Eicma 2017, cosa resta dell’edizione dei record?

 Eicma 2017, cosa resta dell’edizione dei record?

Anche quest’anno l’Esposizione Internazionale del Ciclo e Motociclo – per tutti, più semplicemente, Eicma 2017- si è confermato il salone più importante al mondo nel settore delle due ruote, oltre che punto di riferimento assoluto quando bisogna valutare fattori come presenza di pubblico, numero di espositori, di operatori e media coinvolti.

Lo showroom milanese ha chiuso i battenti da un mese, più o meno, ma lascia ancora parlare di sé, sia per i numeri che, soprattutto, per le moto messe in vetrina (qui per vedere la nostra galleria) che hanno conquistato il cuore e i sogni degli appassionati di tutto il mondo. Un’espressione da prendere alla lettera, visto che all’ultimo Eicma 2017 ha partecipato una folta rappresentanza di visitatori stranieri, così come dall’estero proveniva gran parte degli espositori.

I numeri da record. Per la precisione, il bilancio definitivo dei partecipanti (non ancora ufficiale, visto il riserbo della società organizzatrice dell’evento) parla di un incremento di visitatori pari al 24 per cento rispetto al 2015 (il confronto è sempre portato avanti sulla biennalità), il che significa aver quanto meno avvicinato quota 700 mila. Se l’affluenza è andata benissimo, addirittura da record è stato il numero di espositori presenti, che si sono attestati a 1.713 nel complesso tra diretti e indiretti, ovvero il 20 per cento in più del 2015: tra questi, il 61 per cento delle aziende espositrici rappresenta l’estero, provenendo da 42 differenti Paesi. Stranieri protagonisti anche tra gli operatori esteri, con un più 28 per cento di incremento sull’afflusso di addetti ai lavori giunti da fuori Italia.

Le moto in vetrina. Insomma, numeri eccezionali che riaffermano il ruolo di Eicma nel mondo delle due ruote, e che trovano una motivazione anche nel dato relativo agli aspetti più interessanti per gli appassionati, ovvero le moto presenti al Salone: nella settimana milanese sono state presentate 150 novità e anteprime mondiali nei vari “rami” della kermesse, con alcuni modelli che hanno decisamente conquistato critica e pubblico.

Eicma, quo vadis? La galleria fotografica

La più bella dell’Eicma 2017. È il caso della Ducati Panigale V4, che era già tra gli esemplari più attesi e che non ha deluso assolutamente: anzi, la potente superstar della Casa di Borgo Panigale ha conquistato il titolo di “Moto più bella del Salone del Ciclo e Motociclo di Milano 2017″, stravincendo il sondaggio organizzato dalla rivista italiana Motociclismo, cui hanno partecipato oltre 16 mila appassionati tra visitatori della Fiera e gli utenti del magazine online.

La Ducati sbaraglia la concorrenza. Il successo della prima moto Ducati prodotta in serie equipaggiata con un motore 4 cilindri (tra l’altro, di stretta0 derivazione dal propulsore Desmosedici della MotoGP) era in realtà prevedibile, perché questo “gioiello” è un concentrato di tecnologia, stile e performance, come da tradizione della società emiliana. Oltre al comparto tecnico e motoristico, poi, anche il versante della dotazione è stato molto curato, con lo scarico racing in titanio realizzato da Akrapovic o come nella versione Panigale V4 S, equipaggiata con sospensioni Öhlins e componentistica di altissimo livello, come le ruote forgiate in alluminio e la batteria agli ioni di litio.

I dettagli più ricercati. La personalizzazione dei componenti della moto è d’altra parte un’attività sempre molto apprezzata e ricercata da parte dei “biker” puri, che negli ultimi tempi stanno trovando nuove soluzioni anche grazie agli acquisti online di accessori e delle cosiddette “special parts“: una delle piattaforme pioniere in Italia in questo settore è Omnia Racing, sito attivo da oltre dieci anni nel panorama del Web e diventato punto di riferimento per brand come Arrow, Akrapovic o Öhlins.

Anche la Arrow si mette in mostra. E anche queste case produttrici sono state protagonista all’Eicma: se la Akrapovic si fregia della collaborazione con Ducati, la Arrow invece risponde equipaggiando gli scarichi della Fantic Caballero Scrambler 500, che ha vinto il sondaggio online proposto da un’altra rivista italiana del settore, Dueruote, dedicato sempre alle novità presentate al Salone milanese.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *