Salone di Los Angeles 2019, Volkswagen ID. Space Vizzion: spazio a volontà

 Salone di Los Angeles 2019, Volkswagen ID. Space Vizzion: spazio a volontà

Tre aspetti contraddistinguono gli interni della nuova ID. SPACE VIZZION: straordinario sfruttamento dello spazio, impiego di materiali ecocompatibili e comandi particolarmente intuitivi. L’insieme di queste tre caratteristiche plasma gli interni del futuro.

Open Space

Eccellente sfruttamento dello spazio

Tutti i modelli basati sulla nuova piattaforma modulare per motori elettrici (MEB) si contraddistinguono per la spaziosità che, grazie alle dimensioni compatte del propulsore elettrico e alla batteria integrata nel sottoscocca, è sempre paragonabile a quella di una vettura con motore a combustione appartenente a un segmento, o perlomeno a una mezza categoria, più elevati. E sotto questo aspetto, anche la ID. SPACE VIZZION non fa eccezione.

All’apertura delle porte, si viene accolti da un abitacolo denominato Open Space, che ricorda più una vettura di classe superiore che di categoria media. Nel caso specifico, la concept car può ospitare fino a quattro passeggeri. Il vano posteriore presenta un divano per due persone, ma sarebbero ugualmente concepibili anche tre posti. Tra i sedili anteriori e posteriori è presente un’ampia consolle centrale che si apre, dotata di vani portaoggetti, portabevande e interfacce USB-C.

Materiali ecocompatibili

Niente pelle

Nei nuovi modelli ID., l’aspetto legato all’ecocompatibilità non riguarda unicamente la trazione elettrica, ma coinvolge anche i materiali impiegati a bordo della vettura. Gli interni della ID. SPACE VIZZION non presentano, pertanto, elementi cromati, che vengono sostituiti da parti verniciate in look cromato.

Un altro esempio è rappresentato dai sedili, dai pannelli delle porte in stile “cocoon”, dalla plancia e da determinate aree, come i braccioli della consolle centrali: tutti sono rivestiti con la nuova AppleSkin™, che risulta gradevole sia alla vista sia al tatto. Si tratta di un innovativo materiale con le stesse caratteristiche tecniche della similpelle. AppleSkin™ offre una piacevole sensazione simile alla pelle, ma non lo è.

AppleSkin

Similpelle con componenti di origine vegetale

AppleSkin™ contiene una percentuale di scarti derivanti dalla produzione del succo di mela. Questi residui vengono trasformati in una nuova materia prima, che prende il posto di un componente chimico. Attualmente, è già possibile sostituire il 20% del poliuretano usato fino ad oggi con gli scarti di mela grazie al processo appositamente sviluppato dalla Volkswagen per l’applicazione nel settore automotive.

Con AppleSkin™, pertanto, si ha a disposizione un nuovo prodotto, che attinge a risorse già esistenti o rinnovabili. Nei modelli ID., inoltre, non vengono più applicate né decorazioni, né pellicole; d’ora in poi, anche in questo caso si farà ricorso all’uso di AppleSkin™, come nel caso del prototipo svelato a Los Angeles. In futuro, AppleSkin™ sarà disponibile anche con una superficie effetto metallo e in versione illuminata tramite illuminazione ambiente.

Perfezione nei minimi dettagli

Una serie di particolari, come un bordino in Alcantara con cuciture doppie (ciascuna nella tonalità petrolio Dragonfly) sulla plancia, conferiscono un tocco di grande raffinatezza e originalità.

I colori della carrozzeria si abbinano alla perfezione con quelli degli interni, dove dominano la tonalità chiara Mistral (tra gli altri su sedili, braccioli, pannelli delle porte e parte inferiore della plancia), la tinta più scura Copper Glossy (tra gli altri su lati esterni dei sedili, parte centrale della plancia, parte superiore dei pannelli delle porte) e il colore particolarmente scuro Soul (tra gli altri sulla parte superiore antiriflesso della plancia).

Longboard elettrici nel bagagliaio

Last mile surfer

Dietro i sedili posteriori, il bagagliaio offre una capacità di carico pari a 586 litri, che surclassa quella di molti SUV. Il bagagliaio è equipaggiato con un piano di carico sollevabile, sul cui lato inferiore sono disponibili due longboard elettrici, che fungono da “last mile surfer”, fissati a un supporto specifico che ne consente anche la ricarica.

Sempre nel bagagliaio trovano posto due caschi per utilizzare i longboard elettrici in tutta sicurezza. Inoltre, sotto il pianale di carico sollevabile c’è spazio a sufficienza per alloggiare i cavi di ricarica della ID. SPACE VIZZION.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *