Audi AI:TRAIL quattro, intelligenza artificiale e machine learning

 Audi AI:TRAIL quattro, intelligenza artificiale e machine learning

La famiglia di veicoli che beneficiano della massima espressione dell’intelligenza artificiale dei quattro anelli si amplia con il debutto di AI:TRAIL quattro. Audi AI è la sigla di due lettere con la quale Audi identifica un intero cluster d’innovative tecnologie nel campo della mobilità, ovvero una serie di sistemi elettronici che riducono il livello di stress del conducente, portando in dote nuove possibilità d’utilizzo del tempo trascorso in auto. A tale scopo, Audi AI si avvale di soluzioni ascrivibili all’apprendimento automatico (machine learning). Audi AI combina l’intelligenza artificiale, che rende possibile la guida autonoma, e l’intelligenza d’interazione, grazie alla quale l’auto diventa un vero e proprio “partner” dei passeggeri.

I sistemi Audi AI agiscono in modo adattivo e predittivo, proattivo e personalizzato. Grazie ad Audi AI, le vetture del futuro garantiranno un’esperienza di guida “intelligente”, con interazioni empatiche in funzione dell’ambiente circostante e delle preferenze degli utilizzatori. 

Guida autonoma su strada, assistenza alla guida fuoristrada

Ciò che da tempo si è affermato nei campi del trasporto ferroviario e dell’aviazione, ora è prossimo a rivoluzionare la mobilità veicolare: ovvero viaggiare in modalità totalmente automatizzata. Audi AI:TRAIL quattro, nello specifico, è progettata per la guida autonoma di Livello 4.

Il Livello 4 è il secondo step più elevato nella scala internazionale d’automazione. I sistemi di questa categoria non necessitano di alcuna assistenza da parte del conducente. Tuttavia, il ricorso al Livello 4 è limitato a determinate aree, ad esempio autostrade o zone urbane con infrastrutture idonee. In questi frangenti il conducente può affidare interamente la gestione del veicolo al sistema, riassumendone il controllo non appena l’auto esca dall’area preposta alla guida autonoma. Ragione per la quale Audi AI:TRAIL quattro è dotata dei tradizionali elementi di guida, ossia volante e pedaliera, indispensabili anche per affrontare i percorsi off-road. Sebbene le rotte lontano dall’asfalto siano ampiamente rilevate dalla cartografia digitale, il fatto che le superfici siano mutevoli rende ardua la rinuncia agli interventi e alla supervisione del conducente. Solo in casi eccezionali e a velocità ridotta è possibile fruire su strade sterrate della guida autonoma di Livello 3. Livello che, diversamente dallo step superiore, permette al guidatore di riprendere il controllo in pochi istanti.

In ogni caso, i sistemi di assistenza alla guida non abbandonano il conducente di AI:TRAIL quattro nemmeno lungo i percorsi fuoristrada. Al raffinato controllo della stabilità e della trazione si affiancano molteplici tecnologie che, in funzione delle informazioni rilevate da sensori, telecamere, radar e laser, scongiurano le collisioni mediante interventi mirati su sterzo e freni. L’elettronica supporta il conducente anche nella gestione delle situazioni limite, ad esempio quando la vettura è fortemente inclinata o affronta pendenze proibitive. All’occorrenza, i sistemi segnalano il superamento delle soglie critiche e invitano il guidatore a una serie di manovre correttive, a vantaggio della sicurezza e della riduzione dello stress. Frangenti nei quali l’automazione della vettura si riduce al Livello 2, richiedendo l’attenzione continua del conducente.

Quattro motori elettrici, sino a 500 chilometri di autonomia

Audi AI:TRAIL quattro non è stata concepita con l’obiettivo di ottenere accelerazioni brucianti o velocità mozzafiato. La concept dei quattro anelli nasce piuttosto per l’utilizzo in aree prive d’infrastrutture di ricarica. L’autonomia dell’auto diviene pertanto un parametro fondamentale, al punto che AI:TRAIL quattro può percorrere sino a 500 chilometri a ogni ricarica – secondo lo standard WLTP – su strada o in presenza di facili sterrati. Nel fuoristrada più impegnato, dove le perdite d’aderenza sono frequenti, la batteria agli ioni di litio consente comunque di percorrere oltre 250 km.

La velocità massima di AI:TRAIL quattro è autolimitata a 130 km/h. Un valore contenuto, a vantaggio dell’autonomia. Quanto al powertrain, la concept Audi si avvale di quattro motori elettrici, uno per ciascuna ruota, che evolvono ulteriormente la trazione integrale elettrica quattro, portata al debutto da Audi e-tron, prima vettura integralmente elettrica del Brand di Ingolstadt. Analogamente a e-tron, non sono necessari alberi di trasmissione o blocchi dei differenziali meccanici, a vantaggio tanto dell’efficienza quanto della leggerezza. Le perdite di grip da parte dei singoli pneumatici sono scongiurate, o permesse qualora ciò favorisca la mobilità in presenza di fondi a ridotta aderenza, dalle elettroniche di potenza che regolano il flusso d’energia ai motori elettrici. Complessivamente, la vettura può contare su di una potenza massima di 435 CV e una coppia di 1.000 Nm.

Avatar

Emanuele Bompadre

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *