Quando cambiare le gomme auto: tutto ciò che devi sapere

La salute degli pneumatici è un aspetto a dir poco fondamentale per ogni veicolo. È quindi di cruciale importanza conoscere quando è necessario cambiare le gomme alla propria auto, sia a causa di un danno sia alla semplice usura, ma soprattutto anche in base alle normative vigenti.

Quando cambiare gomme auto

Iniziamo col dire che i pneumatici devono essere controllati da un esperto ogni 15 mila chilometri circa. Questo perché a un occhio non allenato potrebbe sfuggire un’usura anomala, ma grazie agli strumenti utilizzati dai gommisti specializzati è possibile verificare al millimetro lo stato del battistrada che, per legge, deve avere una scanalatura minima di 1,6 mm.

Sarà quindi il vostro gommista di fiducia a dirvi se i pneumatici sono da sostituire o basta semplicemente scambiare di posto quelli anteriori con quelli inferiori (quando possibile) per regolarizzarne l’usura.

Un aspetto da tenere particolarmente in considerazione è la pressione delle gomme. Pneumatici troppo sgonfi avranno un’usura molto irregolare e ampia, il rischio correlato è quello della foratura; allo stesso tempo, pneumatici troppo gonfi portano a una usura anomala localizzata al centro esatto del battistrada che porta alla riduzione accelerata dell’aderenza del veicolo.

Potrebbe interessarti anche: Pneumatici invernali

Ogni quanto cambiare gomme auto

Per sapere ogni quanto cambiare le gomme auto dobbiamo analizzare l’utilizzo che si fa dell’auto: quanti chilometri vengono percorsi in media in un anno e quali tipologie di strade vengono percorse maggiormente, sono questi i due fattori principali che concorrono all’usura degli pneumatici.

Chi usa l’auto per lavoro e percorre lunghe distanze tutti i giorni su strade non accidentate dovrebbe far controllare le gomme almeno una volta l’anno o ancor meglio, come accennato in precedenza, al raggiungimento dei 15 mila chilometri. Escludendo i casi eccezionali, un treno di gomme con utilizzo regolare dovrebbe essere sostituito al superamento dei 40 mila chilometri per garantire la massima resa del veicolo.

Chi utilizza l’auto nel tempo libero e non percorre più di 5/10 mila chilometri in un anno potrebbe tranquillamente effettuare un controllo ogni due anni in occasione della revisione; sarebbe però più sicuro effettuare un controllo annuale della pressione delle gomme, soprattutto perché utilizzando la macchina solo nel tempo libero magari lasciandola ferma per molti giorni potrebbe influire fortemente sullo stato di salute degli pneumatici.

Per sapere invece quando cambiare i pneumatici invernali con quelli estivi e viceversa dobbiamo affidarci alla normativa vigente: l’articolo n.6 del Codice della Strada introdotto dalla legge n.120 del 29 luglio 2010. È necessario montare le gomme invernali entro e non oltre il 15 novembre mentre per quanto riguarda le gomme estive, la data limite per il montaggio è fissata per il 15 aprile.

Quanto costa cambiare gomme auto

Nel caso in cui siate in possesso dei nuovi pneumatici, il costo per la sola sostituzione varia dai 10 ai 20 euro per pneumatico; dovendo invece acquistare in sede le gomme il costo si alza e varia di molto in base alla marca e modello del veicolo in questione.

Di solito i gommisti propongono anche lo stoccaggio degli pneumatici, ovvero la conservazione in magazzino in attesa della prossima stagione, se volete avvalervi di questo servizio sappiate che ha un costo medio di 20 euro per pneumatico, ma non è escluso che il vostro gommista di fiducia possa farvi uno sconto fedeltà.

Non bisogna dimenticare che dopo il cambio delle gomme è necessario fare l’equilibratura che il 99% delle volte è compresa nel prezzo del cambio. Un servizio a parte è invece la convergenza che ha un costo medio di 20 euro e va effettuata solo nel caso in cui gli pneumatici sostituiti fossero usurati in modo particolarmente elevato.

Info utili per i mezzi commerciali: fiorinigomme.com

Sicurezza stradale, mobilità più sicura con di ADAS: accordo Aci-Sara Assicurazioni-Mobileye

La guida distratta, tra i nemici della sicurezza stradale,sta portando ad una impennata drammatica di sinistri e perdite di vite umane. 9 su 10 sono gli incidenti da attribuire al fattore umano, tra cui distrazione del conducente, mancata precedenza e velocità non adeguata

Sicurezza stradale verso i nuovi standard europei: obiettivo 25mila morti in meno sulle strade

Sicurezza stradale, salvare 25mila vite umane, dimezzando, entro il 2030, sia il numero dei morti sulle strade europee che le lesioni gravi: sono questi gli obiettivi del “3rd Mobility Package”, un importante pacchetto di misure annunciato dalla Commissione Europea

Assicurazione auto, più è vecchia più si paga si arriva al 93% di spese in più

L’età di un’auto incide, e non poco, sul costo per assicurarla: secondo l’ultima indagine di SosTariffe.it chi fa un’ assicurazione auto per un mezzo immatricolato da 5 anni paga, per RC auto, fino al 45,5% in più rispetto ai possessori di veicoli immatricolati 5 anni dopo