Salone dell’auto di Sahangai, anteprima mondiale di Volkswagen ID. Roomzz

 Salone dell’auto di Sahangai, anteprima mondiale di Volkswagen ID. Roomzz

La Volkswagen amplia la famiglia ID. a trazione elettrica con un modello estremamente versatile: la nuova ID. ROOMZZ, un SUV a emissioni zero nella categoria cinque metri. Dopo la più compatta ID. CROZZ, la Volkswagen presenta già il secondo prototipo SUV di una nuovissima generazione di veicoli elettrici. La versione di serie della ID. ROOMZZ, ideale tanto per il lavoro quanto per la famiglia, sarà su strada a partire dal 2021.

Anteprima mondiale al Salone dell’auto di Shangai

La Volkswagen presenta il prototipo in anteprima mondiale ad Auto Shanghai 2019 (dal 18 al 26 aprile) per omaggiare la Cina, che attualmente è il più grande mercato per gli Zero Emission Vehicles. Con questo SUV, la Volkswagen prosegue nella sua offensiva elettrica fondata su una nuova gamma di veicoli elettrici avanzati, con autonomie equiparabili alle odierne motorizzazioni benzina: la famiglia ID. Oltre alla ID. ROOMZZ, ci sono la ID. CROZZ e la compatta ID. (il cui debutto sul mercato è previsto nel 2020), l’icona ID. BUZZ e la futuristica berlina ID. VIZZION (che debutterà sul mercato nel 2022). Inoltre, la Volkswagen ha appena presentato al Salone di Ginevra la nuova ID. BUGGY, una beach cruiser scoperta, che potrebbe essere prodotta in piccola serie grazie alla collaborazione con partner esterni. Come tutti i modelli ID., anche la nuova
ID. ROOMZZ si basa sull’innovativo pianale modulare per veicoli elettrici MEB.

Design nitido senza soluzione di continuità

Il design della carrozzeria del SUV riprende le linee nitide e omogenee della famiglia ID. Ciò nonostante il team di Klaus Bischoff, Responsabile del Design della marca Volkswagen, è riuscito a conferire alla
ID. ROOMZZ una propria individualità. Ma non è ancora tutto.
Il prototipo fa il suo ingresso nel segmento dei grandi SUV con numerosi dettagli all’insegna dell’innovazione. Un’importante specificità è rappresentata dalle superfici di contatto senza soluzione di continuità fra singoli settori e livelli della carrozzeria; il design ben definito perfeziona l’aerodinamica e assicura un look omogeneo e nitido delle superfici. Klaus Bischoff: “Questo SUV è solido, con un design che sembra plasmato dal blocco pieno senza soluzione di continuità. Tuttavia la ID. ROOMZZ si muove con la leggerezza dell’elettricità, senza rumore e senza emissioni”. Inoltre, il design esprime una dinamicità che ne esalta la potenza e l’eleganza. A questo riguardo si notano in particolare le spalle anteriori e posteriori della carrozzeria, che risaltano al disopra dei parafanghi come elementi massicci e ben definiti.

Guidare e farsi guidare

Il prototipo si avvale di un nuovo concetto dei sedili e degli interni. Klaus Bischoff aggiunge: “La ID. ROOMZZ anticipa i contenuti di un grande SUV elettrico del futuro. Lo stile purista ne esalta la netta funzionalità, mentre l’esperienza di utilizzo è intuitiva e naturale”. Contemporaneamente l’abitacolo, sorprende per la nuova gamma di opzioni all’insegna della personalizzazione e della versatilità, grazie alle regolazioni dei sedili si adatta non solo ai desideri dei singoli passeggeri ma anche alla modalità di marcia del momento. Infatti, a bordo della ID. ROOMZZ interagiscono i sistemi IQ.DRIVE, grazie ai quali il prototipo è in grado, a richiesta, di destreggiarsi nel traffico in modo completamente automatizzato.

Sotto il nuovo marchio IQ.DRIVE, la Volkswagen raggruppa tutti i sistemi di assistenza e le tecnologie che portano verso la guida autonoma. Il passaggio dalla modalità di marcia manuale ID. Drive alla modalità completamente automatizzata ID. Pilot è semplicissimo: il guidatore appoggia una mano per almeno cinque secondi sul logo VW nel volante, dopodiché il computer della ID. ROOMZZ assume il controllo della vettura.

Il sistema di sterzo IQ., sviluppato dagli ingegneri Volkswagen, disaccoppia il piantone dello sterzo e, spostando il volante nella sua posizione di riposo, libera spazio nella zona della plancia. Se il guidatore desidera rimettersi al volante, preme nuovamente il logo VW. A questo punto il volante fuoriesce e viene sincronizzato con la posizione delle ruote. Importante: il piantone dello sterzo viene ricollegato al sistema di sterzo solo quando il volante capacitivo viene afferrato dal guidatore, che da quel momento assume di nuovo il controllo. In questo modo viene garantita la massima sicurezza durante il passaggio di consegne da uomo a macchina e viceversa.

Nuove opzioni di configurazione

Con la modalità completamente automatizzata (livello 4), le innovative opzioni di configurazione dei sedili integrali permettono di trasformare l’abitacolo in un salotto. Durante la marcia, le configurazioni possibili per i sedili sono essenzialmente tre, in funzione delle diverse modalità di marcia. Nella modalità manuale ID. Drive, i sedili rivestiti in pelle di origine vegetale sono rivolti in avanti come di consueto e con gli schienali verticali.

Se il guidatore passa alla modalità completamente automatizzata ID. Pilot, i sedili possono essere orientati separatamente verso l’interno di 25 gradi, per creare nell’abitacolo un’atmosfera adatta alla conversazione conviviale. Inoltre, durante la marcia completamente automatizzata è possibile selezionare sempre separatamente per ogni sedile la modalità ID. Pilot Relax, grazie alla quale ogni passeggero può sistemarsi come preferisce; in questa modalità lo schienale può essere reclinato fino a trasformare il sedile in una chaise-longue. La versione di serie della ID. ROOMZZ offrirà fino a sette posti a sedere.

Pannello strumenti fluttuante

La plancia a bordo della  ID. ROOMZZ non ha niente a che vedere con quelle contemporanee. Nella modalità manuale ID. Drive, il Digital Cockpit e il volante sembrano fluttuare davanti al guidatore. Il Digital Cockpit è costituito da un pannello interamente rivestito in vetro, che integra il volante digitalizzato. Oltre a possedere superfici sensibili al tocco, il pannello è dotato anche di un grande display da 5,8 pollici, che nella modalità autonoma mostra informazioni rilevanti come per esempio le informazioni di navigazione.

Inoltre, è presente un head-up display AR. Grazie alla realtà aumentata (Augmented Reality – AR), l’head-up display proietta le informazioni di navigazione nello spazio virtuale davanti alla ID. ROOMZZ, visualizzando per esempio il pittogramma di una freccia di svolta all’interno del campo visivo, esattamente nel punto in cui il guidatore deve effettivamente svoltare. Sotto il parabrezza è stata inoltre integrata la nuova ID. Light, un listello luminoso interattivo fra i montanti anteriori che fornisce informazioni supplementari a guidatore e passeggeri.

Gli effetti luminosi in questo listello LED mostrano informazioni relative a sistemi di assistenza, navigazione e qualità dell’aria (sistema CleanAir). Contemporaneamente, tramite ID. Light queste informazioni vengono riportate nelle porte e nella zona del tetto, in modo che possano essere viste anche dal passeggero anteriore e dagli occupanti dei sedili posteriori.

306 CV (225 kW) di potenza di sistema e trazione integrale

La ID. ROOMZZ è mossa da due motori elettrici. Il propulsore coassiale anteriore e il motore elettrico posteriore sviluppano rispettivamente 102 e 204 CV (75 e 150 kW). Dalla combinazione dei due motori risulta una potenza di sistema di 306 CV (225 kW). In condizioni normali la trazione è posteriore. Un collegamento elettrico distribuisce in poche frazioni di secondo la spinta della trazione integrale 4MOTION tra asse anteriore e posteriore, non appena sia necessario per motivi legati alla dinamica di marcia.

Inoltre, la ID. ROOMZZ può marciare anche permanentemente a trazione integrale. I due motori vengono alimentati da una batteria agli ioni di litio montata nel pianale della vettura, la cui capacità è di 82 kWh. La ID. ROOMZZ accelera da 0 a 100 km/h in 6,6 secondi e raggiunge una velocità massima di 180 km/h (limitata elettronicamente). Nel ciclo NEDC (Cina) il prototipo ha un’autonomia di 475 km, mentre nel ciclo WLTP europeo la sua autonomia massima è di 450 km. La batteria si ricarica tramite un’interfaccia induttiva o tramite il convenzionale connettore di carica.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *