Audie e-tron, abitacolo e interni spaziosi per il comfort dei passeggeri

Audi e-tron è lunga 4.901 millimetri, larga 1.935 millimetri e alta 1.616 millimetri. La spazio a disposizione e il comfort sono in linea con quanto garantito dai modelli Audi della famiglia high-end. Anche grazie ad un passo di 2.928 millimetri, Audi e-tron offre ampio spazio per cinque persone e i bagagli. Forte di una capacità di carico complessiva di 660 litri, il SUV elettrico è ideale per i lunghi viaggi. La lunghezza interna dell’abitacolo, lo spazio per la testa e l’alloggiamento delle ginocchia dei passeggeri sono al top tra i SUV di categoria superiore. La superficie piatta che sostituisce il tradizionale tunnel centrale, caratteristico dei modelli convenzionali, rafforza ulteriormente l’abitabilità.

Audi e-tron, Suv elettrico ideale per i lunghi viaggi

Il SUV elettrico è ideale per i lunghi viaggi, complice una capacità di carico complessiva di 660 litri, 60 dei quali ubicati nel vano portaoggetti supplementare sotto il cofano anteriore. Qui sono presenti gli attrezzi di bordo e il cavo di ricarica mobile. Con lo schienale posteriore abbattuto Audi e-tron vede la capienza crescere a 1.725 litri. Le operazioni di carico sono più semplici grazie al portellone ad apertura e chiusura elettrica (di serie), gestibile a richiesta con un semplice movimento del piede. Il gancio traino, disponibile a richiesta, amplia le possibilità d’impiego di Audi e-tron. Il SUV elettrico è in grado di trainare una massa rimorchiabile di 1.800 kg. Il gancio traino può essere impiegato, ad esempio, per il montaggio di un portabiciclette.

Spazi destinati al comfort

Oltre allo spazio a disposizione, gli equipaggiamenti destinati al comfort sono al top. Il tetto panoramico in vetro, ad esempio, fa apparire gli interni ancora più luminosi e rafforza la sensazione generale di leggerezza. Oltre al climatizzatore automatico bizona di serie, la Casa dei quattro anelli offre la climatizzazione automatica a quattro zone e il pacchetto Air Quality. Quest’ultimo assicura un’eccellente qualità dell’aria grazie a uno ionizzatore e a un diffusore di fragranze la cui intensità può essere regolata su più livelli. A richiesta sono disponibili sedili sportivi e dal profilo personalizzato, la funzione massaggio e molteplici possibilità di regolazione. Il badge e-tron lungo la plancia è retroilluminato.

L’elevato comfort dei sedili è assicurato, anche in presenza di temperature esterne elevate, dalla ventilazione su tre livelli, disponibile già a partire dalla configurazione standard. Al top della gamma si collocano le sedute dal profilo personalizzato, forti di molteplici possibilità di regolazione. Sono dotate, oltre che dei fianchetti e degli schienali adattabili pneumaticamente, della funzione massaggio (a richiesta). Sette diversi programmi e tre livelli d’intensità armonizzano l’azione di dieci cuscini ad aria così da rilassare i muscoli della schiena, contribuendo alla sensazione di benessere durante i lunghi tragitti. Il motivo delle cuciture s’ispira ai circuiti elettrici. Spiccano le impunture a contrasto dei sedili dal profilo personalizzato, caratterizzate da una tonalità arancio che evoca la rete di bordo ad alto voltaggio.

In condizioni di oscurità, il pacchetto illuminazione diffusa, disponibile a richiesta, valorizza le linee degli interni mediante luci a LED bianche. Lo step superiore, il pacchetto illuminazione profili / illuminazione diffusa, porta in dote 30 differenti colorazioni dei LED. Il logo e-tron lungo la plancia è caratterizzato da una grafica specifica ed è retroilluminato. All’avviamento del motore viene emesso un suono di benvenuto.

La plancia: eleganza e innovazione

Gli interni di Audi e-tron sono votati all’efficienza, all’intuitività e alla leggerezza delle linee: qualità che trovano conferma in molteplici dettagli. La plancia, suddivisa per livelli orizzontali, realizza un unico arco avvolgente, denominato “wrap-around”, che si protende fino ai rivestimenti delle portiere. I display degli specchietti retrovisivi esterni virtuali, a richiesta, si collegano idealmente alla palpebra dell’Audi virtual cockpit, il cui sottile display sembra sospeso nel vuoto.

Il cockpit è orientato al conducente. In particolare, i due display del sistema MMI touch response sono inclinati onde favorire l’interazione con il guidatore. Quando spento, lo schermo superiore si fonde con l’ampia superficie Black Panel, risultando pressoché invisibile. Il display inferiore è integrato nella consolle. Entrambi i display touch visualizzano le informazioni su fondo nero, mentre le interfacce grafiche sono volutamente minimaliste e intuitive.

Il tunnel poggia su fianchi aperti che conferiscono all’insieme il look agile e slanciato di una scultura. La sezione soprastante ospita, oltre a un vano portaoggetti, un porta bevande e l’Audi phone box, disponibile a richiesta, per la ricarica a induzione dello smartphone. Il poggiamano, apparentemente sospeso nello spazio, integra il selettore della trasmissione e il tasto per il freno di stazionamento elettronico.

L’abitacolo: un ambiente rilassante

Audi e-tron è caratterizzata da rivestimenti, modanature e colori sapientemente armonizzati tra loro, spaziando dalla raffinata pelle Valcona all’alluminio spazzolato. Il SUV elettrico Audi è in grado di soddisfare i più elevati standard in materia di finiture e qualità dei materiali. La plancia è rifinita di serie in similpelle. A richiesta, sono disponibili rivestimenti in pregevole pelle Valcona con cuciture a contrasto e inserti in frassino marezzato a pori aperti. Il motivo realizzato dalle cuciture dei sedili ricorda i conduttori di un circuito elettrico stampato. A richiesta, le impunture a contrasto e i bordini sono di colore arancione: un ulteriore elemento che evoca la rete di bordo ad alto voltaggio.

Gli interni S line portano in dote sedili più avvolgenti rispetto allo standard, rivestiti in pelle e Alcantara. Le sedute sportive sono optional. In entrambi i casi, il supporto lombare è elettrico.

Audi e-tron, batteria e tecnologia di ricarica che guardano al futuro

Con il primo modello di serie a propulsione esclusivamente elettrica, Audi si è trasformata da classica Casa automobilistica a fornitore di sistemi per la mobilità. Complici le molteplici soluzioni di ricarica domestiche e durante i tragitti, il Cliente viaggia a zero emissioni senza scendere a compromessi.

Batterie ad alto voltaggio: 95 kWh di energia

La batteria di Audi e-tron può accumulare 95 kWh di energia elettrica a una tensione nominale di 396 Volt. Porta in dote, come accennato, un’autonomia superiore a 400 chilometri, misurati secondo il realistico ciclo di marcia WLTP. Collocata sotto la cellula abitacolo, è lunga 2,28 metri, largo 1,63 m e alta 34 cm. La batteria, nel dettaglio, è costituita da 36 moduli di celle che si presentano come alloggiamenti in alluminio a forma di parallelepipedo, grandi all’incirca come una scatola da scarpe. Ogni modulo contiene dodici celle “pouch” (a sacchetto), dotate di un rivestimento esterno flessibile in materiale plastico rivestito in alluminio. Queste celle garantiscono una lunga durata a fronte di una maggiore densità di potenza ed energia. Le celle possono cedere e assorbire energia in modo continuo e riproducibile lungo un ampio intervallo di temperatura e carica. In futuro Audi utilizzerà per il proprio concept modulare delle celle prismatiche, equivalenti dal punto di vista tecnico, anche in vista di una strategia di approvvigionamento presso più fornitori.

I moduli di celle di Audi e-tron

I moduli di celle di Audi e-tron possono erogare e accumulare energia in un ampio range di temperature e condizioni di marcia. Nonostante un packaging molto compatto, possono contare su di un livello molto elevato di densità di potenza ed energia. In virtù della composizione chimica presente al proprio interno, le celle sono in grado di sopportare elevate sollecitazioni termiche e reagiscono in misura inferiore rispetto alle celle tradizionali. Conseguentemente, il pericolo d’incendio è minimo anche in caso di grave danneggiamento.

Il sistema di raffreddamento della batteria è situato esternamente alla scatola della batteria stessa, sotto il vano celle. Vano la cui struttura è costituita da profilati estrusi in alluminio piatti, suddivisi in piccole camere dette microport. Un innovativo adesivo termicamente conduttivo unisce l’unità di raffreddamento alla scatola della batteria. Il contatto fra i moduli di celle e la scatola è realizzato tramite il cosiddetto gap filler, un gel anch’esso termicamente conduttivo che viene pressato sotto ogni modulo. Questo gel costituisce una soluzione particolarmente efficiente, dato che trasmette uniformemente alla scatola della batteria il calore proveniente dalle celle, per poi cederlo al liquido di raffreddamento.

Gestione della batteria e di tutti i parametri

Il Battery Management Controller (BMC) esterno, alloggiato all’interno della cellula abitacolo di Audi e-tron, si occupa della gestione della batteria e di tutti i parametri di funzionamento (ad esempio lo stato di carica, l’erogazione di potenza e la gestione termica). Il BMC comunica con le centraline dei motori elettrici e con i controller dei moduli di celle (CMC), ciascuno dei quali monitora la corrente, la tensione e la temperatura dei citati moduli. Il Battery Junction Box (BJB), che integra i relè e i fusibili dell’alto voltaggio, costituisce l’interfaccia elettrica con la vettura e si trova nella zona anteriore del sistema batteria, ospitato in un alloggiamento in alluminio pressofuso. Lo scambio di dati fra il BMC, i CMC e il BJB avviene mediante un sistema bus dedicato.

Audi e-tron, la ricarica a casa: di serie a 11 kW, a richiesta a 22 kW

Sono molteplici le soluzioni per ricaricare Audi e-tron nel garage di casa. Il sistema di ricarica compact è incluso nella dotazione di serie. Questo sistema può essere collegato direttamente a una presa standard. A tal fine sono previsti due diversi cavi elettrici: uno per prese domestiche da 230 Volt con potenza di ricarica fino a 2,3 kW e l’altro per prese trifase da 400 Volt con potenza sino a 11 kW. Con quest’ultimo cavo la batteria di Audi e-tron si ricarica completamente in circa otto ore e mezza. Come soluzione di livello superiore, Audi propone in opzione il sistema connect che permette di operare fino a 22 kW. Per questa soluzione è necessario un secondo dispositivo di carica a bordo dell’auto, disponibile nel corso del 2019. L’App myAudi permette di gestire comodamente tutte le operazioni da remoto.

Audi e-tron, sistema connect

Il sistema connect permette di ricaricare Audi e-tron con la massima potenza consentita dall’impianto elettrico di casa e dall’auto. A tal fine, il sistema tiene conto delle altre utenze collegate alla rete domestica, evitando il sovraccarico dell’impianto e quindi l’attivazione del salvavita. In aggiunta, il Cliente può beneficiare della flessibilità delle tariffe dell’energia elettrica: può, ad esempio, ricaricare la batteria nelle fasce orarie in cui l’energia costa meno. Qualora l’abitazione disponga di un impianto fotovoltaico, Audi e-tron può attingere in modo preferenziale alla corrente prodotta in loco, adattando il proprio fabbisogno alle fasi di irraggiamento solare.

App myAudi: la gestione da remoto

L’App myAudi permette di gestire comodamente tutte le operazioni da remoto. Il Cliente può pianificare i processi di carica e la pre climatizzazione di Audi e-tron. Nello specifico, è possibile impostare un timer per l’ora di partenza così che Audi e-tron sia carica e/o pre climatizzata per l’ora desiderata. A questo proposito, il Cliente può regolare a proprio piacimento la temperatura per determinate zone dell’abitacolo: nei giorni freddi, ad esempio, può attivare il riscaldamento del sedile o del volante. In aggiunta, l’App mostra i dati di marcia e quelli relativi alla carica. La comunicazione con l’auto avviene tramite il modulo LTE integrato, di cui Audi e-tron è dotata sin dall’equipaggiamento di serie.

La ricarica durante il tragitto: fino a 150 kW

Audi e-tron è la prima vettura elettrica di serie ricaricabile con potenze fino a 150 kW. Grazie alla potente batteria ad alta tensione, il SUV elettrico vanta, come accennato, un’autonomia superiore a 400 chilometri, misurati secondo il realistico ciclo di marcia WLTP. Conseguentemente, nel normale utilizzo quotidiano non sono solitamente necessarie soste alle colonnine di ricarica. Nelle lunghe percorrenze, ad esempio durante una vacanza, il Cliente può rifornirsi presso le colonnine di ricarica conformi allo standard europeo Combined Charging System (CCS).

Audi e-tron attinge a fonti a ricarica continua

In questo modo Audi e-tron attinge a fonti a ricarica continua con potenza sino a 150 kW – un primato assoluto – ed è pronta ad affrontare la successiva tappa del viaggio in meno di mezz’ora, forte dell’80% di autonomia. Un obiettivo cui concorre il sistema di gestione termica della batteria agli ioni di litio particolarmente avanzato. Entro la fine del 2018, grazie alle rete di Ionity saranno presenti in tutta Europa 200 stazioni High-Power-Charging (HPC). Entro il 2020 è prevista l’installazione di 400 stazioni, a 120 km di distanza una dall’altra, lungo le autostrade e le principali arterie viarie. Il Gruppo Volkswagen promuove l’ampliamento della rete HPC insieme ad Audi e Porsche, a BMW Group, a Daimler AG e a Ford Motor Company. Al di fuori di questa joint venture stanno comunque nascendo in Europa altri punti di ricarica compatibili con lo standard HPC.

Oltre che mediante la ricarica rapida a corrente continua, durante i tragitti il SUV elettrico può essere ricaricato grazie alla corrente alternata su colonnine AC, con potenza standard fino a 11 kW o, optando per un secondo charger, a 22 kW. La vettura è connessa alle colonnine mediante un cavo con connettore di tipo 3. Circa il 95% delle stazioni di ricarica europee è conforme a questo standard.

Audi proporrà ai Clienti un accesso semplificato a circa l’80% delle colonnine

Per il debutto sul mercato, Audi proporrà ai Clienti un accesso semplificato a circa l’80% delle colonnine mediante un proprio servizio di ricarica, denominato Audi e-tron Charging Service. Diverrà così possibile disporre di oltre 70.000 punti di ricarica pubblici in Europa.

A corrente alternata come a corrente continua, a 11 kW come a 150 kW, per un “pieno” d’energia sarà sufficiente un’unica scheda. Il trasferimento dati avverrà mediante la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification), mentre molteplici colonnine verranno attivate semplicemente mediante la scansione di un QR code. Per accedere al servizio, il Cliente dovrà registrarsi nel portale myAudi e sottoscrivere un contratto di ricarica individuale. La fatturazione avverrà in modo automatizzato, senza strumenti di pagamento fisici. Con la funzione Plug & Charge, al debutto nel 2019, il procedimento diverrà ancora più immediato: l’auto otterrà l’autorizzazione automaticamente alla colonnina di ricarica e avvierà l’operazione senza bisogno di alcuna scheda.

Il processo di ricarica: intuitivo e immediato

Il processo di ricarica di Audi e-tron inizia con la pressione del pulsante dedicato: lo sportello motorizzato in corrispondenza del passaruota lato guidatore si solleva rivelando il connettore, illuminato da una luce bianca a LED. Un secondo LED indica lo stato dell’attività. Una luce verde, ad esempio, segnala che la ricarica è in corso qualora pulsante, completa qualora fissa. Quando il cavo di ricarica viene disconnesso, lo sportello si chiude automaticamente entro 5 secondi. In abbinamento al secondo dispositivo di carica a bordo dell’auto, Audi prevede un ulteriore connettore lato passeggero per la ricarica a corrente alternata (AC).

Nuova Audi e-tron, trazione integrale elettrica: agilità e prestazioni su qualsiasi terreno

Con Nuova Audi e-tron il Marchio dei quattro anelli porta al debutto una nuova generazione di trazione quattro: la trazione integrale elettrica. Grazie a questo sistema, il SUV elettrico garantisce un grip ottimale in qualsiasi frangente. Tale tecnologia garantisce infatti la ripartizione totalmente variabile, e in una frazione di secondo, della coppia tra gli assali.

Nuova Audi e-tron si avvale del solo motore elettrico posteriore

In condizioni ordinarie, Audi e-tron si avvale del solo motore elettrico posteriore. Una configurazione che favorisce l’efficienza. Qualora il conducente richieda più potenza di quanta l’unità posteriore possa erogare, la trazione integrale elettrica chiama in causa anche il propulsore anteriore. Ciò avviene anche predittivamente, prima che la motricità si riduca a causa del fondo sdrucciolevole (o nella guida impegnata in curva).

I motori elettrici sono fonti di potenza ideali per la trazione quattro elettrica che opera in modo estremamente preciso e pressoché istantaneo: tra l’analisi delle condizioni di marcia e l’erogazione dei Nm trascorrono solo 30 millesimi di secondo. La ripartizione della coppia tra gli assali, che tendenzialmente privilegia il retrotreno, non è mai stata così rapida. Una caratteristica resa possibile dall’assenza di qualsiasi frizione meccanica e dalla rapidità di distribuzione dell’energia elettrica.

Trazione integrale

Alla base della trazione integrale elettrica opera il collegamento in rete di molteplici sistemi di regolazione. Per la prima volta, la centralina dell’assetto integra sia la regolazione della dinamica di marcia della trazione quattro, sia la gestione selettiva della coppia sulle singole ruote. Se, adottando uno stile di guida sportivo, la vettura accenna al sottosterzo, il sistema frena lievemente le ruote interne alla curva che tendono a perdere aderenza, spostando la coppia motrice verso il lato esterno del veicolo. In questo modo, l’auto s’inserisce agilmente in curva e l’avantreno mantiene rigorosamente la traiettoria impostata.

In aggiunta, un innovativo sistema antislittamento assicura trazione e stabilità in ogni frangente, dato che il mantenimento del grip è demandato all’elettronica di potenza dei motori elettrici, in grado di operare 50 volte più velocemente rispetto a un sistema tradizionale. Il conducente percepisce l’efficienza di quest’innovativa tecnologia complice l’abbinamento con il controllo elettronico della stabilità ESC a quattro stadi. Grazie all’ESC, il conducente può selezionare il livello di assistenza desiderato per la stabilizzazione della vettura, ottenendo un incremento delle performance di marcia. Oltre alla configurazione standard, l’ESC porta in dote le modalità Sport e Offroad, oppure può essere disattivato totalmente.