Nuova Golf, rivoluzione digitale degli interni

 Nuova Golf, rivoluzione digitale degli interni

Il Digital Cockpit della nuova Golf è destinato a cambiare il nostro modo di guidare, la digitalizzazione permette comandi intuitivi. Il mondo digitale non può essere più chiaro di così. La nuova strumentazione e i sistemi di infotainment online si fondono in un unico
Digital Cockpit, mentre le isole di comando con pulsanti e cursori touch completano il mondo digitale della Golf. Un Windshield Head-up Display (disponibile a richiesta) completa la gamma degli strumenti d’informazione disponibili.

La digitalizzazione sistematica

La digitalizzazione sistematica permette – attraverso le superfici touch, un comando vocale naturale e la web app Alexa – comandi autoesplicativi e, di conseguenza, intuitivi. La Volkswagen ha sfruttato al massimo tutte le risorse disponibili e ha utilizzato elementi di comando e visualizzazione digitali per innalzare gli interni a un nuovo livello di interazione tra uomo e macchina.

I sistemi sono collegati in rete non soltanto tra loro, ma anche con il mondo esterno alla Golf attraverso una Online Connectivity Unit (OCU). La OCU di serie con eSIM integrata si collega con le funzioni e con i servizi online di We Connect e We Connect Plus. Solo a titolo di  esempio: grazie al collegamento online la navigazione diventa interattiva, perché i Point of Interest (POI) lungo il percorso vengono ora visualizzati automaticamente e integrati con informazioni aggiuntive, come il numero di telefono per prenotare un tavolo al ristorante tramite lo smartphone e l’interfaccia Bluetooth della Golf.

Una cosa è certa: il Digital Cockpit connesso in rete della Golf è destinato a cambiare il nostro modo di guidare.

Guida assistita e intelligenza collettiva per una maggiore sicurezza

  • La nuova Golf può procedere con guida assistita fino a 210 km/h
  • La comunicazione Car2X avverte in anticipo su potenziali pericoli locali

Tecnologie collegate in rete. La Golf 8 definisce il nuovo standard in quanto a funzioni di guida assistita nella classe compatta: il Travel Assist, introdotto per la prima volta su una Volkswagen compatta, permette la guida assistita in autostrada fino a 210 km/h senza che il guidatore debba sterzare, accelerare o frenare attivamente, migliorando così sia il comfort sia la sicurezza di guida, in particolare sulle lunghe percorrenze.

Collegarsi in rete di serie con l’ambiente circostante

La nuova Golf è il primo modello Volkswagen in grado di collegarsi in rete di serie con l’ambiente circostante: la funzione Car2X utilizza le informazioni degli altri veicoli in un raggio fino a 800 metri e i segnali inviati dall’infrastruttura del traffico stradale per avvertire il guidatore e trasmettere queste segnalazioni anche ad altri veicoli Car2X.

L’intelligenza collettiva diventa così realtà. È l’inizio di una nuova fase della sicurezza stradale, poiché in breve tempo la Volkswagen farà diventare standard le segnalazioni tramite Car2X attraverso i modelli prodotti in grande serie del calibro della Golf. Un ulteriore vantaggio in termini di sicurezza verrà offerto anche dai nuovi fari LED MATRIX IQ.LIGHT e dalle relative funzioni di illuminazione parzialmente interattive.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *