Aprilia Tuareg 660, aspettative ampiamente rispettate

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Personalmente dopo ben 25.000 km già passati in sella ad una Tenere 700 nell’ultimo anno e mezzo, era una delle prove che mi appassionava maggiormente. La dichiarazione d’intenti era chiara fin dalle prime indiscrezioni, nel mirino degli ingegneri di Noale c’era e c’è proprio Lei, la giapponese di Iwata, ed il suo dominio assoluto nel segmento delle medie enduro tutto fare.

Ciò che non sapevamo prima di guidarla

Ciò che non sapevamo prima di guidarla, era se tale attacco potesse riuscire, e credetemi, oggi Yamaha ha una concorrente molto ingombrante.

Abbiamo detto e sentito più volte che in Aprilia, con il motore 660 c’era la palese intenzione di farsi strada in vari segmenti, e così come le precedenti RS 660 e Tuono 660, anche la Tuareg 660, entra da protagonista, proprio nel regno fin d’ora incontrastato,  della Yamaha T7, e non solo per partecipare, bensì per vincere.

Di questo modello, inizialmente qualcuno forse avrà pensato, che l’intenzione fosse più una ricerca evocativa, con le moto iconiche dei Rally della Dakar.

Ma il risultato messo a terra o su asfalto, a seconda di dove si preferisca usare la nuova media di Noale, è indiscutibilmente sorprendente ed azzeccato.

Ora la domanda che mi sorge è, ma se il Progetto 660 attinge tutto il Know-how delle sorelle maggiori, non è che prossimamente vedremo una Tuareg dopata andare ad attaccare le blasonate Maxi-Enduro?

Noi ed il mercato siamo sicuramente pronti e maturi per l’ennesimo guanto di sfida.

Cosa mi piace

🟢 – Il motore da 660 cc., anche in questo adattamento sapientemente per l’uso misto On/OffRoad;

🟢 – La dotazione elettronica APRC,  con i 4 Riding Mode, selezionabili con un tasto anche in movimento;

🟢 – Una ciclistica complessiva, che rende tutto molto facile in ogni contesto;

🟢 –  Leggera ed agile con un ottimo bilanciamento;

🟢 –  Penumatici di primo equipaggiamento Pirelli Scorpion Rally STR, sempre una garanzia di efficienza sia su asfalto che in Off-Road.

Cosa non mi piace 

🔴 – Assenza del Cornering Abs;

🔴 – Vibrazioni marcate nel regime giri dai 4200 ai 4800;

🔴 – Per il momento, assenza nella dotazione accessori, di un kit valige leggere.

Saliamo in Sella ma prima la gallery

Da dovunque la guardi la Media Enduro by Aprilia , sembra volerti comunicare la propria voglia di essere un moto tutto  fare.

La scritta Tuareg, in bella mostra sul serbatoio, basta e avanza a scatenare ricordi ed emozioni, a chi come me, teenager negli anni ’80, vedeva in quell’iconico modello aprirsi il mondo delle moto votate alla libertà ed all’avventura.

Il suo design è decisamente slanciato, e vede all’anteriore la conferma del triplo gruppo ottico Full  LED con luci DRL , che le dona un bel tocco di modernità.

L’altezza sella è di 860mm, ma grazie ad una parte centrale molto rastremata, e ad una taratura delle sospensioni non troppo sostenuta, diventa facilmente fruibile anche per chi non supera i 170cm di altezza.

Saliti a bordo, ci si rende subito conto che manubrio, sella e pedane sono proprio dove le vorresti, per farti trovare una seduta comoda ed efficace.

Girata la chiave, si accende il cruscotto TFT da 5 pollici a colori di facilissima lettura, da cui sono possibili selezionare con un semplice tasto, i 4 Riding Mode (Street, Explorer, Individual ed OFF Road), gli ultimi due completamente personalizzabili.

 Anche in questo modello i tecnici di Noale non hanno voluto rinunciare al loro fiore all’occhiello, l’efficacissimo pacchetto APRC (Aprilia Performance Ride Control, che andando ad intervenire su Traction Control, Engine Map, Engine Brake e Cruise Control, di fatto è pronto ad assecondare tutte le esigenze del guidatore, regalando emozioni sia al neofita che al più esperto.

 Ma la cosa che mi colpisce di più, è l’ennesima capacità di Aprilia, che con degli interventi mirati (albero a camme e alzata delle valvole), riesce a tirar fuori dal suo ormai collaudato bicilindrico, una potenza che sebbene cala a 80 Cv a 9.250 giri, eroga una coppia di ben 70Nm a 6500 giri/min, di cui se ne beneficia soprattutto ai bassi regimi.

Anche nella Tuareg 660, gli ingegneri vogliono confermare tutta la loro capacità di dotare le proprie moto, di una ciclistica di riferimento.

Per cui troviamo un nuovo telaio tubolare in acciaio, accoppiato a staffe in alluminio collegato al motore in 6 punti, per garantire solidità in Offroad.

Il comparto sospensioni è affidato a Kayaba , che offre all’anteriore una forcella da 43 mm mentre al posteriore un mono ammortizzatore a leveraggi progressivi, entrambi con escursione di 240 mm, pronti a farsi esaltare soprattutto quando si mettono le ruote fuori dall’asfalto.

L’efficienza in frenata è affidata alle pinze a doppio pistoncino marchiate Brembo con dischi da 300 mm all’anteriore, mentre al posteriore un disco da 260 mm. con pinza flottante a singolo pistoncino.

Concludono la dotazione le super collaudate coperture tubeless Pirelli Scorpion Rally STR, con misure 90/90/21 e 150/70/18, le quali oltre ad offrire un ottimo comportamento in fuoristrada, sono una garanzia anche su asfalto anche bagnato.

Quindi da guidare come è?

Tuareg 660 nasce e vuole essere una moto capace di portare il motociclista, sia su strada che in Offroad con estrema facilità, qualunque sia la sua esperienza di guida. Grazie ad una distribuzione dei pesi, ed una centralizzazione delle masse, di assoluto riferimento, ci si trova immediatamente a proprio agio.

Il ridotto peso in ordine di marcia di soli 204Kg, rendono il feeling con la moto pressoché immediato in ogni contesto.

 Guidata nel traffico, si fa apprezzare per l’assoluto confort che asseconda ogni asperità dell’asfalto, grazie di base, ad una taratura delle sospensioni abbastanza cedevole sulla prima parte dell’escursione. Di notevole aiuto, inoltre, cambio e frizione che risultano morbidi e precisi negli inneschi.

Nella moto in prova non c’era il cambio elettronico, ma è presente nel catalogo accessori a richiesta.

Bastano veramente pochi chilometri per instaurare un feeling inaspettato, ma anche di capire, che di fatto stiamo pur sempre guidando una Aprilia, che per definizione e missione, non vuole tradire il suo DNA.

Infatti, appena si esce dal contesto urbano, e le strade si inerpicano per colline e montagne, esce prorompente il suo voler essere una motocicletta votata alla sportività ed all’avventura.

Grazie ai suoi Riding Mode dalle molteplici regolazioni, e ad una ciclistica che mammano che si spinge sull’acceleratore, diventa sempre più sostenuta, si riescono a pennellare curve in successione, con traiettorie quasi più simili ad un raggio anteriore da 17, anziché di fatto al raggio 21 di serie, il tutto accompagnato da un sound di assoluto carattere.

La sensazione è di assoluto controllo, si percorrono molti chilometri senza assolutamente affaticarsi, complice anche una sella confortevole sebbene studiata più per la guida in Offroad.

Personalmente ho molto apprezzato la semplicità d’uso dei blocchetti, con i quali grazie ad un unico tasto, è possibile cambiare la mappa con un semplice tocco.

Nella Tuareg 660, tutto sembra votato alla semplicità sia per chi ne fa un uso stradale, che per chi predilige l’uso nel misto On/Off-Road.

Conclusioni, ma prima il nostro video…

Per quanto mi riguarda, purtroppo l’ho potuta usare solo su asfalto, senza una vera escursione in Off-road, in quanto i sentieri più specialistici che avevamo selezionato per la prova, complice la recente nevicata, erano impraticabili senza gomme chiodate.

C’era e c’è molta aspettativa su questo modello, soprattutto perché è la vera e diretta rivale oggi, della i incontrastata Yamaha Tenerè700.

Il duello è molto appassionato, e personalmente, che prediligo l’uso della moto per viaggiare, ritengo Aprilia, anche per la dotazione elettronica che offre, leggermente superiore è più appagante.

Inoltre, alcune comodità come il Cruise Control, soprattutto per chi fa anche trasferimenti autostradali, spostano un po’ l’ago della bilancia, delle comodità quasi irrinunciabili

Trovare difetti alla Tuareg 660, è davvero difficile, e li posso individuare solo in qualche vibrazione percepita soprattutto sulle pedane intorno ai 4500 giri.

Con un prezzo cha parte da € 11.990,00, è già disponibile presso i concessionari nelle colorazioni Acid Gold, Martian Red ed Indaco Tagelmast.

Ricca la dotazione degli accessori con cui si può allestire e personalizzare la propria Aprilia.

Molto utile per chi viaggia la piattaforma multimediale MIA, che permette di collegare il proprio smartphone alla moto, avendo quindi esteso sul cruscotto le funzioni di navigazione e di infotainment tramite App dedicata.

Aprilia con la Tuareg 660 , si ripropone in maniera vigorosa, nelle medie enduro stradali, segmento, che comunque , l’ha vista già dominare con i suoi modelli in passato.

Si ringraziano

Aprilia

https://www.aprilia.com/it_IT/configurator/tuareg-660/

Il concessionario di Verona Gabrielli Moto

http://www.gabriellimoto.com/index.html
[smiling_video id=”249639″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.