Lamborghini, l’ultimo restauro della Miura SV di Jean Todt

 Lamborghini, l’ultimo restauro della Miura SV di Jean Todt

Dal 6 al 10 Febbraio Lamborghini Polo Storico è presente a Rétromobile, il salone parigino dedicato alle auto classiche, con una speciale Miura SV di colore rosso. Questa vettura è stata oggetto di un importante progetto di restauro completo da parte del Polo Storico. È di proprietà di Jean Todt, personalità del mondo automobilistico e oggi Presidente della FIA, la Federazione Internazionale dell’Automobile. La cerimonia di consegna è avvenuta sullo stand del Lamborghini Polo Storico alla presenza del Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini, Stefano Domenicali, che ha personalmente consegnato le chiavi della Miura restaurata al suo proprietario.

Lamborghini Miura SV numero 3673

La vettura, telaio numero 3673, è nata l’11 Novembre del 1972, prendendo il numero di telaio di una S del 1968, distrutta in un incidente. L’utilizzo di un numero di telaio precedente era una procedura non troppo rara all’epoca tra i costruttori di vetture sportive, per i motivi più disparati. C’erano ragioni fiscali, per evitare al cliente le altissime tasse di importazione sui veicoli nuovi vigenti in alcune nazioni, o quelle di praticità, visto che la vettura manteneva la precedente registrazione e i relativi documenti di circolazione.

La Miura SV 3673 venne consegnata alla fine del 1972 al suo primo proprietario, Mr. Mecin, in Sud Africa, verniciata in Rosso Corsa, con banda inferiore oro, interni in Pelle Nero ed è esattamente così che si presenta ora, dopo 47 anni, in perfette condizioni dopo l’intervento del Polo Storico.

Il restauro è durato 13 mesi e ha comportato lo smontaggio completo della vettura, durante il quale è stato possibile verificare ogni particolare: dalle marchiature di telaio, carrozzeria e interni, alle numerazioni e datazioni presenti sugli altri componenti. Si è appurata corrispondenza alle note presenti nei libretti di montaggio della vettura, conservati nell’archivio Lamborghini.

Riparare, restaurare e non sostituire

Quando è arrivata a Sant’Agata Bolognese per il restauro, la Miura era completa, ma mostrava chiari segni d’usura. I tecnici del Polo Storico, fedeli al credo di conservare quanto possibile in virtù del mantenimento della massima autenticità, hanno preferito riparare, restaurare e non sostituire.

A fianco della Miura SV il Polo Storico presenta a Rétromobile anche un esemplare di Lamborghini 400 GT del 1966, telaio #0592, oggi di proprietà di un collezionista canadese e attualmente in fase di restauro totale al Polo Storico.

Lamborghini Polo Storico, inaugurato nel 2016, è il dipartimento interno a Lamborghini dedicato alla gestione di tutto il patrimonio storico aziendale, al restauro e certificazione di tutte le Lamborghini prodotte fino al 2001, dalla 350 GT alla Diablo. Un altro dei ruoli assegnati al Polo Storico è la ricostruzione dei pezzi di ricambio per le Lamborghini d’epoca: si parla di più di 200 codici nuovi introdotti nel solo 2018, per permettere ai proprietari di utilizzare in serenità le loro Lamborghini del passato. A questo si aggiunge anche la gestione dell’archivio, composto dalle schede di produzione e dai progetti dei modelli, con l’obiettivo di utilizzare questo sapere per mantenere le Lamborghini classiche il più originali possibili.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *