Aprilia RS 660, il design: orgoglio e passione di Aprilia   

 Aprilia RS 660, il design: orgoglio e passione di Aprilia   

È sufficiente un colpo d’occhio per realizzare che Aprilia RS 660 si distingue nettamente anche nello stile da quanto visto fino ad ora, dettando le forme delle moto sportive di Aprilia del prossimo futuro. Il disegno è innovativo, sofisticato, autenticamente sportivo, trasmette subito la passione e la competenza di Aprilia nell’immaginare moto destinate a lasciare il segno, come l’inimitabile RSV4 che, fin dal suo esordio nel 2009, ha cambiato le regole nel segmento delle superbike. L’obiettivo primario del Centro Stile Aprilia è stato creare forme dinamiche, moderne, dalle superfici contenute che non nascondessero il favoloso telaio, senza estremizzarne il concetto, al fine di offrire abitabilità e comfort al pilota e al passeggero.

Linguaggio tipico delle Aprilia V4

I tratti somatici principali della carenatura parlano il linguaggio tipico delle Aprilia V4, caratterizzato dal gruppo ottico anteriore triplo a LED, dotato di luci DRL perimetrali posizionate sul contorno dei due proiettori principali, che rendono altamente riconoscibile RS 660 anche al buio. Gli indicatori di direzione sono integrati nei due profili DRL, contribuendo così la sezione frontale ancora più compatta.

L’impianto di illuminazione è inoltre dotato di alcune peculiarità implementate per rendere la guida più sicura: grazie alla presenza di un sensore crepuscolare l’accensione degli anabbaglianti avviene automaticamente, mentre gli indicatori di direzione a spegnimento automatico lampeggiano in caso di frenata d’emergenza. Infine, grazie alla funzione “cornering lights” la coppia di fari supplementari presenti nelle parabole illumina l’interno della curva durante la marcia.

Molto innovativa è l’idea di creare una doppia carenatura

Molto innovativa è l’idea di creare una doppia carenatura con funzione di appendice aerodinamica integrata: tale scelta conferma l’impegno di Aprilia nella ricerca di soluzioni aerodinamiche sempre più profonde, una finestra verso il futuro nel progettare le forme delle moto sportive di produzione aperta inizialmente da RSV4. L’ispirazione deriva chiaramente dal mondo delle corse: una delle sue funzioni è infatti quella di ottimizzare la stabilità alle alte velocità, ma è stata disegnata anche per aumentare il comfort del pilota, proteggendolo adeguatamente dalla pressione dell’aria e deviando i flussi di aria calda estratta dal motore.

Coerentemente con la filosofia di sportività quotidiana, è stata definita una posizione di guida accogliente, costituita da una sella dalle ampie dimensioni situata sullo sfuggente codino (tra gli accessori è presente anche il codino monoposto), che comprende la porzione di sella per il passeggero, da pedane correttamente rialzate e da una coppia di semi manubri montati sopra la piastra superiore di sterzo. Ne deriva una triangolazione sella-manubri-pedane non troppo caricata in avanti, a tutto vantaggio del piacere di guida su strada.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *