Moto Guzzi V85 TT: l’invito alla prova di Maurizio Dotoli

Ammirata come poche altre all’Eicma, l’attesa per acquistare la Moto Guzzi V85 TT è finita. Alla DotoliM2, infatti, è pronta per essere provata la nuovissima creatura di Mandello del Lario.

Maurizio Dotoli ci regala le prime sensazioni: “La Moto Guzzi V85 TT – svela – è una moto sorprendete, il progetto del nuovo millennio e rappresenta una vera svolta della gamma. Il motore è portante, il carter è semisecco, con un forcellone monumentale. Abbina i tradizionali pregi della casa quali il fascino, l’affidabilità e il rigore di guida a quelli nuovi quali materiali ed elettronica all’avanguardia. Un filone di classic enduro, una moto multifunzione che vanta doti dinamiche incredibili quali la maneggevolezza, l’appoggio rassicurante nei curvoni e l’erogazione lineare e corposa. Che dire, poi, del cambio a 6 marce? Semplicemente eccezionale. Si vede che è il frutto del matrimonio tra la Moto Guzzi e l’Aprilia, poiché l’elettronica viene da Noale. Un mix, insomma, perfetto che appaga sia l’estetica sia la funzionalità. Sono in tanti a volerla testare ed è enorme l’interesse che suscita in chi visita il nostro store di Via Pisciarelli n° 69. Siamo fiduciosi poiché è una moto ben fatta e vi invitiamo a provarla per scoprire le sue incredibili qualità. In Moto Guzzi si volta pagina con un modello dal carattere forte, ideale per chi non chiede potenze pazzesche dai costi di gestione esagerati, bensì una due ruote di qualità bella allo sguardo ed alla manopola”.

Royal Enfield Interceptor: la prova di Maurizio Dotoli

Royal Enfield, con il nuovo motore bicilindrico da 650 cc, ha deciso di giocare sempre di più nel ruolo di player mondiale del motociclismo.

Con l’Interceptor e la Continental, si cimenta in un settore dove al design occorre abbinare la qualità.

Maurizio Dotoli, dealer ufficiale a Napoli dello storico marchio, ci racconta le impressioni vissute in sella alla Interceptor, un modello classico in salsa moderna: “E’ – spiega – una moto studiata in Inghilterra. Il telaio, ad esempio, è stato creato dalla Harry Performance. Prima di essere commercializzata, in Royal Enfield hanno curato ogni dettaglio di queste moto, perché si giocano molto della credibilità utile per diventare un player mondiale credibile. E’ un prodotto fedele al passato della casa. I carter sono ben rifiniti e sono in alluminio, ha 6 marce, 8 valvole e la frizione antisaltellamento di serie. In sella la trovo rilassante, piacevolissima, equilibrata grazie alla ciclistica ben bilanciata. Facile da guidare ha una buona frenata ed un cambio fantastico, il tutto ad un livello di prezzo incredibile. La lista accessori, poi, è molto interessante. Sono convinto che il connubio DotoliM2 e Royal Enfield farà molto bene. Vi aspettiamo nella nostra sede di Via Pisciarelli n° 69 ad Agnano, per farvi provare questa interessante e bella moto”.

Royal Enfield Himalayan: una piacevole sorpresa

In vendita da poco più di un anno, la Royal Enfield Himalayan è diventata subito una delle moto più apprezzate della casa di Chennai.

Le sue qualità unite ad un prezzo davvero contenuto, sono le frecce che hanno colpito i cuori di molti appassionati.

I dati tecnici parlano di un monocilindrico raffreddato ad aria e olio di 411 cc., potente 25 cavalli, dotato di 5 marce ed una coppia d 3 Kgm.

All’anteriore troviamo un cerchio di 21 pollici con un freno a disco, al posteriore un cerchio da 17 pollici, sempre con un freno a disco.

Grazie alla DotoliM2 di Napoli, abbiamo avuto modo di scoprire le sue caratteristiche.

La moto è snella ed in sella la posizione è davvero comoda, anche per chi è alto quasi 1,90 cm. Il manubrio largo aiuta ad avere tutto sotto controllo. Le finiture, nonostante il prezzo contenuto, sono più che discrete.

Il motore, nel traffico cittadino, si apprezza per la fluidità e per il temperamento docile; per districarsi non occorre usare molto il cambio. Se non fosse per l’indicatore presente sul cruscotto, è difficile capire se si viaggia in seconda o in terza marcia; l’elasticità è impressionante. Le sospensioni lavorano egregiamente anche quando, improvvisamente, l’asfalto o scompare o diventa un campo di patate.

Sui tratti extraurbani, specie quelli di montagna, l’Himalayn sorprende per come riesce a tenere ritmi abbastanza elevati, nonostante una cavalleria non da moto sportiva. La tenuta di strada è buona, mentre l’ABS è poco invasivo.

L’autostrada non è proprio l’habitat naturale di questa Royal Enfield. Se la velocità di crociera è di 100 Km/h, la moto è comoda, stabile e le vibrazioni non danno fastidio. A questa andatura si gode, poi, anche il paesaggio; insomma non serve spingersi al limite della velocità del codice della strada. L’Himalayan è in grado di portarvi ovunque, anche con il passeggero e le borse piene, ma alla giusta andatura.

Abbiamo avuto modo di testarla anche su uno sterrato poco impegnativo; anche lì questa Royal Enfield sorprende positivamente.

L’unico neo è l’impianto frenante, perché la leva è un po’ spugnosa; una volta fatta l’abitudine, tutto scorre bene.

Per finire un dato che ha dell’incredibile: vi sfidiamo a percorrere meno di 100 chilometri con 5 euro di benzina; quasi impossibile!

Chi vuole testare in prima persona l’Himalayan, può farlo alla DotoliM2, presso la sede di Via Pisciarelli n° 69; lì, poi, sarà possibile scoprire interessanti promozioni non solo sul nuovo ma anche sugli accessori, in grado di trasformare questa moto in una vera e propria globetrotter.

Moto Guzzi: l’ottimismo di Maurizio Dotoli

L’universo Moto Guzzi è in fermento perchè c’è una nuova stella pronta a brillare, quella della V85TT.

 

I guzzisti, e non solo, sono impazienti di vedere come si comporterà quella che sarà la capostipite di una nuova famiglia: “La V85TT – spiega Maurizio Dotoli, manager dello store ufficiale a Napoli sarà consegnata a febbraio del 2019, ma già oggi sono numerose le richieste. Dalla V85TT deriveranno altre moto, tutte dalla cilindrata giusta, dal peso contenuto e dalla essenzialità raffinata, senza inutili orpelli. C’è tanta curiosità e tanto interesse non solo, però, attorno alla moto presentata all’Eicma dell’anno scorso. Il marchio vive una fase di rilancio che si riflette anche sulle vendite, in aumento dopo anni bui”.

 

L’immatricolato Moto Guzzi è in costante aumento: “Possiamo – dice Dotolidistinguere due anime guzziste. C’è quella tradizionale e c’è quella nuova, giovane. Quest’ultima proviene da altri marchi e porta entusiasmo e voglia di avere una moto originale anche nelle capacità di customizzazione. Per sostenere il marchio occorre anche che i guzzisti acquistino ricambi originali e affidino la manutenzione delle loro amate alle officine ufficiali. Come DotoliM2 siamo presenti ad Agnano, alla Via Pisciarelli n° 69. Veniteci a trovare anche per vivere, attraverso incontri ed uscite, insieme una passione intramontabile”.

Aprilia Dorsoduro 900: equilibrio italiano

Nel paese dei balocchi della DotoliM2 è arrivato un giocattolo molto ma molto divertente, l’Aprilia Dorsoduro 900.
Una moto italiana con il DNA tipico delle realizzazioni italiane, che può essere utilizzata tutti i giorni, sia per il commuter urbano sia per divertirsi tra i tornanti di montagna nel fine settimana.
I numeri dicono che il bicilindrico sprigiona 95,2 CV a 8.750 giri, con una coppia di 90 Nm a 6.500 giri; dati che si traducono in un’erogazione ricca di personalità.
L’elettronica del motore è gestita dalla nuova centralina Magneti Marelli 7SM, che dialoga con il sistema d’accelerazione full ride by wire, migliorato nella risposta per esaltare ancora di più il piacere di guida.
Presenta 3 diversi riding mode, che modificano radicalmente il comportamento della Dorsoduro: Rain, Urban e Sport.
La forcella Kayaba è a steli rovesciati da 41 mm ed è regolabile sia nel precarico della molla sia nell’estensione idraulica. Il mono ammortizzatore è griffato Sachs ed è in posizione laterale; consente regolazioni per il precarico della molla e la estensione.
Il telaio è di tipo ibrido, con un traliccio di tubi d’acciaio per la parte superiore, mentre per la parte centrale sono utilizzate due piastre d’alluminio.
Questo è il giudizio di Maurizio Dotoli, dealer ufficiale a Napoli della casa di Noale: “A differenza dei competitor, ha 2 anime perché ai bassi regimi non strappa e non è nervosa ma in alto ha una gran castagna. Molto dotata tecnicamente, ha tutte le ultime diavolerie elettroniche. Personalmente trovo molto bello il dashboard. La dotazione ciclistica è di primo rodine, vedi anche le pinze ad attacco radiale. Con una componentistica da top level, il rapporto prezzo qualità è ottimo, poiché ci vogliono 9.590 euro più le spese di immatricolazione. Ad ottobre c’è uno sconto di 500 euro sul listino e c’è una campagna che prevede finanziamenti agevolati. Dinamicamente è maneggevole e docile; nella mappa rain si cammina tipo passeggiata ma nella sport diventa un animaluccio cattivissimo. E’ un progetto maturo il 900, poichè abbina le caratteristiche migliori del 750 e del 1200. E’ una tuttofare con il look della motard. Nella sede di Via Piasciarelli n° 69 della DotoliM2 c’è la possibilità di fare un test ride. Sono convinto che vi stupirà!”.

Maurizio Dotoli presenta il Moto Guzzi Open House

Dal 7 al 9 settembre si terrà il Moto Guzzi Open House, kermesse irrinunciabile per gli amanti del marchio dell’Aquila.

Un appuntamento che animerà lo storico stabilimento di Mandello del Lario, dove saranno presentate 2 novità: “Sarà – spiega Maurizio Dotoli, dealer ufficiale a Napoliuna tre giorni di festa, dove Moto Guzzi spegnerà ben 97 candeline. E’ prevista la partecipazione di quasi 30.000 appassionati e sicuramente il museo storico sarà preso d’assalto. Oltre agli eventi collaterali, saranno presentati 2 succulenti nuovi modelli. Il primo è una versione Sport della V9, derivata dalla Bobber, dal color rosso opaco e con dotazione di serie più raffinata come, ad esempio, le sospensioni posteriori griffate Ohlins. L’altra novità che sono convinto attirerà gli sguardi di tutti è la versione definitiva della V85TT, modello innovativo che apre un nuovo filone, quello delle Enduro Medie dallo stile vintage. Sarà una moto tutto fare dai pesi contenuti e con potenza non eccessiva. In lei le linee eterne si mescolano alla semplicità, dove semplice non significa affatto non tecnologica, anzi…Il motore è di nuova generazione ed eroga 80 cavalli; interessante è la soluzione del carter semisecco. Da questo modello, poi, discenderà una nuova famiglia. Mai come quest’anno, quindi, l’Open House della Moto Guzzi si presenta carico di fascino e interessante per chi è alla ricerca di moto uniche dove il Made in Italy è al servizio del piacere di guida e della bellezza da ammirare”.