Salgono le vendite di moto e scooter, significativo anche “effetto incentivi” per elettrici

– Le immatricolazioni di veicoli motorizzati a due ruote ad aprile totalizzano 26.854 veicoli, pari
a un +8,6% rispetto allo stesso mese del 2018. Crescita a due cifre per le moto con 12.645 pezzi pari al +14,6%; mentre il comparto scooter con 14.209 unità realizza un +3,8%. In ripresa significativa anche i “cinquantini”, che totalizzano 1.724 registrazioni, pari al +15,2%. Il mese di aprile sviluppa circa il 12% dei volumi annuali in Italia.
“L’inizio della stagionalità del mercato in aprile conferma un dato positivo che dura ormai da 9 mesi
consecutivi. In particolare i primi 4 mesi di quest’anno hanno visto un trend sostanzialmente equilibrato sia per le moto che per gli scooter. Questo significa che l’offerta di due ruote è in grado di soddisfare sia le esigenze di mobilità sostenibile nei nostri centri urbani, che la passione che anima le scelte dei modelli di moto. Siamo confidenti che nei prossimi mesi si possa consolidare il mercato per l’intero anno” – afferma Andrea Dell’Orto, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori). “Purtroppo lo scenario economico continua a mostrare segni di incertezza e nonostante qualche segnale positivo in termini di occupazione siamo in una situazione appena al si sopra della stagnazione. I dazi frenano le esportazioni, calano gli investimenti e la fiducia di famiglie e imprese, in generale la domanda è debole. Nel comparto automotive il nostro settore è in grado di dare il suo contributo positivo, nonostante il rincaro dei carburante che penalizza i costi di gestione. Il nostro obiettivo è quello confrontarsi con le amministrazioni pubbliche a sostegno degli utenti e del mercato. La priorità va sempre data alle condizioni di sicurezza d’uso, perché i nostri clienti combattono quotidianamente con infrastrutture problematiche che finiscono per diventare pericolose.”
Nel primo quadrimestre del 2019 il totale del mercato italiano delle due ruote a motore (immatricolazioni di scooter e moto superiori a 50cc, più registrazioni di “cinquantini”) arriva a 87.157 veicoli, con un incremento pari al +14,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Tale andamento deriva da un ottimo risultato delle immatricolazioni con 81.737 pezzi pari al +15,3 %, rispettivamente le moto con 39.614 veicoli e un +15,5% e gli scooter con 42.123 veicoli pari al +15,2%. Appena sopra i volumi dell’anno scorso i “cinquantini” con 5.420 registrazioni e un +2,2%, grazie soprattutto ai veicoli elettrici che, con grazie all’avvio degli incentivi, hanno più che raddoppiato i volumi totalizzando 871 pezzi.
L’analisi per cilindrata vede consolidarsi il segmento centrale degli scooter tra 300 e 500cc come il più
importante, con 16.959 unità pari al +30,2%. A seguire troviamo gli scooter 125cc con 14.634 veicoli pari al +13,6%. La categoria tra 150 e 250cc arretra e con 6.843 pezzi segna un -2,4%; infine si registra una
sostanziale stabilità per i maxiscooter oltre 500cc, con 3.684 immatricolazioni e un +1%.
Nel comparto moto, accelerano i modelli tra 800 e 1000cc con 11.383 unità e un +26,7%. In seconda posizione i veicoli superiori ai 1000cc con 10.521 vendite e un +4%; al terzo posto si classificano le moto tra 300 -600cc gli con 6.830 pezzi e un +20,9%. Seguono da vicino le moto tra 650 e 750cc con 6.178 unità e un +14,1% rispetto al 2018. Le 125cc proseguono nella crescita con 3.826 pezzi pari al +24,9%; infine sono piuttosto marginali i numeri delle 150-250cc con 876 moto e un -17,8%.
L’andamento dei segmenti moto evidenzia le enduro stradali con 14.652 unità e un +22,8%, seguono le naked anch’esse in crescita con 13.893 pezzi pari al +9,8%. A distanza le moto da turismo in con 5.476
immatricolazioni e un +22,7%. Stabili le custom con 2.083 vendite e un +0,5%; così come anche le sportive con 1.900 moto sugli stessi livelli dell’anno scorso con un +0,4%; infine più che positive le supermotard con 1.112 pezzi e un +38,1%.

Mercato, vendite: a febbraio crescono a due cifre sia gli scooter che le moto

Il mese di febbraio totalizza 16.020 immatricolazioni (veicoli superiori a 50cc), pari al +20% rispetto allo stesso mese del 2018. Sono gli scooter a trascinare verso l’alto le vendite con 8.181 unità immatricolate e un consistente +30,3%, mentre le moto con 7.839 pezzi venduti ottengono un buon +10,9%. Le vendite dei “cinquantini” registrano un lieve decremento, con 1.093 registrazioni pari a un -1,8%. Il mese di febbraio pesa in media il 6% del totale anno.

Il primo bimestre del 2019 conferma gli indicatori positivi dell’immatricolato e con 29.597 veicoli risulta in crescita di un +12,1%. In particolare sono gli scooter che con 15.150 vendite e un +15%, guadagnano più punti in percentuale; il comparto moto mostra un andamento più comunque positivo con 14.447 veicoli immatricolati pari al +9,3%. I veicoli 50cc nei primi due mesi del 2019 sviluppano un po’ meno volumi dell’anno scorso con 2.283 veicoli e un -1,8%.

“Il nostro mercato – dichiara Andrea Dell’Orto, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) – continua a mostrare numeri positivi, nonostante un quadro economico che volge in negativo, soprattutto in termini di previsioni per il secondo semestre dell’anno. Speriamo che l’intero settore dell’automotive si riprenda, ma intanto si sottolinea la vitalità delle 2 ruote che continuano un percorso virtuoso. È interessante rilevare come entrambi i segmenti scooter e moto sono in progresso, ciò significa che aumenta la sensibilità verso una mobilità sostenibile che lo scooter interpreta pienamente, ma nello stesso tempo si alimenta la passione per le moto”.

“Siamo in attesa che diventino pienamente operativi gli incentivi per le 2 ruote elettriche che – ha aggiunto Dell’Orto -, seppure rappresentino ancora una nicchia, mostrano una notevole potenzialità di crescita. Ricordiamo infine anche le aspettative nei confronti della riforma del Codice della Strada, che può venire incontro alle esigenze degli 8.600.000 utenti delle 2 ruote, sbloccando numerose questioni rilevanti sulle quali l’associazione sta lavorando da tempo”.

Dall’analisi per cilindrata delle immatricolazioni di scooter (over 50cc) emerge un exploit degli scooter del segmento 300-500cc che da soli valgono il 40% del mercato, con 6.206 unità immatricolate e un +44,2%, seguiti da vicino dai 125cc con 5.490 pezzi e un +17,3%; gli scooter da 150 fino a 250cc con 2.500 vendite scendono del -11,9%. Forte flessione per i maxiscooter oltre 500cc, con 954 unità e un -29,5%.

Nelle moto confermano la leadership le oltre 1000cc con 4.245 vendite pari al +7,3%. Le moto tra 800 e 1000cc a seguire hanno venduto 3.844 pezzi con un significativo +25,7%. Le moto da 300 a 500cc con 2.583 unità ottengono un +3,2%. Le medie cilindrate tra 600 e 750cc con 1.722 moto registrano un -1,4%. Soddisfacente la crescita delle 125cc con 1.588 unità e un +13,7%. Infine si rilevano 465 pezzi e un -17,1% per le 150-250cc.

Il segmento principale della moto vede ancora le enduro stradali al primo posto con 5.771 unità in progresso del +15,1%. Le naked pur in crescita sono al secondo posto con 4.626 pezzi e segnano un +6,4%; seguono le moto da turismo, con 1.828 immatricolazioni e un +10,9%; flettono le custom con 735 unità pari al -9,5%; sostanzialmente stabili le sportive con 696 pezzi crescono di un +1%; infine le supermotard sono in ripresa con 524 moto pari al +16,7%.

Ad agosto stabili le vendite di moto

L’andamento delle immatricolazioni per i veicoli con cilindrata superiore a 50cc rimane positivo e totalizza 11.976 unità, pari al +2,1% rispetto allo stesso mese del 2017.

Leggermente più alto l’incremento delle moto con 4.436 vendite e un +3,4%, mentre degli scooter arrivano a 7.540 pezzi e un +1,3%. Continua invece l’arretramento dei 50cc con 1.399 registrazioni pari al -15,5%.

Complessivamente nel mese i volumi dell’intero mercato italiano delle 2 ruote (immatricolazioni + 50cc) totalizzano 13.375 vendite, allo stesso livello del 2017. Il mese di agosto vale  solo il 5% delle vendite annuali, dato che  molte concessionarie effettuano la chiusura estiva.