Honda CBR650R, aumenta le potenza del motore di un 5%

 Honda CBR650R, aumenta le potenza del motore di un 5%

La nuova Honda CBR650R ha un +5% di potenza sopra i 10.000 giri/min e ‘zona rossa’ a 12.000 giri/min con un erogazione di coppia più fluida e sostenuta, l’aspirazione e scarico ridisegnati migliorano prestazioni e sound coadiuvati dal controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control), la frizione assistita e antisaltellamento Disponibile anche la versione 35 kW per patente A2.

I progettisti Honda hanno voluto offrire ai piloti della CBR650R le prestazioni più sportive ed appaganti possibili per una media a quattro cilindri. Così, il motore DOHC a 16 valvole da 649 cc è stato “riempito” ai medi regimi e potenziato di un +5% sopra i 10.000 giri/min, con possibilità di allungare fino a 12.000 giri, regime al quale è sprigionata la potenza massima di 95 CV (la coppia massima è di 64 Nm a 8.500).

Honda CBR650R, un motore che spinge forte

Il risultato finale è un motore che spinge di più a tutti i regimi, con un’erogazione di coppia fluida e lineare, ma che diventa “cattivo” all’aumentare dei giri, con un sound di scarico grintoso e coinvolgente. Emozioni che possono vivere anche i possessori di patente A2 grazie alla versione da 35 kW.
Le valvole sono azionate direttamente dall’albero a camme e rendono la testata compatta; alesaggio e corsa sono invariate, 67 x 46 mm, ma cresce il rapporto di  compressione da 11,4 a 11,6:1, grazie alla camera di scoppio ottimizzata per accogliere pistoni di nuovo disegno. Tutta la distribuzione, compresa la fasatura, è stata adeguata per garantire l’affidabilità richiesta dalle maggiori prestazioni e l’accensione può ora contare su candele all’iridio.

Come in precedenza, i pistoni hanno mantello asimmetrico per ridurre gli attriti. Le canne dei cilindri presentano la superficie ad aculei, che disperde meglio il calore migliorando il raffreddamento e riducendo il consumo d’olio, con il secondario ma non meno importante effetto di massimizzare l’affidabilità del motore. Il sistema di distribuzione è mosso da una catena silenziosa con riporto al vanadio sugli ingranaggi che riduce le perdite per attrito.
L’estesa rete di passaggi interni dell’acqua dalla testata ai cilindri permette inoltre di eliminare gran parte dei manicotti esterni.

Sistema di aspirazione dinamica dell’aria

La CBR650R è equipaggiata con un sistema di aspirazione dinamica dell’aria composto da doppi canali frontali, che convoglia l’aria in pressione verso l’airbox in maniera migliore rispetto al singolo condotto centrale della precedente CBR650F. Il collettore dell’impianto di scarico è ora di diametro maggiore (passa da 35 a 38,1 mm) per far fluire una quantità maggiore di gas e, grazie anche al terminale ridisegnato e maggiormente orientato verso l’alto, creare un sound da vera Super Sport che rende la guida entusiasmante ad ogni andatura.

Il motore a 4 cilindri in linea della CBR650R sfrutta una struttura interna compatta, con cambio verticale a sei rapporti e disposizione del motorino di avviamento alle spalle della bancata cilindri, inclinata in avanti di 30°. La nuova frizione assistita con antisaltellamento permette cambiate con uno sforzo sulla leva ridotto del 12% e mantiene la ruota a terra anche durante le scalate più repentine tipiche della guida sportiva. In accelerazione, invece, l’introduzione del controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control), migliora la sicurezza, soprattutto sui fondi viscidi, ma può essere disattivato tramite l’apposito comando.
I consumi sono molto efficienti, pari a 20,4 km/l nel ciclo medio WMTC, ed assicurano un’autonomia di oltre 300 km sfruttando il serbatoio da 15,4 litri di capacità.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *