Audi e-tron, la ricarica a casa: di serie a 11 kW, a richiesta a 22 kW

 Audi e-tron, la ricarica a casa: di serie a 11 kW, a richiesta a 22 kW

Sono molteplici le soluzioni per ricaricare Audi e-tron nel garage di casa. Il sistema di ricarica compact è incluso nella dotazione di serie. Questo sistema può essere collegato direttamente a una presa standard. A tal fine sono previsti due diversi cavi elettrici: uno per prese domestiche da 230 Volt con potenza di ricarica fino a 2,3 kW e l’altro per prese trifase da 400 Volt con potenza sino a 11 kW. Con quest’ultimo cavo la batteria di Audi e-tron si ricarica completamente in circa otto ore e mezza. Come soluzione di livello superiore, Audi propone in opzione il sistema connect che permette di operare fino a 22 kW. Per questa soluzione è necessario un secondo dispositivo di carica a bordo dell’auto, disponibile nel corso del 2019. L’App myAudi permette di gestire comodamente tutte le operazioni da remoto.

Audi e-tron, sistema connect

Il sistema connect permette di ricaricare Audi e-tron con la massima potenza consentita dall’impianto elettrico di casa e dall’auto. A tal fine, il sistema tiene conto delle altre utenze collegate alla rete domestica, evitando il sovraccarico dell’impianto e quindi l’attivazione del salvavita. In aggiunta, il Cliente può beneficiare della flessibilità delle tariffe dell’energia elettrica: può, ad esempio, ricaricare la batteria nelle fasce orarie in cui l’energia costa meno. Qualora l’abitazione disponga di un impianto fotovoltaico, Audi e-tron può attingere in modo preferenziale alla corrente prodotta in loco, adattando il proprio fabbisogno alle fasi di irraggiamento solare.

App myAudi: la gestione da remoto

L’App myAudi permette di gestire comodamente tutte le operazioni da remoto. Il Cliente può pianificare i processi di carica e la pre climatizzazione di Audi e-tron. Nello specifico, è possibile impostare un timer per l’ora di partenza così che Audi e-tron sia carica e/o pre climatizzata per l’ora desiderata. A questo proposito, il Cliente può regolare a proprio piacimento la temperatura per determinate zone dell’abitacolo: nei giorni freddi, ad esempio, può attivare il riscaldamento del sedile o del volante. In aggiunta, l’App mostra i dati di marcia e quelli relativi alla carica. La comunicazione con l’auto avviene tramite il modulo LTE integrato, di cui Audi e-tron è dotata sin dall’equipaggiamento di serie.

La ricarica durante il tragitto: fino a 150 kW

Audi e-tron è la prima vettura elettrica di serie ricaricabile con potenze fino a 150 kW. Grazie alla potente batteria ad alta tensione, il SUV elettrico vanta, come accennato, un’autonomia superiore a 400 chilometri, misurati secondo il realistico ciclo di marcia WLTP. Conseguentemente, nel normale utilizzo quotidiano non sono solitamente necessarie soste alle colonnine di ricarica. Nelle lunghe percorrenze, ad esempio durante una vacanza, il Cliente può rifornirsi presso le colonnine di ricarica conformi allo standard europeo Combined Charging System (CCS).

Audi e-tron attinge a fonti a ricarica continua

In questo modo Audi e-tron attinge a fonti a ricarica continua con potenza sino a 150 kW – un primato assoluto – ed è pronta ad affrontare la successiva tappa del viaggio in meno di mezz’ora, forte dell’80% di autonomia. Un obiettivo cui concorre il sistema di gestione termica della batteria agli ioni di litio particolarmente avanzato. Entro la fine del 2018, grazie alle rete di Ionity saranno presenti in tutta Europa 200 stazioni High-Power-Charging (HPC). Entro il 2020 è prevista l’installazione di 400 stazioni, a 120 km di distanza una dall’altra, lungo le autostrade e le principali arterie viarie. Il Gruppo Volkswagen promuove l’ampliamento della rete HPC insieme ad Audi e Porsche, a BMW Group, a Daimler AG e a Ford Motor Company. Al di fuori di questa joint venture stanno comunque nascendo in Europa altri punti di ricarica compatibili con lo standard HPC.

Oltre che mediante la ricarica rapida a corrente continua, durante i tragitti il SUV elettrico può essere ricaricato grazie alla corrente alternata su colonnine AC, con potenza standard fino a 11 kW o, optando per un secondo charger, a 22 kW. La vettura è connessa alle colonnine mediante un cavo con connettore di tipo 3. Circa il 95% delle stazioni di ricarica europee è conforme a questo standard.

Audi proporrà ai Clienti un accesso semplificato a circa l’80% delle colonnine

Per il debutto sul mercato, Audi proporrà ai Clienti un accesso semplificato a circa l’80% delle colonnine mediante un proprio servizio di ricarica, denominato Audi e-tron Charging Service. Diverrà così possibile disporre di oltre 70.000 punti di ricarica pubblici in Europa.

A corrente alternata come a corrente continua, a 11 kW come a 150 kW, per un “pieno” d’energia sarà sufficiente un’unica scheda. Il trasferimento dati avverrà mediante la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification), mentre molteplici colonnine verranno attivate semplicemente mediante la scansione di un QR code. Per accedere al servizio, il Cliente dovrà registrarsi nel portale myAudi e sottoscrivere un contratto di ricarica individuale. La fatturazione avverrà in modo automatizzato, senza strumenti di pagamento fisici. Con la funzione Plug & Charge, al debutto nel 2019, il procedimento diverrà ancora più immediato: l’auto otterrà l’autorizzazione automaticamente alla colonnina di ricarica e avvierà l’operazione senza bisogno di alcuna scheda.

Il processo di ricarica: intuitivo e immediato

Il processo di ricarica di Audi e-tron inizia con la pressione del pulsante dedicato: lo sportello motorizzato in corrispondenza del passaruota lato guidatore si solleva rivelando il connettore, illuminato da una luce bianca a LED. Un secondo LED indica lo stato dell’attività. Una luce verde, ad esempio, segnala che la ricarica è in corso qualora pulsante, completa qualora fissa. Quando il cavo di ricarica viene disconnesso, lo sportello si chiude automaticamente entro 5 secondi. In abbinamento al secondo dispositivo di carica a bordo dell’auto, Audi prevede un ulteriore connettore lato passeggero per la ricarica a corrente alternata (AC).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *