Nuova Audi e-tron, la decelerazione elettrica: dal veleggio all’one pedal feeling

 Nuova Audi e-tron, la decelerazione elettrica: dal veleggio all’one pedal feeling

La nuova Audi e-tron può contare su di un’autonomia di oltre 400 chilometri nel ciclo WLTP. Un obiettivo cui concorrono soluzioni hi-tech quali la raffinata aerodinamica, il ridotto Cx (0,27) e il sistema di recupero dell’energia che integra i motori elettrici. Quest’ultimo sistema contribuisce sino al 30% dell’autonomia. Nuova Audi e-tron, nel dettaglio, recupera energia in due modi: quando il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore, pertanto nelle fasi non di carico del powertrain a zero emissioni, oppure quando preme il pedale del freno, quindi nelle fasi di frenata.

L’energia cinetica di Nuova Audi e-tron

In entrambi i casi, i motori elettrici agiscono da alternatore trasformando l’energia cinetica di Audi e-tron in energia elettrica. Con decelerazioni sino a 0,3 g, vale a dire nel 90% dei casi, il SUV dei quattro anelli recupera energia grazie ai soli motori elettrici. In questo modo, l’energia generata da tutte le manovre ordinarie di decelerazione viene immagazzinata nella batteria. Il sistema di recupero si adatta alle diverse condizioni di guida ed è potente al punto da rendere residuale l’intervento dei freni meccanici. La spiccata modularità fa sì che tale tecnologia risulti la più efficiente sul mercato.

Quando la decelerazione raggiunge o supera gli 0,3 g, Audi e-tron recupera energia non più tramite i soli motori elettrici, ma anche grazie ai freni meccanici. Il SUV elettrico decide in base alla situazione se decelerare mediante i motori elettrici, i freni meccanici o la combinazione dei due. Nel caso di una frenata da 100 km/h, Audi e-tron può recuperare energia fino a un massimo di 300 Nm e 220 kW di potenza elettrica. Valori equivalenti a oltre il 70% della potenza motore.

Il conducente può impostare il livello di recupero dell’energia

Il conducente può impostare il livello di recupero dell’energia in rilascio in base a tre step, selezionabili mediante i bilancieri al volante. Con l’opzione più lieve, quando il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore Audi e-tron procede per inerzia, senza coppia frenante aggiuntiva. L’auto, pertanto, continua a veleggiare e dai motori elettrici non fluisce corrente né in entrata né in uscita. Con i livelli 1 (decelerazione minima – moderata) e 2 (decelerazione forte – elevata) i propulsori elettrici generano una coppia frenante rigenerativa e producono corrente. Il SUV elettrico vede così ridursi sensibilmente la velocità, al punto che il conducente può gestire la marcia e le decelerazioni grazie al solo pedale destro. Si crea il cosiddetto one pedal feeling. Una condizione grazie alla quale non è necessario ricorrere ai freni meccanici.

Oltre all’impostazione manuale del livello di recupero dell’energia, il conducente può selezionare la modalità automatica grazie all’MMI. In questo caso, il predictive efficiency assistant adatta la decelerazione in funzione del fabbisogno necessario, tenendo conto del percorso e dei veicoli che precedono. Il conducente può comunque influire sull’intensità della decelerazione, selezionando il livello di recupero dell’energia mediante i bilancieri. Tale impostazione resta attiva sino alla successiva pressione dell’acceleratore.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *