Gomme invernali o quattro stagioni? Quali scegliere

Estrema attenzione e cura deve essere dedicata alla messa in sicurezza della propria auto d’inverno. Per questo motivo, è importante montare delle gomme che siano in grado di garantire sicurezza alla guida e aderenza all’asfalto in qualsiasi condizione climatica: basse temperature, strada bagnata, ghiacciata o innevata.

Questo provvedimento deve essere preso anche per essere in regola con la legge che prevede appunto che si doti la propria auto di gomme invernali o catene a bordo. A questo punto, molti automobilisti potrebbero essere indecisi fra lo scegliere gomme invernali o gomme quattro stagioni.

Per fare una scelta consapevole, è bene conoscere le differenze fra i due modelli di gomme

Le gomme invernali, per via dei materiali con cui sono fatte e della struttura che hanno, ben si adattano anche alle temperature inferiori ai 7 gradi nonché a strade innevate, bagnate o ghiacciate.

Infatti, il silice di cui sono fatte permette che le gomme non si irrigidiscano con le basse temperature mentre le scanalature fanno si che l’acqua scivoli via così da garantire aderenza all’asfalto senza incorrere in fenomeni di aquaplaning.

Le gomme invernali omologate si riconoscono dalla dicitura presente su di esse “M + S” (Mud + Snow) e, tante volte, anche dal simbolo del fiocco di neve.

Le gomme quattro stagioni, pur essendo riconoscibili anch’esse dalla dicitura “M + S” e dal simbolo del fiocco di neve, possono essere utilizzate anche in estate.

In questo modo, queste gomme possono essere utilizzate tutto l’anno (anche con un risparmio in termini economici), tuttavia, le prestazioni non saranno ottimali né d’inverno né d’estate.

La scelta dipenderà da questi fattori:

  • la dimensione della propria auto: se è una piccola utilitaria, usata in città, può essere conveniente montare le gomme quattro stagioni;
  • le strade percorse: se si viaggia in autostrada o in strade di montagna può essere più conveniente montare gomme specifiche invernali.

Gomme invernali quali sono le differenze con le gomme estive

Dal 15 novembre è fatto obbligo per gli automobilisti di dotarsi di pneumatici invernali o catene a bordo prima di tutto per la sicurezza stradale. Le gomme invernali rappresentano una garanzia di maggiore sicurezza per chi affronta la strada in inverno, già a temperature inferiori ai 7 gradi centigradi o su asfalto bagnato o pieno di neve. I materiali e la tecnologia con cui sono state studiate le gomme invernali, fanno si che la stessa serenità e sicurezza alla guida, non possano essere assicurate con le gomme estive.

Le caratteristiche delle gomme invernali

Le differenze fra le gomme invernali e le gomme estive si rinvengono nella struttura, composizione e battistrada: il silice presente in quelle invernali, le rende idonee a temperature inferiori ai 7° poiché, quando le gomme rotolano, permette che si scaldino nonostante la rigida temperatura.

Le gomme estive, invece, a basse temperature tenderebbero ad irrigidirsi ulteriormente

Inoltre, i canali centrali e le scanalature nelle gomme invernali, consentono all’acqua di defluire velocemente per assicurare una maggiore tenuta della strada. Ancora, le lamelle (più di 4000) sono state ideate per allontanare l’acqua o la neve e, anche loro, contribuiscono a far aumentare la temperatura delle gomme. Per finire, anche se il costo degli pneumatici invernali è di circa il 10% in più rispetto a quelli estivi, la loro usura nel tempo è più lenta e quindi è un investimento che verrà ammortizzato perché, se le gomme sono ben conservate (in ambiente buio e asciutto) quando non vengono utilizzate, possono durare anche diversi anni.

Inoltre, cosa non meno importante, è la legge ad imporre l’obbligo di gomme invernali e, farsi trovare con le gomme estive potrebbe comportare multe o fermi da parte delle forze dell’ordine, ma soprattutto un maggiore rischio per la propria incolumità e quella dei passeggeri, poiché ricordiamo che gli spazi di frenata sarebbero più lunghi e l’aderenza al suolo molto minore.