Nuova Jeep Renegade, nuova gamma di motori turbo a benzina

 Nuova Jeep Renegade, nuova gamma di motori turbo a benzina

Sulla nuova Jeep Renegade esordiscono le inedite motorizzazioni a benzina turbo, sviluppate da una struttura modulare. Sono disponibili nella configurazione da 1 litro a 3 cilindri da 120 CV di potenza massima e 190 Nm di coppia massima con trasmissione manuale a sei marce e trazione anteriore, e 1,3 litri a 4 cilindri da 150 CV in abbinamento al cambio a doppia frizione DDCT e alla trazione anteriore. In abbinamento alla trasmissione automatica a 9 marce con convertitore di coppia e alla trazione 4×4, è disponibile il brillante propulsore turbo da 1,3 litri e 180 CV. La coppia massima, per entrambi i motori da 1,3 litri, è pari a 270 Nm.

I nuovi propulsori a benzina rispondono alla normativa anti inquinamento Euro 6/D e sono dotati di filtro antiparticolato GPF (Gasoline Particulate Filter).

Nuova  Jeep Renegade, nuova famiglia sviluppata dal gruppo FCA

La nuova famiglia bo è stata sviluppata dal gruppo FCA con lo scopo di offrire una gamma di motorizzazioni a benzina modulari di cilindrata ridotta con consumi moderati e prestazioni di riferimento per un’ampia gamma di applicazioni. La struttura di base dei nuovi motori garantisce efficienza, modularità, un notevole livello di standardizzazione dei componenti e del processo produttivo, flessibilità e predisposizione a future evoluzioni.

Le nuove motorizzazioni sono interamente realizzate in lega d’alluminio, che assicura la massima leggerezza: il propulsore a tre cilindri pesa 93 kg. Il basamento cilindri, sviluppato in collaborazione con Teksid, è realizzato in lega d’alluminio pressofuso ad alta pressione. Per migliorarne la robustezza strutturale, è stata adottata una camicia in ghisa da 1,8 mm, rivestita esternamente in alluminio, per creare un “legame metallurgico” tra camicia e blocco. Dopo lo studio di diverse soluzioni di basamento motore, è stata selezionata un’architettura con sottobasamento per la miglior sintesi tra rumorosità, vibrazioni, peso e prestazioni strutturali.

Massimizzare l’efficienza dei motori

Per massimizzare l’efficienza dei nuovi motori, che garantiscono migliori prestazioni e consumi inferiori rispetto alle unità che sostituiscono, sono stati individuati un alesaggio di 70 mm con un rapporto alesaggio/corsa pari a 1,24 e un dispositivo biella-manovella con offset di 10 mm che si traducono in una camera di combustione molto compatta che incrementa l’efficienza termica e in un’architettura biella-manovella con un’efficienza meccanica superiore grazie agli attriti minimizzati. Tutte le unità dei nuovi motori a 3 e 4 cilindri sono costruite combinando questo modulo di combustione di nuova generazione con cilindrata unitaria di 0,33 litri.

La testata presenta 4 valvole per cilindro e un singolo albero a camme; la struttura con camera di
combustione compatta e i condotti di aspirazione “high-tumble” garantiscono la turbolenza dell’aria
e una durata di combustione ridotta con una propagazione regolare della fiamma che si traducono
in un’efficienza termica elevata e nel controllo della detonazione. L’elevato calibro progettuale dei
nuovi propulsori è testimoniato dalla presenza di numerosi contenuti tecnici innovativi come
l’iniezione diretta di benzina per massimizzare l’efficienza volumetrica e il turbocompressore a inerzia ridotta gestito da un attuatore wastegate a comando elettrico combinato con un modulo di sovralimentazione raffreddato ad acqua direttamente nel collettore di aspirazione, che assicurano una risposta più rapida nei transitori.

Esclusiva tecnologia Multiair

Senza contare l’esclusiva tecnologia MultiAir per migliorare l’efficienza di combustione mediante la
regolazione continua dell’alzata e della fasatura delle valvole, che sui nuovi motori debutta nella
sua terza generazione. Il nuovo stadio di evoluzione MultiAir III ottimizza ulteriormente il controllo
indipendente dell’apertura e della chiusura delle valvole di aspirazione: grazie agli specifici profili di
camma di aspirazione e scarico, permette di migliorare l’efficienza a carico ridotto tramite il ricircolo
del gas di scarico aprendo anticipatamente le valvole di aspirazione e enfatizzando, allo stesso
tempo, l’erogazione ai carichi elevati tramite la chiusura ritardata delle valvole di aspirazione. In
pratica, la tecnologia MultiAir III consente di ridurre il rapporto di compressione reale, controllando il
fenomeno della detonazione e migliorando sostanzialmente i consumi di carburante anche quando
il motore eroga una potenza elevata.

I nuovi motori sono stati messi a punto con oltre 75.000 ore di analisi virtuali, 60.000 ore di test sul
banco prova e 5 milioni di chilometri percorsi in tutto il mondo su strada e in off-road per testarne
le doti di robustezza e affidabilità.

La nuova Jeep Renegade è il primo modello del Gruppo ad adottare l’innovativa famiglia di motori a
benzina turbo, progettati per offrire ai clienti il divertimento di guida che si aspettano da un SUV
Jeep, risparmiando sino al 20% di carburante rispetto ai predecessori e con un eccellente comfort di
marcia.

Due potenti motori turbo diesel MultiJet II con tecnologia Stop&Start da 1,6 e 2,0 litri

La nuova Jeep Renegade potrà inoltre essere equipaggiata con un motore turbo diesel da 1,6 o 2,0
litri. Entrambe le motorizzazioni sono dotate di tecnologia MultiJet di seconda generazione,
sviluppata e brevettata dal Gruppo FCA. Sono disponibili a scelta due cilindrate e tre livelli di
potenza: da 1,6 litri e 120 CV, in abbinamento alla trasmissione manuale o DDCT a doppia frizione, e
da 2 litri a 140 o 170 CV con cambio manuale o automatico a 9 velocità.

Queste motorizzazioni presentano il sistema “SCR on filter”, una soluzione che integra la funzionalità
del SCR su un substrato DPF per favorire:

  • la riduzione delle emissioni NOx tramite l’iniezione di AdBlue (mentre un SCR in posizione
    underfloor oltre a ridurre ulteriormente i NOx evita il fenomeno di “ammonia slip”);
  • l’intrappolamento e riduzione del PM (particolato).

Le curve di potenza e di coppia confermano l’eccellenza della famiglia MultiJet II anche in
questa inedita configurazione che presenta una ottimizzazione dei valori di coppia ai bassi
regimi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *