando traiettorie quasi come se stessi guidando una moto sportiva,  ed anche in questo caso si fa apprezzare il comparto sospensioni, che ne esce tutt’altro che in sofferenza, anzi ,  sebbene abbastanza sollecitato , facendomi ricordare che la Trofeo 300AC strizza l’occhio ai giovani, e  non vuole sfigurare nemmeno in sportività.

Conclusioni

Posso serenamente affermare che la ‘piccola Cafè Racer’ di casa VOGE, è forse la moto che mi ha stupito di più, dei loro modelli.

Con la Trofeo 300AC ho viaggiato tutto il giorno, spesso non rendendomi conto che ero su un modello di piccola cilindrata.

Mi ha fatto capire una volta di più, anche se non ce ne era bisogno, che le aziende di moto, stanno immettendo sul mercato modelli, che se pur di cilindrate inferiori, rimangono comunque ottimamente progettati e costruiti, e che non hanno nulla da invidiare , a quelli di cilindrate superiori o regine , e sicuramente questi ultimi più gestiti da sofisticati sistemi   elettronici .

Pur rimanendo fedele ed un omaggio alle linee Classiche , la Trofeo 300AC  risulta essere una elegante, tecnologia e moderna ‘Urban-Bike’, e l’ho trovata in ogni situazione una moto molto piacevole da guidare.- 

Si ringrazia

Il concessionario Dear Moto Srl –

https://www.dearmoto.it/

Si ringrazia :

https://vogeitaly.it/#

https://vogeitaly.it/trofeo-300ac/

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *