Nuova Golf, propulsori ibridi con tecnologia a 48 V

 Nuova Golf, propulsori ibridi con tecnologia a 48 V

La gamma di motorizzazioni della nuova Golf comprende propulsori benzina, Diesel, metano (CNG), mild hybrid e ibridi
plug-in. Tutti i motori benzina e Diesel sono dotati di iniezione diretta con sovralimentazione mediante turbocompressore. La gamma di potenza (quando sarà completato il lancio di tutti i motori) sarà compresa tra 90 e oltre 300 CV. Per la prima volta, la Golf viene proposta con otto diverse motorizzazioni. Inoltre, per i modelli a trazione anteriore è stato sviluppato un nuovo ed efficiente cambio manuale a 6 rapporti, che ha consentito di ridurre ulteriormente le emissioni di CO2. Tutti i motori della nuova Golf rispettano la norma sui gas di scarico Euro 6d.

Cinque motori disponibili per l’inizio prevendita

La nuova Golf verrà offerta sul mercato inizialmente con cinque motorizzazioni: due motori benzina (TSI 130 e 150 CV), un nuovo propulsore mild hybrid (eTSI 150 CV) e due motori Diesel (TDI 115 e 150 CV).
Motori benzina (TSI). I propulsori TSI della nuova Golf, tutti dotati di filtro antiparticolato per motori a benzina, erogano potenze di 90, 110, 130 e 150 CV. Per quanto riguarda le versioni 90 e 110 CV, si tratta di motori a tre cilindri da 1 litro al loro debutto sulla Golf. I motori TSI 130 e 150 CV hanno una cilindrata di 1,5 litri e si distinguono per il sistema di gestione attiva dei cilindri (ACT).

Tutti i motori con potenza fino a 130 CV condividono l’efficiente ciclo di combustione TSI Miller e un turbocompressore con
turbina a geometria variabile (VTG). I motori TSI sono abbinati di serie a un cambio manuale; a partire da 110 CV possono essere offerti anche in versione mild hybrid (eTSI) con sistema a 48 V e cambio a doppia frizione DSG. In un secondo tempo, seguiranno tre motori TSI da 2 litri destinati alla Golf GTI, alla Golf GTI TCR e alla Golf R, due modelli ibridi plug-in e un TGI da 1,5 litri con alimentazione a metano (CNG) e benzina.

Mild hybrid (eTSI)

I tre eTSI (propulsori mild hybrid) della Golf debuttano in anteprima mondiale. Si tratta di motori a benzina abbinati a un sistema a 48 V e a un cambio a doppia frizione a 7 rapporti (DSG). Un alternatorestarter a 48 V con comando a cinghia, una batteria agli ioni di litio a 48 V ed efficienti motori TSI di ultimissima generazione ottimizzano le prestazioni e riducono sensibilmente i consumi. I propulsori mild hybrid saranno disponibili nei seguenti livelli di potenza: 110, 130 e 150 CV.

Tutti i motori eTSI sono equipaggiati con un efficiente sistema di recupero dell’energia. Inoltre, il sistema a 48 V consente di avanzare per inerzia (“veleggiare”) con il motore a combustione spento, riducendo così ulteriormente i consumi e rendendo il riavvio del motore nettamente più confortevole. Grazie al boost elettrico, i motori eTSI assicurano anche eccellenti prestazioni in fase di spunto.

Propulsore mild hybrid a 48 V in dettaglio

Il sistema a 48 V, adottato a bordo della vettura in aggiunta al sistema a 12 V, consente la trasmissione di una potenza elettrica maggiore grazie a sezioni dei conduttori relativamente piccole con conseguente riduzione del peso dei cablaggi. Questa soluzione permette di recuperare una quantità nettamente maggiore di energia in fase di frenata. L’energia immagazzinata nella batteria agli ioni di litio da 48 V alimenta sia la rete di bordo a 12 V sia l’alternatore-starter a 48 V con comando a cinghia.

Questo alternatore-starter con comando a cinghia funge sia da alternatore sia da motorino di avviamento; allo stesso tempo, agisce come un piccolo e leggero motore elettrico, che aumenta istantaneamente la coppia motrice in fase di partenza. La potenza dell’alternatore viene trasferita mediante il comando a cinghia. Inoltre, provvede ad avviare in modo quasi impercettibile il motore a combustione, che viene disattivato il più spesso possibile durante la marcia.

Propulsione ibrida plug-in

La gamma ibrida plug-in prevede una versione da 204 CV con autonomia ottimizzata e una versione GTE ad alte prestazioni con potenza di 245 CV (valori intesi come potenza di sistema). Il propulsore ibrido plug-in è composto da un 1.4 TSI, dal modulo ibrido costituito da motore elettrico e cambio DSG a 6 rapporti, nonché da una batteria agli ioni di litio.

La nuova batteria è caratterizzata da una capacità maggiore del 50% (13 kWh) e, di conseguenza, da una maggiore autonomia elettrica, che consente di percorrere con una sola carica pressoché tutti i tragitti giornalieri in ambito urbano a zero emissioni locali. Turbodiesel (TDI). La Volkswagen ha sviluppato ex novo i due Turbodiesel a iniezione diretta destinati all’ottava generazione della Golf. I 2.0 TDI erogano una potenza rispettivamente di 115 e 150 CV ed entrambi possono essere ordinati in abbinamento sia al cambio manuale sia al DSG.

Il rendimento dei motori è stato notevolmente ottimizzato, ottenendo così una riduzione delle emissioni di CO2; allo stesso tempo, è stata migliorata la prontezza di risposta. Grazie al nuovo sistema SCR twin dosing con doppia iniezione di AdBlue, è stato anche possibile abbattere le emissioni di ossidi di azoto fino all’80% rispetto al modello precedente.

Nella versione evoluta di ultima generazione di questo catalizzatore SCR, l’AdBlue viene iniettato in modo mirato a monte di due catalizzatori SCR disposti uno dietro l’altro. I nuovi TDI rientrano, dunque, tra i motori a combustione più puliti a livello mondiale. Entrambi i propulsori TDI potranno essere ordinati da subito in occasione del lancio.

Analogamente alla GTI per quanto riguarda le motorizzazioni a benzina, anche il TDI ad alte prestazioni della nuova Golf GTD arriverà sul mercato nel corso del prossimo anno.

Le motorizzazioni disponibili per il lancio sul mercato in dettaglio 1.5 TSI 130 CV con cambio manuale. Il TSI della Golf con 130 CV di potenza, disponibile tra 5.000 e 6.000 giri, è un motore benzina high-tech.  Grazie al sistema di gestione attiva dei cilindri (ACT), due dei quattro cilindri vengono disattivati quanto più spesso possibile e in maniera impercettibile allo scopo di ridurre i consumi e le emissioni. Un turbocompressore dotato di turbina a geometria variabile (VTG) assicura contemporaneamente una dinamica particolarmente efficiente in qualsiasi regime di rotazione.

La coppia massima di 200 Nm è disponibile tra 1.400 e 4.000 giri. La Golf 1.5 TSI con cambio manuale a 6 rapporti (MQ200) raggiunge una velocità massima di 214 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in 9,2 secondi.

1.5 TSI 150 CV con cambio manuale

Anche il TSI 150 CV della nuova Golf è equipaggiato con il sistema di gestione attiva dei cilindri ACT e il cambio manuale a 6 rapporti (MQ200). Questo motore benzina eroga la propria potenza massima tra 5.000 e 6.000 giri, mentre la coppia massima pari a 250 Nm è disponibile a regimi compresi tra 1.500 e 3.500 giri. Equipaggiata con questo motore, la Golf raggiunge la notevole velocità massima di 224 km/h e scatta da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi. 1.5 eTSI 150 CV con DSG. Il motore 1.5 eTSI 150 CV è abbinato di serie a un cambio DSG a 7 rapporti (DQ200).

I valori relativi alla potenza (150 CV tra 5.000 e 6.000 giri) corrispondono a quelli del TSI di eguale potenza senza tecnologia a 48 V e DSG. La coppia massima di 250 Nm, anch’essa identica, è disponibile in una gamma di regimi compresa tra 1.500 e 3.500 giri.

La Golf 1.5 eTSI accelera da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi e raggiunge una velocità massima di 224 km/h.

2.0 TDI 115 CV

Il TDI 115 CV rientra tra i motori più puliti della sua categoria a livello mondiale, anche grazie al sistema twin dosing di cui è dotato.

Le caratteristiche “green” di questo motore sono accompagnate da eccellenti prestazioni di marcia: in questa classe di potenza, la Golf 2.0 TDI con cambio manuale a 6 rapporti raggiunge una velocità di massima di 202 km/h e le sono sufficienti 10,2 secondi per passare da 0 a 100 km/h. Il comportamento di marcia,  confortevole e dinamico al contempo, di
questa Golf è merito anche della notevole coppia massima del TDI pari a 300 Nm (disponibile in un range compreso tra 1.750 e 3.200 giri). La potenza massima sviluppata dal quattro cilindri è disponibile tra 3.250 e 4.000 giri.

2.0 TDI 150 CV con DSG

La motorizzazione TDI attualmente più potente della Golf eroga una potenza di 150 CV tra 3.500 e 4.000 giri ed è abbinata a un cambio DSG a 7 rapporti. La sua ragguardevole coppia massima di 360 Nm è disponibile a regimi che vanno da 1.750 a 3.000 giri. Alla pari del TDI 115 CV, anche la versione 150 CV è equipaggiata con la doppia iniezione di AdBlue (twin dosing). La Golf 2.0 TDI DSG accelera da 0 a 100 km/h in appena 8,8 secondi e raggiunge una velocità massima di
223 km/h.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *