Pneumatici in quarantena: come prevenire il rischio di appiattimento

 Pneumatici in quarantena: come prevenire il rischio di appiattimento

Italiani a casa e auto chiuse in garage o parcheggiate in strada. Questo delicato periodo di lockdown e di limitazioni alla circolazione sta costringendo, da diverse settimane, milioni di persone a lasciare ferme e inutilizzate le proprie vetture. In casi come questi di fermo prolungato dei veicoli, gli pneumatici possono subire danni o deformazioni e andare incontro a spiacevoli inconvenienti: il flat spotting è uno dei rischi più comuni in occasioni di lunga sosta e sta ad indicare l’appiattimento o ovalizzazione dello pneumatico sotto il carico del veicolo nell’area in cui rimane a contatto col suolo. È bene quindi adottare semplici accorgimenti per prevenire questi fenomeni e farsi trovare pronti a riaccendere i motori e ripartire quando sarà il momento.

Gli esperti Continental spiegano che esistono due tipi di appiattimento

Temporaneo o semi-permanente e l’entità del fenomeno dipende da fattori come le dimensioni, il carico, la struttura interna, la temperatura ambiente e la durata della sosta.

Quando un veicolo viene lasciato fermo per pochi giorni o settimane, è normale che al rientro si possano avvertire alcune leggere vibrazioni durante i primi chilometri di guida, ma in questi casi gli appiattimenti sono destinati a scomparire una volta che gli pneumatici hanno raggiunto la temperatura d’esercizio e riacquisito la normale conformazione.

Se il lasso di tempo si estende a un mese o più si verifica un appiattimento semi-permanente che, specie se abbinato a temperature elevate e alla bassa pressione degli pneumatici, può determinare una condizione di ovalizzazione più grave, non risolvibile con il normale riutilizzo del veicolo.

Strategia efficace

Una strategia efficace secondo Continental, per evitare che si verifichi il flat spotting, è quella di mantenere una corretta pressione degli pneumatici, perché gli pneumatici sgonfi tendono più facilmente ad appiattirsi. Inoltre per contrastare il rischio di appiattimento nel caso in cui si debba lasciare la vettura parcheggiata per un periodo prolungato, gli esperti Continental suggeriscono di aumentare leggermente la pressione di gonfiaggio degli pneumatici da 0,2 fino a 0,5 bar in più a seconda della massa del veicolo e il tempo di stazionamento. Tuttavia è importante fare attenzione a non superare mai la massima pressione di gonfiaggio a freddo degli pneumatici consigliata dalla casa costruttrice.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *