La situazione delle gomme auto: riciclaggio e nuove tecnologie in vista

 La situazione delle gomme auto: riciclaggio e nuove tecnologie in vista

Reportlinker.com ha annunciato la pubblicazione del rapporto “Global Tires Industry”: sulla base di questo rapporto, possiamo dire che le gomme che meglio riusciranno a tenere in vita questo settore del mercato saranno quelle di alta qualità, in qualche modo dotate di speciali dotazioni, che permettano di far girare la macchina ad alta velocità, con bassa resistenza al rotolamento, alto isolamento per ridurre il rumore della strada, ammortizzamento aggiuntivo e scanalature e modelli innovativi del battistrada. La domanda di sostituzione rimane fondamentale per la crescita del mercato, dato che la maggior parte degli pneumatici non viene (per fortuna) ben consumata prima di essere gettata. Anche se un pneumatico medio per auto è costruito per durare da 30.000 a 50.000 chilometri, la sostituzione spesso avviene molto prima. Alcuni fattori responsabili dell’usura prematura sono senza dubbio il consumo irregolare e accelerato dei pneumatici, causato da un disallineamento delle ruote, da sospensioni usurate e da un gonfiaggio improprio delle ruote. Il sovraccarico dei veicoli commerciali è un’altra ragione causante l’usura prematura del battistrada dei pneumatici di camion, rimorchi e furgoni. Nei prossimi anni i pneumatici intelligenti con sensori incorporati, in grado di avvisarci del consumo di gomma, saranno sempre più diffusi: Continental pneumatici di pitstop24 ne sta già presentando vari modelli.

MA IL RICICLAGGIO DELLE VECCHIE GOMME?

Anche ilriciclaggio dei pneumatici rappresenta un tema importante sul mercato, dato che la maggior parte dei pneumatici, dopo la fine del loro ciclo di vita, finisce in siti di stoccaggio a terra, che a loro volta rappresentano una grave minaccia per l’ambiente e la salute umana, poiché lo stoccaggio e l’accumulo di pneumatici comporta la fuoriuscita di tossine nel terreno in condizioni di umidità. L’UE è in testa alla corsa per l’implementazione di sistemi efficaci di riciclaggio dei pneumatici, grazie all’introduzione di mandati normativi assai efficaci. La percentuale di riciclaggio dei pneumatici nell’UE si aggira intorno al 95% ed è seguita dal Giappone con l’89% e dal Canada con l’80%.

LA SITUAZIONE IN UE

Inoltre, l’UE ha già vietato le discariche, una strategia che viene seguita da vari paesi del mondo. Il riciclaggio in Europa è un’attività massiccia e redditizia e le aziende investono continuamente nello sviluppo di nuove tecnologie in questo settore.
I produttori di pneumatici sono tassati per l’inquinamento ambientale causato dagli stessi, o sono obbligati a partecipare al modello di “deposito e restituzione” sviluppato per generare fondi per far fronte ai costi di raccolta e di smaltimento. In un contesto di crescente enfasi sulla gestione dei rifiuti, la responsabilità estesa al produttore sta diventando sempre più popolare, poiché i governi cercano di integrare i costi ambientali del ciclo di vita di un prodotto nel prezzo di mercato del prodotto stesso, muovendosi in maniera molto intelligente.

IL MERCATO ASIATICO EMERGENTE

L’Asia, Cina compresa, è un mercato importante, guidato da fattori quali la crescita della popolazione e le esigenze di trasporto, le forti opportunità di aftermarket alimentate dalle cattive condizioni delle strade nelle economie asiatiche emergenti e l’aumento del rischio di forature, il calo dei prezzi del petrolio, l’aumento dei chilometri percorsi dai veicoli e dell’usura dei pneumatici e la forte domanda di sostituzione, la continua tendenza alla radializzazione dei veicoli commerciali e dei pneumatici per autovetture nella maggior parte dei paesi emergenti del sud-est asiatico e la crescente severità delle norme di sicurezza, fanno di questo mercato un porto sicuro sul quale puntare.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *