Husqvarna, Twins: l’ottimismo di Davide Liccardo

Prosegue la crescita del marchio Husqvarna grazie anche alla Twins S.r.l., dealer ufficiale partenopeo della casa svedese.

A Napoli, infatti, sono sempre di più i motociclisti, di tutte le età, che scelgono Husqvarna per soddisfare la propria passione.

Un dato che premia gli sforzi dell’azienda vesuviana: “Il 2018 – spiega lo store manager Davide Liccardoè stato un anno alquanto positivo. 35 veicoli venduti al nostro primo anno con il marchio svedese sono numeri importanti. La Supermoto 701 è stata la moto che ha dato maggiori soddisfazioni. Divertente, leggera, potente e pratica, sembra una play station per quanta goduria è in grado di offrire. Le Svartpilen e le Vitpilen hanno avuto una partenza lenta ma, mese dopo mese, hanno saputo ritagliarsi lo spazio che meritano nel cuore degli appassionati”.

Anno nuovo e presupposti interessanti: “Il 2019 – dice Liccardoè partito con le giuste premesse per aumentare il volume di vendite. La nostra mission è crescere, perché crediamo molto nelle qualità delle moto Husqvarna. In questa direzione va l’offerta legata sia ad un ricco catalogo di accessori sia ad una linea completa di abbigliamento, il tutto rigorosamente originale. I capi d’abbigliamento, in particolare, sono davvero raffinati e curati, offerti al giusto prezzo. Al nostro store di Via Nuova Poggioreale n° 58 è possibile non solo toccare con mano la loro qualità ma anche prenotare un test ride”.

Husqvarna Vitpilen 401: il Twins test

Husqvarna con la Vitpilen ha dato una nuova dimensione al mondo special, perché è stata in grado di condensare in un prodotto di serie il fascino vintage e le meraviglie della tecnologia. E’ nata, così, una moto dall’enorme fascino estetico, originale nel design quanto attuale nelle dotazioni tecniche.

Grazie alla Twins S.r.l., dealer ufficiale a Napoli della storica casa, abbiamo saggiato le caratteristiche del modello 401, in grado di sorprenderci non poco.

Il design è ricercatissimo nonché curato, in grado di attirare gli sguardi sia dei giovani sia degli adulti.

Il motore è un monocilindrico da 375 cc., capace di ben 44 cv a 7.000 giri e 4 Kgm di coppia. Il telaio è a traliccio in acciaio, con una forcella WP a steli rovesciati da 43 mm. L’impianto frenante è della ByBre, e lavora su un disco da 320 mm all’anteriore (la pinza è ad attacco radiale con 4 pistoncini) ed uno da 230 mm al posteriore.

I cerchi sono a raggi e sono da 17’’, con misure degli pneumatici di 110/70 all’avantreno e 150/60 al posteriore.

La finiture sono curate ed ilo faro a LED è una primizia che fa splendere ancor di più la piccola Vitpilen.

La seduta è particolare ed i 2 seminanubri sono bassi e aperti.

Il motore spinge sorprendentemente, con una carica notevole già dai bassi regimi; l’allungo, considerando la cilindrata, impressiona perché si raggiungono facilmente velocità oltre codice davvero notevoli.

La frizione ed il cambio sono morbidi da azionare nonché precisi.

In città la Vitpilen 401 è un’anguilla perché tra peso contenuto e ingombri minimi, il traffico non spaventa.

La piccola Vitpilen, però, ha nel misto stretto il suo habitat naturale; con il minimo sforzo si hanno ritmi veloci e le sportive di grossa cilindrata si trasformano, in alcuni casi, in prede succulenti.

In autostrada, invece, complice una protezione aerodinamica minima, si soffre un pochino il vento.

Perché comprarla? Perché è bella, moderna, sicura, rispettosa dell’ambiente e perché, all’occorrenza, sa andare forte.

Presso lo store Twins di Via Nuova Poggioreale n° 58 è possibile farsi sorprendere con un test.

Husqvarna Vitpilen 701: bella da vedere, bella da guidare

Husqvarna, con la presentazione della Vitpilen 701, ha lanciato un nuovo filone di intendere la moto. Da un lato c’è un design moderno, degno delle migliori interpretazioni in chiave Cafè Racer, dall’altro la potenza abbinata al meglio della componentistica tecnica. La Vitpilen 701, insomma, è un condensato di emozioni sia per chi la guarda sia per chi la guida.

Grazie alla Twins, dealer ufficiale a Napoli del marchio entrato nell’orbita della Ktm, abbiamo provato sia in costiera sorrentina sia per le strade urbane partenopee questa originale due ruote.

COME E’ FATTA

Ben rifinita, presenta sospensioni completamente regolabili griffate WP, freni Brembo con pinza radiale a 4 pistoncini, frizione idraulica antisaltellamento e cambio quickshiftup&down.

Il monocilindrico da 690 cc ha due contralberi di equilibratura e sprigiona 75 cv a 8.500 giri e 72 Nm di coppia a 6.750 giri.

Il pacchetto elettronico offre l’acceleratore ride by wire, il controllo di trazione, l’ABS a due canali.

Traliccio in acciaio per il telaio, i cerchi a razze in lega sono da 17’’, con misure da 120 per l’anteriore, 160 per il posteriore.

LA GUIDA

Saliti in sella, si ha subito una sensazione di leggerezza, mentre la seduta, per la tipologia di moto, è comoda. L’agilità e gli ingombri ridotti tornano utili per rendere la guida efficace nel traffico. Ai semafori, poi, scatta quasi automatica la voglia di attendere il verde per…la Vitpilen 701 è una due ruote adrenalinica, grazie ad un motore sempre pronto a scatenarsi.

Nelle strade fuori città, specie quelle tortuose, questa Husqvarna è così efficace e divertente che può mettere in crisi moto sportive più blasonate. Incredibile le emozioni che regala quando si passa più tempo piegati che dritti; godimento puro!

In autostrada la protezione aerodinamica è buona quando si viaggia a velocità codice.

L’ESITO

Il giudizio finale su questa moto è più che positivo perché la Vitpilen 701 è in grado di sorprendere sia da ferma sia in movimento; siamo convinti che Husqvarna con questo modello abbia inaugurato un nuovo filone che entusiasmerà non poco gli appassionati.

Presso il dealer ufficiale Twins di Via Nuova Poggioreale n° 58 a Napoli, è possibile effettuare il test ride.

Manutenzione moto: i consigli del Baffo per evitare problemi alle due ruote

uello della manutenzione moto è, per una moto, uno degli aspetti che se trascurati, possono portare a spiacevoli e gravi conseguenze.
In un epoca dove anche le due ruote entry level presentano un elevato contenuto “elettronico”, dove la tecnologia ha reso una moto una sorta di computer viaggiante