Nuova Honda GL1800 Gold Wing, le caratteristiche del telaio e della ciclistica

 Nuova Honda GL1800 Gold Wing, le caratteristiche del telaio e della ciclistica

Grazie alla geometria della sospensione anteriore a doppio braccio oscillante con cannotto avanzato della nuova Honda GL1800 Gold Wing, anche la posizione in sella per pilota e passeggero risulta avanzata. In posizione di totale compressione, la parte posteriore del pneumatico si trova 24 mm più avanti rispetto a quanto accadrebbe con una comune forcella.

La riduzione dell’attrito di scorrimento

Un altro suo vantaggio è la riduzione dell’attrito di scorrimento (e quindi il miglioramento della scorrevolezza) rispetto alle tradizionali forcelle con steli che scorrono nei foderi; in questo modo la fluidità di risposta dell’anteriore risulta migliorata. In corrispondenza di tutte le bronzine dell’albero di sterzo sono impiegati resistenti cuscinetti, riducendo così ulteriormente gli attriti.

L’input di sterzata, tramite i punti di ancoraggio dei bracci oscillanti, è separato dalla funzione ammortizzante fornita dal monoammortizzatore, rendendo così più favorevole la manovrabilità del manubrio. Inoltre, la biella di sterzo a croce brevettata collega il manubrio al cannotto avanzato, mentre la posizione del pivot del manubrio, con meno massa intorno a sé (unita alla collocazione dei manubri stessi) offre al pilota una sensazione di sterzo naturale.

L’ABS lavora su un impianto frenante di tipo combinato

L’ABS lavora su un impianto frenante di tipo combinato D-CBS (Dual Combined Braking System), che distribuisce in modo ottimale la potenza frenante tra la ruota anteriore e posteriore. Il modulatore dell’ABS è di tipo a ricircolo, piccolo e leggero, integrato nell’ECU del sistema frenante, permettendo così contenere il peso complessivo dell’impianto frenante. Il sistema adatta inoltre l’azione frenante al Riding Mode impostato, regolando automaticamente le caratteristiche di frenata alla situazione per migliorare la sicurezza attiva. I doppi dischi anteriori da 320 mm sono dotati di pinze a 6 pistoncini, il disco posteriore da 316 mm presenta una pinza a 3 pistoncini.

All’avanguardia anche la sospensione posteriore. Il monobraccio Pro-Arm sfrutta una struttura del pivot che garantisce la necessaria rigidezza ed è collegato al telaio sul lato sinistro. Il lato destro funge da accesso per la manutenzione.

Questa configurazione distribuisce in maniera efficiente le sollecitazioni sulle piastre del pivot e semplifica la manutenzione, oltre a contribuire al miglioramento della stabilità. Il leveraggio Pro-Link assicura un’azione progressiva della sospensione e un comfort superiore. Infine, l’ottimizzazione delle piastre di collegamento e il diffuso impiego di giunti sferici annullano la torsione.

Sulle versioni Tour…

Sulle versioni Tour la regolazione elettronica dello smorzamento delle sospensioni è automatica, in base al Riding Mode impostato, ed avviene tramite motori passo-passo alloggiati all’interno degli ammortizzatori che, muovendo degli aghi di passaggio dell’olio, ne modificano il flusso. Inoltre il precarico molla dell’ammortizzatore posteriore è regolabile elettricamente tramite un sistema intuitivo e indipendente dal Riding Mode selezionato. Le impostazioni disponibili sono 4 e si basano sul carico a bordo: solo pilota; pilota con bagagli; pilota e passeggero, pilota con passeggero e bagagli. L’impostazione in uso viene visualizzata sul display LCD di destra ed effettuata via schermo TFT tramite i comandi al manubrio. Sulle versioni ‘Tour’ 2020 un nuovo assetto delle sospensioni offre un comfort superiore a pilota e passeggero.

L’inclinazione del cannotto di sterzo e l’avancorsa sono impostate a 30,5°/109mm, con interasse di 1.695 mm. La Gold Wing standard con cambio manuale pesa 365 kg con il pieno di benzina. La nuova Gold Wing standard 2020 con cambio DCT pesa 364 kg con il pieno di benzina. La Gold Wing Tour con cambio manuale a 6 rapporti pesa 379 kg con il pieno, mentre la versione con cambio DCT a 7 rapporti e Airbag ha un peso totale con il pieno di 383 kg.

Sui bellissimi cerchi in lega leggera – da 18 pollici all’anteriore e 16 pollici al posteriore – sono montati pneumatici ribassati 130/70 R18 M/C 63H davanti e un performante 200/55 R16 M/C 77H al posteriore.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *