Tiger 900 Rally Pro,non 1 bensì 3 passi avanti rispetto al sorellina 800

 Tiger 900 Rally Pro,non 1 bensì 3 passi avanti rispetto al sorellina 800

Non 1 bensì 3 passi avanti rispetto al sorellina 800, così potrei riassumere la mia prova moto. Complimenti a Triumph che è riuscita nel passaggio tra 800 e 900 cc. a migliorare magnificamente una moto che già andava molto bene.

Cosa hanno migliorato

Tutto! – Motore, ciclistica, gestione dei pesi, elettronica

Cosa mi è piaciuto

  • erogazione del motore che anche ai bassi regimi risulta elastico e fruibile ;  la nuova distribuzione degli scoppi le dà quel carattere che prima le mancava ; è un 3 cilindri ma si comporta come un bicilindrico in certi casi ed in altri come un 4 cilindri;
  • spostamento del baricentro in basso ed avanzato (rende la moto ancora più facile da guidare;
  • frenata sicura e precisa in ogni circostanza (grazie al top impianto Brembo con Abs Cornering;
  • raggio 21 all’anteriore , la alza si un pochino rispetto la sorella Gt , ma ti porta a dimenticarti delle sconnessioni dell’asfalto; e quando decidi di fare un po’ di off , sei subito a tuo agio;
  • posizione di guida – triangolazione tra sella, manubrio e pedane a mio avviso ottima , non stanca sia nella guida turistica  che nella guida direi un po più Rock;
  • estetica moderna ed accattivante – un giusto mix tra eleganza sportività- grazie all’ottima pena del designer italiano Rodolfo Frascoli;
  • assemblaggi e blocchetti ben fatti e curati da vera cruiser premium, con comandi retroilluminati;
  • facile ed intuitivo la gestione delle piattaforma inerziale che agisce su Abs, su Traction Control e sulle varie mappe, il tutto racchiuso in un cruscotto Tft da 7 pollici a colori;
  • sella alta ma non altissima , quindi adatta anche a chi come me raggiunge di poco i 170cm.

Cosa non mi è piaciuto

  • downshift (funziona bene) ma continuo a gradire ad essere ancora io a gestire la frizione in scalata !!
  • pneumatici della versione in prova troppo stradali , essendo il modello Rally preferisco un tassellato che sia bivalente per l’uso sia on che off road
  • da ferma metterla sul cavalletto centrale chiede una certa forza.

Prima di salire in sella sfogliamo la gallery

Saliamo in sella

Appena accendi il quadro ti si presenta un generoso TFT a colori , che racchiude tantissime informazioni e ti permette in maniera molto semplice di scegliere tra varie mappe già preimpostate (Road, Sport , Rain o Offroad)  oppure di calibrarne una ad Hoc con i setting di tuo gradimento. Mettendosi alla guida si ha subito una sensazione di guidare una moto , qualitativamente ben costruita e curata anche nei particolari.

La nuova distribuzione degli scoppi (1.3.2), crea un sound profondo che scandisce da subito , soprattutto ai bassi regimi una risposta più corposa ed una reattività da bicilindrica purosangue. A livello personale nella guida stradale  , continuo a preferire moto con potenza sotto i 100 cavalli – ritengo che per viaggiare e divertirsi c’è ne siano fin troppi.

In questo caso abbiamo 95 Cv come la versione precedente, ma  sebbene questo dato non sia cambiato, quello che veramente è cambiata è la coppia, che ha subito una iniezione del 10% di potenza che trovano il giusto coronamento all’apertura della manopola del gas producendo un concerto, tra sound ed accelerazione, di puro divertimento.

La cura del particolare, in Triumph e storia nota, ma in questa moto rispetto la precedente lo si nota ancora di più.

Le migliorie hanno riguardato tutto , dalla ciclistica , con un nuovo telaio ed un impianto sospensioni in questa versione Top affidato a Showa , alla elettronica con nuove e più raffinate tecnologie, come la piattaforma che gestisce Tractione Control e l’Abs di tipo cornering.

Quindi da guidare come è

Come dicevo, una moto comoda grazie ad una rivista posizione di guida ed una sella più stretta che ti fa appoggiare meglio i piedi a terra. Una moto facile ed intuitiva da subito , che con il nuovo baricentro più basso,  ti premette di farla scorrere veloce tra le curve, ma anche di farti fare le manovre lente con estrema disinvoltura. Negli ultimi tempi sto apprezzando sempre di più il Raggio 21 della ruota anteriore , che se da una parte ti regala curve tonde meno spigolate  , dall’altra ti fa scorrere nelle strade cittadine senza quasi percepire le asperità degli asfalti rovinati, buche , tombini , canalette, rotaie etc.

Sa essere molto divertente , perché il tre cilindri inglese c’è sempre , sia a bassi regimi che ai medi. Il risultato è che la si può guidare da una parte facendo emergere il suo lato sportivo accentuato da un buonissimo cambio elettronico sia Up che down, come pure farsi condurre per strade ed autostrade per lunghi e comodi viaggi.

L’unica nota negativa della mia prova , essendo la versione Rally Pro non aver trovato la moto equipaggiata con un pneumatico più idoneo all’uso anche in Off Road , per cui ho avuto il coraggio di farle fare solo brevi strade sterrate per poter provare la mappa Offroad.

Concludendo ritengo che nell’attuale mercato delle sport Tourer la Tiger 900  la troveremo a dare molto filo da torcere a modelli quali Africa Twin e Ktm 790 AdvR.

Uno speciale ringraziamento a tutta la concessionaria Triumph Verona, per la la loro sempre generosa disponibilità.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *