Zero Motorcycles SR/F, la prova: zero noise with lots of Fun & Save money

 Zero Motorcycles SR/F, la prova: zero noise with lots of Fun & Save money

Zero noise with lots of Fun & Save money: potrei riassumere cosi i miei 15 giorni di GREEN Mobility , in sella ad una moto totalmente elettrica! Ben due settimane di uso quotidiano, usandola per andare al lavoro in citta, per fare un giretto al lago , ma anche qualche sparata tra le colline in cerca di adrenalina tra le curve…insomma ho cercato di fare esattamente tutte quelle cose che un motociclista fa abitualmente , ma in esclusivo Elettric Mode …

Intanto partiamo dalla moto , una Zeromotorcycles SR/F – la Top Naked dell’azienda californiana – per le caratteristiche principali e scheda tecnica rimandiamo al link : https://www.zeromotorcycles.com/it/zero-srf

Se volessimo sintetizzare

Cosa mi è piaciuto

  • Il design e le forme da naked sportiva
  • Ciclista Showa pluri regolabile (possibilità di regolare sia la molla che l’idraulica)
  • Elettronica Bosch molto efficace per la gestione del MSC ( Motorcycles Stability Control)
  • Sistema operativo Chyper III che gestisce i parametri/ setting e comunicazione
  • Abs di tipo cornering ancora più utile in caso di asfalto con poca aderenza
  • 4 Mappe pre-configurate più la mappa Custom personalizzabile
  • Cruscotto TFT con connessione alla APP specifica x interscambio informazioni
  • Prestazioni e sensazioni da superbike nei primi 200/300 metri
  • Decelerazione rigenerativa
  • Autonomia batteria e garanzia 5 anni
  • Possibilità di ordinare l’altezza della sella su 3 misure (ottimo per le persone più basse)
  • Nessuna vibrazione ovviamente
  • Autonomia 230/250 Km con batteria standard e 320 Km con power Tank
  • Sensazione di guidare già nel futuro
  • Ricarica gratis in molti punti
  • Tempo di ricarica completa in 2 ore si è a 0%
  • Ricarica domestica che permette con 2,90 € di fare 250 km (il tempo di ricarica dipende dal contatore e dal contratto con il fornitore energia – max 6 ore circa – Sensazione di mobility Green )
  • Zero emissioni

Cosa NON mi è piaciuto

  • Il fatto tipico dei mezzi elettrici che non hanno avvisatori o cicalii acustici quando ci si muove nelle zone con pedoni (spesso gli stessi proprio per l’assenza di rumore non ti percepiscono arrivare diversamente da un auto)
  • Il peso da ferma (essendo 220 kg nelle manovre da fermo è più pesante delle concorrenti, in movimento invece tale sensazione non c’è anzi agilissima ed efficace)
  • Assenza della modalità park (essendo una moto senza cambio dovrebbero prevedere la possibilità di mettere un freno di stazionamento quando si parcheggia in salita e/o discesa per evitare che la moto si possa muovere e quindi cadere.

Alla guida

Entriamo quindi nel capitolo ‘experience’, perchè tale si può definire. Guidare una due ruote elettrica, e soprattutto questa SR/F è stata una vera e propria abbuffata di sensazioni piacevolissime.

Avevo già provato altre motociclette elettriche, ma mai un moto con queste caratteristiche e questi numeri, 190 Nm di coppia e 82 kW di potenza, si trasformano in 110 CV sulla ruota. Tale numero potrebbe non impressionare, ma la differenza di erogazione che ha un motore elettrico rispetto quello termico, ti da la sensazione di avere sotto le braccia una vera e propria superbike, in quanto si può tranquillamente raggiungere una velocità da ‘0 a 100 km’ in meno di 3,5 secondi.

La ciclistica direi assolutamente in linea con i top di gamma, troviamo all’anteriore una Showa SFF-BP da 43 mm regolabile nel precarico, in estensione ed anche la molla mentre al posteriore, uno Showa da 40 mm con serbatoio esterno, anch’esso regolabile nel precarico molla e nell’estensione.

Il che si trasforma in una moto che, ogni utilizzatore se la può praticamente cucire addosso. Nota di merito anche all’impianto frenante composto dal sistema MSC Bosch avanzato, con due dischi da 320 mm morsi da pinze radiali a 4 pistoncini all’anteriore e da un disco da 240 mm con pinza flottante mono pistoncino al posteriore. Quindi ABS Cornering per assicurare massima sicurezza in qualsisia condizione della strada. Infine per terminare la parte prettamente più tecnica, per quanto riguarda la dotazione di cerchi e gomme, abbiamo sia all’anteriore che al posteriore 17 pollici che montano Pirelli Diablo Corsa III, con misure da 120/70 e da 180/55.

Queste ultime, avendole provate in questi giorni con temperature che oscillano da 2 a 15 gradi, posso tranquillamente affermare che non mi hanno mai creato problemi, anzi provate sia in condizioni di asciutto che di umido/bagnato sono risultate veramente molto performanti e sicure.

Come dicevo sopra,  ‘Experience’, e così è stato.

Posso dividere in tre momenti la mia prova

Uso cittadino

Nell’uso prettamente cittadino per andare al lavoro, la moto si muove agilmente nel traffico, risultando anche comoda nonostante abbia una impostazione direi più sportiva che da turistica. Ci sono state molte note di colore, che mi hanno fatto spesso sorridere. Nei momenti di ricarica alle colonnine pubbliche, venivo spesso circondato da persone che risultavano dapprima incredule e curiose e poi finivano per essere stupite sia dalla facilità con cui si possono effettuare tali manovre sia dall’assenza di rumore che alla mia ripartenza mi lasciavo alle spalle.

Nel guardare gli specchietti osservavo sguardi sorridenti e di compiacimento. In generale la sensazione era di molta approvazione e fiducia – Allo stesso modo però, il troppo silenzio o lieve sibilo che produce alle basse velocità diventa un momento da gestire sapientemente quando si transita in prossimità di pedoni, in quanto questi ultimi spesso non ti sentono sopraggiungere alle loro spalle. Circolando in città, si può scegliere se viaggiare in modalità STREET o ECO , la prima risulta più scattante alle ripartenze e più fluida in ordine di marcia, mentre la seconda ha un ON/OFF più accentuato dovuto alla decelerazione rigenerativa. Io con quest’ultima mappa, mi sono trovato molto bene e mi sono anche divertito un bel po’ una volta preso confidenza con l’acceleratore, gestendo partenza e frenata solo con lui.

Cerco di far capire meglio quello che intendo

Avendo la mappa ECO una decelerazione molto importante, quando si rilascia l’acceleratore la moto rallenta fino a fermarsi senza l’uso dei freni, ricaricando la batteria contemporaneamente, a quel punto la mia sfida era fermarmi prima della linea bianca allo stop o al semaforo senza uso dei freni, rigenerando la batteria. Vi garantisco che dopo un piccolo apprendistato si riesce tranquillamente. Ciò non toglie che comunque mani e piedi erano sempre pronti per intervenire al bisogno.

Questo tipo di guida spesso porta a tornare a casa senza quasi aver consumato batteria. La configurazione RAIN mi è venuta invece in aiuto durante una giornata di pioggia facendomi circolare in assoluta sicurezza. Ultima nota di colore è stato vedere come i ragazzi più giovani all’uscita delle scuole vedendomi passare mi facevano gesti di approvazione tanto da chiedermi di fermarmi in qualche caso, per poter vedere da vicino la moto.

In quel momento ho trovato ragazzi che sapevano praticamente tutto della moto ed altri invece esattamente al contrario ma molto incuriositi, soprattutto dal tipo di connessione che ci può essere tra smartphone e moto, attraverso la APP dedicata di ZeroMotrcycles che indica lo stato di ricarica della moto, dove si possono configurare i parametri di ricarica, condividere i dati di posizione, velocità, angolo di inclinazione, potenza, coppia ed energia consumata e avvalersi di aggiornamenti del sistema operativo Cyper III.

Il giro in montagna

E’ giunto il momento di andare a fare un giro in montagna! Con cacciavite al seguito mi sono diretto verso le prima curve in collina. Uno, due, tre giri avanti ed indietro, facendo qualche piccolo cambiamento (CLICK) ai parametri di ciclistica standard con cui mi è stata fornita la moto. Nel giro di mezz’ora mi sono trovato a guidare la moto cucita addosso su di me e per i mie gusti. Da quel momento è cominciato la parte più divertente.

Impostata la mappa SPORT, mi sono sentito subito su una vera STRETTFIGHTER, la coppia esagerata che sviluppa (ricordo 190NM), elettronicamente (BOSCH) tenuta a bada dall’ottimo Traction Control permette di essere catapultati da una curva all’altra il tutto condito da un sound che assomiglia alla turbina di un caccia F104, di li a poco mi rendo conto di essere come un bambino col giocattolo che desiderava da tanto tempo.

Arrivo fino alla destinazione che mi ero prefissato con un ritmo oserei forse un po troppo Rock per una strada urbana (Non siamo in Pista) che mi genera un consumo abbastanza importate di batteria. Chi non è abituato all’elettrico a questo punto sarebbe andato nel panico, in quanto il contachilometri indicava una durata residua che non mi avrebbe permesso di tornare casa. La prima soluzione, dovendo scendere, è cambiare mappa e mettere in modalità ECO quindi sfruttando la  decelerazione rigenerativa che permette di ricaricare la batteria e recuperare chilometri di percorrenza, non fosse sufficiente tale operazione è bene avere sempre sul telefono una APP con le colonnine pubbliche della zona dove fermarsi per ricaricare.

La gita fuori porta

Arriva il week end ed allora gita fuori porta.  Moto con la batteria al 100%, autonomia stimata circa 250 km, giornata troppo calda per essere a febbraio ma ottima per godersi il vento più tiepido rispetto i giorni precedenti, obbiettivo pranzo al lago nella zona trentina e discesa e rientro dalla parte bresciana. Affronto tutto il viaggio in modalità STREET a parte quando mi trovo
nei centri urbani che metto in modalità ECO per le motivazioni che ho evidenziato precedentemente. Arrivo a destinazione con il 66% di batteria, il viaggio è piacevole in quanto, a parte il silenzio che mi circonda essendoci poco traffico, apprezzo l’assenza di vibrazioni.

Nella scelta del ristorante seleziono quello che mi offre come servizio gratuito la colonnina di ricarica  per cui durante il pranzo ripristino il 100% della batteria  a quel punto, finito di mangiare cedo alla tentazione di salire sulle colline adiacenti il lago e farmi un po’ di ‘curvette’. Apprezzo nuovamente tutta la moto nel suo complessivo, sia come Streetfighter tra le strade di montagna sia come piacevole Naked nella guida più rilassata nel concludere la mia gita decido di costeggiare nuovamente il lago per godermi il tipico paesaggio al tramonto .

Le considerazioni finali

Alcune considerazioni finali devono obbligatoriamente prevedere qualche accenno anche sull’aspetto costi. La moto sicuramente ha un costo di acquisto elevato, paragonabile ad alcuni marchi altrettanto importanti. Le dotazioni e il comparto Hi-Tech lo giustificano assolutamente, da far notare però il costo di gestione invece di questa tipologia di moto.

Questo ultimo si abbassa in maniera determinante, in quanto si pensi che con ricarica domestica si possono percorrere 1000 chilometri con meno di 12,00€.  Se si sa come caricare usando colonnine pubbliche il costo potrebbe essere anche annullato.

Molto bassi sono pure i costi dei tagliandi non essendoci usura termica e anche i bolli ed assicurazione godono di trattamenti privilegiati.

Prova e testo di Cristiano Ochs

La Gallery  con le foto di Andrea Soldati

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *