Voge Valico 500 DS, la prova di Cristiano Ochs

 Voge Valico 500 DS, la prova di Cristiano Ochs

Quando in Cina  si mettono in testa qualcosa, è solo una questione di tempo, ma ormai abbiamo capito che le cose le fanno ed anzi le sanno fare anche  molto bene. L’ultima dimostrazione la troviamo nella nuova Voge Valico 500DS, una Moto da Turismo del marchio Voge, ossia del marchio Premium del colosso Loncin Motorcycle.

Quando si parla di marchi Premium siamo abituati ad aspettarci quel qualcosa in più  e quindi le attese sono state rispettate?

Voge Valico: Scommessa o già Certezza ?

Le sfide sono fatte per essere vissute, e questa da quando me l’hanno proposta, era tra quelle che mi destava molto interesse. Il motivo è molto semplice, mi era stato detto che l’azienda aveva intenzione di entrare nel mercato europeo dalla porta principale e per questo motivo ha creato dei prodotti che per qualità costruttiva e per piacere di guida non avesse nulla da invidiare ad i marchi più conosciuti.

Si perché il problema principale, soprattutto in Europa e nello specifico in Italia, è quello di vincere la diffidenza, vincere cioè quella abitudine a continuare a comprare sempre i soliti marchi, pensando che gli altri  non siano altrettanto efficienti ed affidabili.

Ed ora andiamo a provarla

Questa lunga premessa era doverosa per entrare nel vivo della mia prova su strada che si è rivelata metro dopo metro, veramente una piacevolissima scoperta.

Abbiamo ritirato la Voge Valico 500DS col pieno pronti a sgranellare chilometri e con l’intenzione di provarla nelle condizioni di uso di un qualsiasi motociclista, quindi portandola a spasso tra centri urbani, strade extraurbane con qualche deviazione negli sterrati  e per finite con una tappa obbligatoria tra colline e montagne.

Saliamo in sella e partiamo

Accendiamo la moto ed ecco la prima grande sorpresa ci si accende di fronte agli occhi un display TFT  a colori molto accattivante che ci propone tra l’altro informazioni quali pressione gomme e connessione a bleutooth.

La Voge Valico 500DS grazie al suo peso contenuto per la categoria (circa 193 Kg a secco), e ad una sella di altezza 81 cm, la fanno percepire immediatamente comoda e facile anche per una persona di corporatura esile e di statura bassa come il sottoscritto.

La posizione in sella è comoda, con una sella davvero confortevole ed una azzeccata triangolazione con manubrio e pedane che ci permette di mantenere naturalmente il busto eretto e proteso verso il manubrio senza affaticare gli avambracci, a colpo d’occhio troviamo comodi tutti i comandi così come la possibilità di regolare le leve freno/frizione (una vera rarità per il segmento). Anche la sella passeggero è posizionata bene, senza essere troppo alta rispetto il pilota e con la possibilità di ancorarsi alla maniglie laterali integrate nel supporto del bauletto posteriore. 

In città

Dobbiamo prenderci un po’ le misure con  il tris di valige in alluminio già nella dotazione di serie della Voge Valico 500 DS, ma è solo una questione di colpo d’occhio,di li a poco ci muoviamo agilmente tra strade sconnesse tra pavè e  tombini e cominciamo ad apprezzare l’impianto ciclistico con sospensioni sia anteriori che posteriore Kayaba, notiamo piacevolmente  la fluidità del cambio e la morbidezza della frizione, che ci rende la guida urbana molto più facile. Altra nota positiva è il motore, un bicilindrico fronte marcia che risulta molto equilibrato nell’erogazione non dandoci mai l’impressione di strappare neanche quando i regimi si abbassano al limite. Ultima ma non ultima va fatta una menzione al sistema frenante Nissin con impianto Abs  a doppio pistoncino, il quale sebbene molto efficace, risulta un po’ pastoso nella prima parte, forse perché la moto in prova è ancora in rodaggio.

Usciamo dalla città e ci troviamo a percorrere strade extraurbane e tangenziali. Qui complice una sovrastruttura generosa ed un plexi regolabile, risultiamo immediatamente molto protetti dall’aria e ci permettono  di viaggiare a velocità di crociera da vera Globetrotter – una nota dolente la avvertiamo verso i 5000/5500 giri a circa 100km/h nella quale si fanno sentire delle vibrazioni fastidiose sia nelle pedane che sul manubrio. Apprezziamo invece il sound dello scarico che superato un certo regime si fa più roco e rabbioso, che ci accompagna nelle accelerazioni e nei sorpassi, e questi ultimi nonostante non ci siano tantissimi cavalli, risultano semplici ed agevoli, proprio per l’elasticità del bicilindrico da 43,5Cv della Voge Valico 500 DS.

Colline e Montagna

Il suo habitat ideale. La Voge Valico 500DS si fa apprezzare per essere fruibile e godibile in ogni tipo di curva, da quelle più lente a quelle veloci, facciamo uso frequente al cambio per sgranellare metri di divertimento, i cambi di direzione risultano facile ed immediati, merito anche del cerchio raggio 17 all’anteriore, e da una dotazione pneumatici di serie (Pirelli Angel Gt) da vero top di gamma. Se la si comincia a conoscere, regala velocemente fluidità di guida senza essere impegnativa. Arrivati in montagna ci aspetta un ultima parte di strada sterrata da affrontare per raggiungere la nostra destinazione. Ci alziamo in piedi sulle pedane, stringiamo bene le gambe al serbatoio/telaio ed affrontiamo il sentiero – capiamo subito che la moto può agilmente percorrere strade bianche e che grazie anche ad un telaio molto robusto  e con pneumatici più specialistici la si possa portare anche in qualche pezzetto di fuoristrada più impegnativo. 

Conclusioni e considerazioni… ma prima un video

Cosa mi è piaciuto

  • Estetica moderna se pur non innovativa
  • Dotazione di serie molto completa con fari e frecce full led e display Tft a colori con bleutooth
  • Elettronica bosch
  • Fluidità motore
  • Impianto frenante Nissin
  • Sospensioni kayaba regolabili al posteriore
  • Altezza sella adatta anche a piloti non alti
  • Tris valige alluminio / barre paracolpi e presa Usb di serie
  • Prezzo 6390,00 attualmente in promo a 5990,00

Cosa non mi è piaciuto

  • Vibrazioni fastidiose a circa 100km/h (5/6000 giri)
  • Qualche rifinitura nell’assemblaggio migliorabile
  • Modulazione frenata migliorabile forse con delle pastiglie più performanti

Concludendo  potrei riassumere affermando che la moto nel suo complesso mi ha stupito positivamente. Sono abituato a non avere preconcetti sui marchi e/o Aziende di motociclette, ma sinceramente sapendo già il prezzo della mezzo in prova, ed avendo anche avuto qualche cattiva esperienza con altri marchi asiatici in passato, sebbene la dotazione di serie mi dava qualche garanzia, ero comunque un po sospettoso sul risultato.

Invece dopo pochi metri ho capito che i miei dubbi erano infondati ed anzi la prova si è rivelata una vera scoperta. Questa moto per prezzo e cilindrata si colloca in una fascia dove non c’è in questo momento molta scelta (parlando di Sport Tourer), ma se la guardiamo invece dal profilo tecnico e dotazione di accessori che offre, la dovremmo confrontare con molti marchi che oggi propongono prodotti analoghi a prezzi decisamente più elevati.

Quindi complimenti a Voge per essere riuscita a mettere sul mercato un prodotto che a mio avviso ora farà da spartiacque, e ritengo verosimile pensare che anche le aziende più consolidate dovranno forzatamente mettere mano ai  loro prodotti e prezzi per reggere il confronto.I nfine piccola menzione sul motore e sulla affidabilità. Non c’è ancora una storia che possa confermare o meno la mia fiducia, ma se marchi quale BMW e MV Augusta si sono rivolti a Voge appunto per la fornitura dei motori di qualche modello, questo mi è sufficiente per pensare che sul piano affidabilità si possa stare tranquilli.

Per tutta la scheda tecnica , la potete trovare sul sito : https://vogeitaly.it/valico-500ds/

La Gallery


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *