Nuovo Suzuki Burgman 400, continua la tradizione giapponese

 Nuovo Suzuki Burgman 400, continua la tradizione giapponese

Nuovo Suzuki Burgman 400, un scooter che ha segnato la storia della mobilità delle due ruote e del mondo Suzuki. Uno scooter che con questa nuova interpretazione esalta ancora di più lo stile dinamico, filante e sportivo del mezzo Suzuki. Con una nuova impostazione di guida che permette di avere e sfruttare le doti ciclistiche del nuovo Suzuki Burgman.
Grazie ad un costo molto competitivo sarà appetibile ai molti appassionati, il costo Suzuki Burgman infatti si attesta a 7.290 € con quattro anni di garanzia.

Nuovo Suzuki Burgman, prosegue la tradizione

Il Burgman 400 è nato nel 1998 e già da subito ha dato vita ad un nuovo modo di vedere la mobilità cittadina ma che non disdegna anche una gita fuoriporta.
Oggi torna nelle concessionarie per continuare quella tradizione con un nuovo scooter giapponese che si contraddistingue dalla concorrenza grazie alla meticolosità progettuale e produttiva e alla grande affidabilità che lo caratterizza.

Nuovo design e le prestazioni sportive, insieme al comfort e alla facilità di guida hanno fatto del Burgman un best-seller in quasi vent’anni di vendite con ben 440.000 unità vendute e 111.144 esemplari immatricolati in Italia,  il 54% delle immatricolazioni totali.

Il nuovo Burgman si evolve

Il nuovo Suzuki Burgman 400 segna una svolta importante, ma con il DNA di una serie al TOP da sempre. In perfetta linea con le tendenze attuali, il modello si contraddistingue per il nuovo design snello e filante, con un lato sportivo importante. La carrozzeria ha un look atletico e slanciato, nel frontale e nella parte posteriore. Entrambi con degli inediti gruppi ottici a LED, che conferiscono al Nuovo Suzuki Burgman 400 un look, grintoso e personale, aumentando anche l’efficacia del fascio luminoso al buio.

Grande controllo su strada

La nuova conformazione della sella, ha un’imbottitura più spessa di 20 mm regalando al pilota una seduta più comoda ma soprattutto una posizione di guida più eretta e attiva. Chi guida è nelle condizioni perfette per godere della grande stabilità e della migliore tenuta di strada grazie alla ciclistica, con un telaio con  una rigidità ottimizzata e il passaggio da 14′ a 15′ della  ruota anteriore. Sospensione posteriore PRO-LINK con precarico molla regolabile su sette posizioni, esclusiva Suzuki. L’ammortizzatore posteriore opera tramite un nuovo sistema di leveraggi, che garantiscono un funzionamento progressivo offrendo un comfort eccellente anche nei trasferimenti più lunghi o sui fondi stradali più irregolari.

Comodità grazie anche ai fianchi più stretti, per consentire a tutti di poggiare saldamente i piedi a terra con un’altezza della sella da terra di soli 755 mm.
La nuova sella biposto su due livelli combina un’imbottitura più spessa con una forma più rastremata, per assicurare un comfort eccellente, sia al pilota sia al passeggero.

Motore potente e pulito

Il motore Suzuki Burgman 400 monoclindrico, progettato dalla casa di Hamamtsu è un motore a
quattro tempi DOHC raffreddato a liquido da 399 cm3, a iniezione elettronica con una coppia
più consistente ai bassi e ai medi regimi (36 Nm a 4800 giri/min), migliorando le performance e
l’accelerazione, anche nella guida con passeggero. Numerose le migliorie del motore che
beneficia di una nuova scatola del filtro dell’aria. La forma della scatola del filtro inoltre rende più gradevole il sound d’aspirazione, mentre una nuova candela all’iridio rende più efficiente e pulita la combustione. Molto bene anche dal punto dell’inquinamento ambientale con  emissioni di CO2 contenute in 91 gr/km,  potenza massima di 23 kW a 6300 giri/min, abbinata alla riduzione dei consumi (4 l/100 km).

Ottime le dotazioni

Il nuovo Suzuki Burgman 400 aumenta ancora la sua praticità d’uso e il nuovo modello si rivela
ancora una volta il compagno di viaggio ideale, sia per gli spostamenti di ogni giorno, sia per il
turismo ad ampio raggio anche in coppia. Sottosella  spazioso con un vano da ben 42 litri,
capace di accogliere un casco integrale e un demi-jet. Per i piccoli oggetti di uso quotidiano ci
sono anche due cassettini nel retro dello scudo, uno dei quali dotato di una presa 12V, con cui
si possono ricaricare i dispositivi elettronici


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *