Ottobre: il mercato delle 2 ruote cresce a doppia cifra

Le immatricolazioni di ottobre totalizzano 16.459 unità con un incremento pari al +17,9%
rispetto allo stesso mese del 2017. Partecipano alle crescita sia le moto con 6.202 pezzi e un +19,3%, sia gli scooter, che con 10.257 veicoli spuntano un +17,1%. I veicoli 50cc con 2.167 registrazioni fanno segnare un +9,2%. Ottobrevale circa il 6% del totale vendite dell’anno.
«Nonostante i segnali di stagnazione del quadro macro-economico, il nostro settore prosegue sul percorso virtuoso della ripresa. Speriamo che le politiche governative tengano conto della centralità delle imprese nel contribuire alla crescita e all’occupazione nel nostro Paese. Aumentano leggermente sia la fiducia dei consumatori sia le aspettative degli operatori. In particolare le 2 ruote sostengono il settore automotive che a sua volta traina gli indicatori positivi – afferma Andrea Dell’Orto, presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) – La ripresa del mercato testimonia l’interesse degli utenti che privilegiano le 2 ruote non solo per il ruolo insostituibile nella
mobilità urbana, ma anche per la passione che accompagna la scelta dei modelli dedicati al tempo libero. Compito dei costruttori e di tutta la filiera della moto è quello di indirizzare gli investimenti verso soluzioni innovative e prodotti sempre più sicuri e rispettosi dell’ambiente. L’offerta più ampia e articolata favorisce la conquista di nuovi utenti con veicoli accessibili e adatti alle esigenze anche dei neofiti. Fra pochi giorni debutterà la 76°edizione di EICMA, che porterà alla ribalta tutte le novità che saranno artefici dello sviluppo futuro, e che daranno la giusta visibilità ad un’industria che vuole
continuare a crescere contribuendo ad immaginare nuovi modelli di mobilità.”
Nei primi 10 mesi del 2018 l‘immatricolato in Italia raggiunge 202.784 veicoli con cilindrate superiori ai 50cc, con un incremento del +6%. Sono stati venduti 117.212 scooter, con un incremento del +3,1% rispetto a gennaio-ottobre 2017, cui si aggiungono 85.572 moto pari al +10,4%. I ciclomotori (50cc) arrivano a 18.060 registrazioni, pari al -13,3% rispetto ai volumi dell’anno scorso.
Da gennaio ad ottobre del 2018 sono state vendute complessivamente in Italia 220.844 due ruote a motore (immatricolazioni di moto e scooter targati + veicoli 50cc), pari al +4,1% rispetto allo stesso periodo del 2017.
L’approfondimento per cilindrata nel settore scooter mostra un continuo sviluppo del segmento principale delle 125cc
con 43.114 pezzi e un +11,6%. A seguire ci sono i 300 – 500cc con 41.763 veicoli pari al +4,2%; sono invece in diminuzione gli scooter da 150 fino ai 250cc con 22.302 unità pari al -6,9%. Appaiono in calo anche i maxi-scooter superiori a 500cc che totalizzano 10.033 immatricolazioni e un -9,2%.
Nel comparto moto restano al primo posto i modelli tra 800 e 1000cc con 23.121 unità e un leggero arretramento -2,4%, seguono da vicino i modelli oltre 1000cc in aumento con 22.123 moto immatricolate e un +5,3%. Le medie cilindrate tra 650 e 750cc sono stabili con 13.831 pezzi e un -0,1%, mentre è eclatante la crescita delle cilindrate tra 300-600cc con
14.474 moto e un +54,5%. Significativo l’andamento delle piccole moto di 125cc con 9.759 unità pari al +30,4%. Infine la fascia da 150 fino a 250cc con 2.264 vendite segna un +6,7%.
Nell’ambito dei segmenti moto, le naked consolidano il primato con 33.201 unità e una crescita pari al +13,3%; seguono le enduro stradali con 27.959 pezzi, anch’esse in aumento del +13,3%. Al terzo posto si classificano le moto da turismo con 11.099 vendite e un +1,6%; a seguire le custom con 5.227 unità segnano un +3,9%. Più dinamiche le sportive con 4.403 moto e un +10%. Infine troviamo le supermotard con 2.762 pezzi e un +2,9%.

Mercato moto: bene luglio con +8,5%

Nel mese di luglio le immatricolazioni (due ruote motorizzate con cilindrata superiore a 50cc) sono in ripresa con un totale di 26.291 veicoli e un +8,5% rispetto al luglio 2017. La crescita è contemporanea sia per gli scooter che, con numeri più importanti, totalizzano 16.116 pezzi pari al +6,3%, sia per le moto che realizzano vendite per 10.175 unità e un incremento del +12,2%. I 50cc sono leggermente in calo a luglio, con 2.957 registrazioni e un -2,8%. Luglio pesa circa il 12%del totale venduto nell’anno.

Mercato positivo: scooter e moto in ripresa

Le immatricolazioni di veicoli motorizzati a due ruote ad aprile totalizzano 24.615 veicoli, pari a un +14,1% rispetto allo stesso mese del 2017. Il comparto scooter con 13.615 unità realizza un +17,3%, mentre le moto con 11.000 pezzi seguono con un +10,4%, consolidando il trend positivo. Restano in flessione i “cinquantini” che totalizzano 1.495 registrazioni, pari al -25,5%.
Il mese di aprile pesa circa il 12% delle vendite annuali in Italia.

Moto: il maltempo rallenta il mercato a marzo

Dopo un primo bimestre più che positivo il mercato rallenta a marzo, anche a causa delle
condizioni climatiche negative che hanno caratterizzato il periodo. Le immatricolazioni di scooter e moto con un totale di 19.686 veicoli, segnano a marzo un decremento pari al -14,4% rispetto allo stesso mese del 2017. In particolare gli scooter con 9.677 unità scendono del -20,7%, mentre le moto con 10.009 unità mostrano un calo più contenuto, pari al -7,2%. Pesante l’andamento dei veicoli 50cc che hanno totalizzato 1.482 vendite pari al -29,5%. Marzo pesa circa il 10% del totale venduto dell’anno.
Nel primo trimestre del 2018 l‘immatricolato in Italia totalizza 46.065 veicoli (scooter e moto >50cc), con una crescita, pari al +1,42%, rispetto ai primi tre mesi del 2017. Le immatricolazioni di scooter arrivano a 22.850 veicoli -6,1% mentre si assiste al consolidarsi del sorpasso storico delle moto pari a 23.215 unità +10,1%. Il dato progressivo per i ciclomotori (veicoli 50cc) volge in negativo nel trimestre, con 3.806 registrazioni pari al -15,8%. Il totale delle 2 ruote a motore (immatricolato+50cc) raggiunge 49.871 veicoli pari al +0,4%.
“Dopo un inizio anno che ci ha particolarmente soddisfatto, a marzo subiamo un rallentamento influenzato dal maltempo. Speriamo che con l’inizio della stagione motociclistica si assista ad un significativo recupero della domanda. Gli indicatori economici confermano la ripresa anche se più lenta rispetto alla media europea, grazie agli incrementi della produzione, all’andamento dell’export e al miglioramento dei salari superiore all’inflazione.
Tutti questi elementi consentono un indice di fiducia elevato sia per le famiglie che per le imprese. Il nostro settore e tutta la filiera è impegnato nella soddisfazione degli utenti attraverso la proposta di modelli sempre più adeguati ed innovativi, da un lato dedicati alla mobilità sostenibile e dall’altro capaci di suscitare la passione per la moto.”- afferma Andrea Dell’Orto, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori). “Oggi la sfida più importante è quella di aumentare il tasso di sostituzione dei veicoli euro zero ed euro 1 che rappresentano ancora circa il 45% del circolante, pari a oltre 3 milioni e 700 mila unità e con più di 10 anni di vita. Ciò consentirebbe di migliorare la sicurezza e ridurre le emissioni. Un fenomeno interessante da evidenziare è il successo registrato dai modelli 125cc che indica un rinnovato interesse per la moto da parte dei più giovani, ma anche le moto di cilindrata intermedia intorno ai 400 e 500cc incontrano i favori del pubblico, grazie a contenuti simili a quelli dei modelli al vertice della gamma, con costi più accessibili e prestazioni più
abbordabili. Confindustria Ancma supporterà la Case per proseguire nel recupero dei volumi di vendita pre crisi e solo una situazione di ingovernabilità potrebbe indurre ad un rinvio degli acquisti.”
L’analisi per cilindrata mostra l’importanza degli scooter 125cc con 8.042 veicoli e un -5,8%. In seconda
posizione troviamo gli scooter da 300 a 500cc con 7.756 pezzi e un decremento del -5,8%. Negativi anche i 150-250cc, con 4.657 unità e un -26,3%. In forte accelerazione sono solo i maxiscooter superiori a 500cc con 2.395 immatricolazioni pari ad un +92,7% rispetto all’anno scorso.
Il dettaglio delle cilindrate moto vede ancora in aumento i modelli superiori ai 1000cc con 7.130 unità pari al +14,2%; mentre le moto tra 800 e 1.000 cc con 5.646 veicoli subiscono un calo pari al -20,8%. Le medie cilindrate, da 600 fino a 750cc, con 3.548 moto mostrano un leggero arretramento pari al -2,3%. Al contrario le cilindrate medio piccole, tra 300 fino a 500cc con 3.871 unità ottengono un notevole successo con un +79,9%; analogamente le 125cc con 2.209 moto spuntano un ottimo +67,2%; infine tra 150 e 250cc con 811 vendite aumentano del +34,3%.
In termini di segmenti moto le naked si confermano al primo posto con 8.417 pezzi e un +16,7% sono le
preferite. Seguono le enduro con 8.186 pezzi con un +22,2%. In terza posizione troviamo le moto da turismo con 2.834 pezzi e un calo pari al -19,5%; sostanzialmente stabili le custom con 1.418 moto pari al -1%. In crescita le sportive con 1.240 pezzi e un +10,5%; infine si segnalano le supermotard in ripresa con 726 moto e un +4,8%.

Mercato moto: un settembre soddisfacente in vista delle novità di Eicma

Un settembre soddisfacente per le moto, meno per gli scooter. A fronte di un totale di
16.371 immatricolazioni (>50cc) pari al -0,5%, si registra un ottimo andamento delle moto che con 5.870 unità
arrivano a un +12,9%, mentre gli scooter, pur con volumi più importanti, pari a 10.501 pezzi subiscono una battuta
d’arresto -6,7% rispetto ai volumi del settembre 2016. I 50cc con 2.188 registrazioni sono in leggera flessione
pari al -2,7%. Settembre pesa circa l’8% del totale vendite dell’anno.
“Il mercato con il mese di settembre si ferma, ma il dato progressivo conferma la ripresa in atto già dal 2014,
tuttavia i livelli di volumi realizzati negli anni pre-crisi sono ancora lontani. Finalmente lo scenario economico
mostra buone prospettive, le previsioni sono state riviste al rialzo e la fiducia di imprese e consumatori torna ad
avere indici più che positivi. Solo l’incertezza politica rimane ancora un fattore preoccupante. – afferma Corrado
Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) – I mezzi
di trasporto hanno anticipato e trainato la ripresa economica, e il comparto delle 2 ruote si inserisce
coerentemente continuando a sviluppare l’innovazione di prodotto e intercettando i desideri degli appassionati. Da
un lato giocando un ruolo insostituibile nell’ambito di una mobilità urbana sostenibile, grazie alle caratteristiche
intrinseche dei veicoli a 2 ruote, dall’altro attraverso novità di prodotto che attraggono nuovi clienti in particolare
nel segmento delle moto. Stiamo facendo la nostra parte e ci attendiamo che le decisioni politiche vadano nella
direzione giusta, favorendo l’utilizzo responsabile delle 2 ruote. Non sappiamo ancora quando giungerà al
traguardo il nuovo Codice della Strada, ma intanto si profilano emendamenti penalizzanti nei confronti dell’attività
di fuoristrada che confidiamo saranno corretti. Inoltre l’aumento annunciato degli investimenti per il miglioramento
delle infrastrutture non può dimenticare le esigenze di chi viaggia su 2 ruote. Ricordiamo che il parco circolante in
Italia ha superato 8.600.000 utenti. La prossima edizione di EICMA a novembre con i nuovi modelli molto attesi,
dimostrerà ancora una volta l’interesse e l’entusiasmo nei confronti di moto e scooter.”
Le vendite da gennaio a settembre totalizzano 177.230 immatricolazioni di veicoli over 50cc pari al +6,9%
rispetto all’anno scorso; di cui 104.935 scooter pari al +4,6% e 72.295 moto con un’accelerazione del +10,4%. I
“cinquantini” invece con 18.842 pezzi confermano sostanzialmente i volumi del 2016 -0,8%. La somma totale
del mercato delle 2 ruote (immatricolato + 50cc) da gennaio a settembre arriva a 196.072 veicoli pari al
+6,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
Analizzando i trend per cilindrata si afferma il segmento degli scooter tra 300-500cc con 37.090 pezzi pari al
+17,2%; seguono da vicino gli scooter 125cc con 35.484 unità e un arretramento pari al -3,6%. I 150-250cc con
21.956 vendite flettono del -8,8%. Eclatante il risultato per i maxi-scooter oltre 500cc, con 10.405
immatricolazioni e un +33,4%.
Il comparto delle moto è più positivo, a cominciare dalle moto tra 800 e 1000cc con 22.437 unità e un
significativo +13% rispetto al 2016. Seguono le grosse cilindrate superiori ai 1000cc che ammontano a 19.634
pezzi e un +6,3%. Anche le cilindrate tra 650 e 750cc totalizzano 13.073 moto pari a un +13,4%. Buono il risultato
delle 300-600cc con 8.436 pezzi realizza un +1,9%; in calo i modelli da 150 a 250cc che con 1.907 pezzi
segnano un -7%. Netta affermazione per le 125cc che con 6.808 moto registrano un +28,7%.
L’andamento dei segmenti vede al primo posto le naked con 27.512 unità pari al +16,4%, al secondo posto le
enduro stradali con 22.730 pezzi e un +6,7%. Seguono a distanza le moto da turismo con 10.259
immatricolazioni e un buon +15,1%, stabili le custom con 4.657 vendite e un -0,9%; mentre le sportive con
3.786 moto aumentano di un +10,6%; infine le supermotard sono in leggera flessione con 2.537 moto e un –
1,7%.

Mercato moto: luglio positivo

Nel mese di luglio le immatricolazioni (due ruote motorizzate con cilindrata superiore
a 50cc) segnano un incremento con un totale di 24.129 veicoli e un +7,4% rispetto al luglio 2016. Il comparto
degli scooter, numericamente più importante, totalizza 15.097 pezzi e segna un +1,4%. Le moto realizzano
9.032 unità e un notevole +19,2%. I 50cc confermano il leggero recupero, con 3.045 registrazioni nel mese di
luglio, +1,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Luglio pesa circa il 12% del totale venduto
nell’anno.
“L’andamento dei mesi più importanti come volumi per il mercato delle 2 ruote ci trasmette ottimismo per una
chiusura dell’anno soddisfacente. Gli indicatori macroeconomici sono tutti di segno positivo, sia per quanto
riguarda la produzione, che gli ordini e le esportazioni. Tale espansione migliora l’indice di fiducia di imprese e
famiglie, ma c’è ancora molto da lavorare per migliorare l’occupazione giovanile. – dichiara Corrado Capelli,
Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) – Speriamo che
l’aumento degli investimenti riguardi anche le infrastrutture che hanno necessità di interventi a favore della
sicurezza per chi viaggia su 2 ruote. Confindustria Ancma è impegnata a moltiplicare gli sforzi per portare
avanti le proprie istanze a tutela degli utenti, dal monitoraggio delle tariffe assicurative perché siano simili al
resto d’Europa, fino al rilancio della riforma del Codice della Strada, ormai per la prossima legislatura, partendo
dagli emendamenti già approvati alla Camera che prevedono l’opportunità di usare le corsie preferenziali e
l’ingresso delle 125 in autostrada. Dopo aver raggiunto l’obiettivo dei pedaggi ridotti per le moto si insisterà sul
tema delle detrazioni per l’acquisto di abbigliamento protettivo. Grandi le aspettative per EICMA 2017 che già
presenta numeri di successo in termini di aumento degli espositori; non mancheranno importanti novità che
susciteranno l’interesse degli appassionati e consentiranno di svecchiare il parco circolante.”
Nei primi sette mesi del 2017 il mercato italiano delle due ruote motorizzate sviluppa 149.001
immatricolazioni con un incremento del +7,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Gli scooter
hanno raggiunto quota 86.915 unità e segnano un +6,1%, mentre le moto mostrano un andamento ancora più
dinamico con 62.086 pezzi, pari al +8,8%. Nello stesso periodo i ciclomotori (moto e scooter 50cc)
confermano i volumi dello scorso anno con 14.997 registrazioni -0,3%.
Da gennaio a luglio 2017 in Italia sono state vendute complessivamente 163.998 due ruote a motore
(immatricolazioni + 50cc), con un incremento di volumi pari al +6,4% rispetto ai primi 7 mesi del 2016.
Gli scooter da 300 a 500cc si confermano il segmento principale, con 30.878 veicoli e un +17,2% rispetto allo
scorso anno. Seguono da vicino gli scooter 125cc, guidabili con la patente auto, con 28.857 unità e un -1,9%.
In calo anche il trend dei 150-250cc con 18.247 pezzi e un -4,9%. Eclatante invece la crescita dei maxiscooter
oltre 500cc con 8.933 immatricolazioni e un +27,7% rispetto allo stesso periodo del 2016.
Il settore moto vede lo sviluppo delle cilindrate medio-alte sempre con il segno più: si va dal segmento più
importante delle moto tra 800 e 1000cc in accelerazione con 19.766 unità e un +10,9%. Seguite dalle oltre
1.000cc con 17.341 moto e un +5,8%, infine le medie cilindrate, tra 650 e 750cc, hanno venduto 11.356
pezzi pari al +13,4%. Le moto da 300-600cc totalizzano 6.700 pezzi pari al -2,8%, mentre i modelli da 150 a
250cc realizzano 1.576 vendite con un calo del -2,9%. Il miglior risultato in termini di crescita lo realizzano le
125cc che con 5.347 moto registrano un incremento pari al +23,5%.
Dall’analisi dei segmenti moto, si consolida la leadership delle naked con 23.513 vendite e un +14,6%,
seguite dalle enduro stradali con 19.465 pezzi e un più contenuto +4,6%. Le moto da turismo con 8.964
unità ottengono un significativo +18%, mentre le custom con 3.975 pezzi sono in leggera flessione pari al
-6,2%. In recupero le sportive con 3.304 moto e un +7,9%, al contrario delle supermotard che con 2.138
moto flettono del -4,9%.

Mercato moto: il 2017 si conferma un anno positivo

L’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori, riunita oggi
presso l’Hotel Gallia di Milano per l’assemblea annuale, presenta il quadro della situazione
del settore delle due ruote. Un mercato che conferma, per il secondo anno consecutivo, di
essere in ripresa in tutti i suoi comparti. I risultati ottenuti dal settore due ruote sono frutto
anche di un’intesa e quotidiana attività portata avanti da ANCMA a tutela degli interessi di
tutti i comparti dell’Associazione.
“Dopo aver chiuso il 2016 con una crescita del settore a due cifre – dichiara Corrado
Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA – anche il 2017, che nel primo semestre
registra un incremento delle vendite pari al 7%, si conferma positivo e stimiamo di
chiudere l’anno con un mercato ancora in ripresa. Tutti gli indicatori ci segnalano che
finalmente gli sforzi fin qui fatti, in primis dai costruttori e dall’associazione, iniziano a
essere ripagati. Ci siamo seduti ai tavoli istituzionali, italiani ed europei, per far sentire la
voce di tutte le aziende del settore due ruote e tutelare gli interessi dell’eccellenza Made in
Italy. Le numerose iniziative, proposte, progetti, hanno riscosso interesse a tutti i livelli e,
se ascoltati, possono rappresentare le leve sulle quali rilanciare ancor di più il mercato”.
MERCATO 2 RUOTE A MOTORE
Nel 2016 le immatricolazioni sono aumentate a due cifre pari al +13,3% accelerando la
ripresa già in atto nel 2015. Eclatante l’incremento delle moto pari al +21,6%; mentre gli
scooter, con volumi maggiori, hanno realizzato un +8,6%. Le registrazioni dei “cinquantini”
sono rimaste sostanzialmente stabili (-0,6%).
Nel primo semestre del 2017 prosegue il recupero delle vendite che, per i veicoli >50cc, si
traduce in un +7,1%, in maniera analoga sia per le moto che per gli scooter. I 50cc sono
fermi -0,7%.
I fattori principali che hanno sostenuto la ripresa sono da ricercare: in un rilancio della
domanda interna dopo anni di rinvio all’acquisto a causa della crisi; nel successo dei nuovi
modelli di media cilindrata che hanno allargato la platea degli utenti; nell’ottimo andamento
delle 125cc, sia moto che scooter, considerate il veicolo entry level e nella necessità di
rinnovo del parco circolante obsoleto.
Le naked sono al primo posto fra le moto, seguite da vicino dalle enduro stradali e
rappresentano i due segmenti principali più dinamici. Più contenuti gli incrementi per gli
altri segmenti.
Il mercato dell’usato nel 2016 registra un leggero aumento pari al +1,1%, ma dobbiamo
tener conto che vale 557.404 unità, con un rapporto pari a 2,9 volte il mercato del nuovo.
Vale a dire che ogni 100 veicoli nuovi immatricolati si effettuano 290 passaggi di proprietà.
Molto positivo l’andamento dei quadricicli nel 2016 con 6.063 vendite pari al +23,8%. I
quadricicli persone leggeri non elettrici totalizzano 3.715 veicoli pari al +23,3. Crescita che
CONFINDUSTRIA ANCMA
Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori
20124 Milano – Via A. da Recanate, 1
Tel. +39.02.677.351.1 – Fax +39.02.6698.2072 – C.F. 80063930152
ancma@ancma.it – www.ancma.it
si conferma anche nel primo semestre 2017 con 2.147 quadricicli leggeri pari al +14,6%.
Mentre gli elettrici sono aumentati nel 2016 con 1.449 pezzi grazie ai veicoli utilizzati per il
car sharing, ma perdono oltre il 60% dei volumi nel primo semestre 2017.
Resta in territorio positivo il saldo tra import ed export del settore 2 ruote a favore della
produzione italiana, con un surplus di 866 milioni di euro nel 2016, ma che nell’ultimo
decennio ha rappresentato un valore cumulato di oltre 9 miliardi di euro.
In ripresa la vendita dei caschi italiani con una crescita nel 2016 pari al +5,4%, in
particolare grazie all’incremento dei caschi da cross +37,1%. Bene gli integrali +11,7%, in
leggera flessione i jet -2,5% e i modulari -5,1%. Primo semestre 2017 fa registrare un
+19% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
MERCATO BICI
I dati del mercato Bici del 2016 sia tradizionali che a pedalata assistita, in Italia, mostrano
una tendenza analoga a quanto sta accadendo nel resto d’Europa. Si contraggono i dati
della bicicletta tradizionale ma risultano in forte crescita quelli della E-Bike.
Da quest’anno, anche in Italia, il dato di mercato che riguarda le e-bike mostra un trend
decisamente “europeo”, 124.400 e-bike pari ad +120% rispetto al 2015. Sulle biciclette
tradizionali registriamo una flessione di circa il 2,6% che è un dato migliore della generale
flessione dell’’8/9% del resto d’Europa. Il mercato delle bici tradizionali si assesta a
1.555.000 biciclette.
EICMA
L’Esposizione Internazionale del Ciclo e del Motociclismo rappresenta, da oltre 100 anni, il
punto di riferimento del mondo due ruote. Addetti ai lavori, media, operatori, appassionati,
si danno appuntamento ogni anno a Milano.
Eicma è la vetrina più importante di tutto il settore che, grazie al successo consolidato
negli anni da un intenso quanto proficuo lavoro dell’organizzazione, rappresenta la punta
di diamante dell’Associazione.
Nel 2017 l’Esposizione inaugura la sua 75° edizione che si terrà in Fiera Milano – Rho dal
9 al 12 novembre (7 e 8 giornate dedicate a stampa e operatori).

Il punto di Maurizio Dotoli sul mercato delle due ruote elettriche a Napoli

Il 2016 è stato il primo anno che ha visto per davvero un incremento del settore delle due ruote elettriche.

 

Nel 2017 continua fase di lancio e Maurizio Dotoli ci illustra l’andamento del mercato elettrico nella sua città: “Napoli –spiega – vive ancora una fase di mercato acerba. Da noi la realtà elettrica è ancora la bicicletta con pedalata assistita, che, tra l’altro, risulta il 90% delle volte fuori legge, in quanto non rispettosa dei limiti di potenza di 250 W e 24 km/h di velocità. Ci sono, poi, tanti scooter cinesi camuffati da bici elettriche. Ancora non è diffusa una mentalità completamente ecologica perché questi esempi testimoniano la volontà di eludere gli obblighi relativi all’uso del casco e della copertura assicurativa. Il nostro, quindi, come azienda è un investimento verso il futuro. Abbiamo scelto come partner Askoll, marchio serio ed affidabile. Tengo a sottolineare che è un’azienda italiana che costruisce in Italia e vanta partnership con colossi come Samsung e Panasonic. Ha un programma di mobilità elettrico che va dalla bici con pedalata assistita allo scooter; è in arrivo un veicolo a 4 ruote. L’elettrico per funzionare, secondo me, abbisogna di una radicata coscienza ecologica, di una necessità da affrontare quale una ZTL o una realtà pianeggiante ed infrastrutture come colonnine di ricarica e parcheggi. Prima o poi ci arriveremo, ma per avere un parco circolante significativo, credo, bisognerà aspettare ancora 2 o 3 anni. Infine, non c’è ancora un mercato dell’usato dell’elettrico e questo penalizza la vendita di quei veicoli che hanno dei costi elevati. Un mercato dell’usato effervescente, potrà contribuire molto alla diffusione di massa delle due ruote elettriche”.

 

Non solo la vendita ma anche l’assistenza è un aspetto fondamentale: “Siamo – dice Dotoliimpegnati, in questo particolare campo, da quasi 10 anni; sappiamo cosa significa un pacco batterie da ripristinare o la gestione di un trasformatore. Con Askoll abbiamo, poi, tutti i relativi ricambi e siamo attrezzati al meglio per rispondere a tutte le problematiche legate alla manutenzione sia ordinaria sia straordinaria. Per le vendita, sul nuovo offriamo finanziamenti a tasso 0 con il bauletto e parabrezza compresi nel prezzo. Ricordo che l’elettrico gode per 5 anni di esenzione dalla tassa di possesso. Abbiamo, infine, una partnership con Unipol che ci consente uno sconto del 60% sul premio assicurativo”.