Come si controlla l’olio nell’auto

In fase di manutenzione della propria auto, è necessario ed essenziale ricordarsi di fare un controllo al livello dell’olio motore per verificare se ci sia bisogno di aggiungerne altro oppure di sostituirlo.

E’ importante, infatti, che il livello dell’olio non sia basso perché questo può causare danni (anche gravi) al motore o non permetterne  il corretto funzionamento.

L’olio motore, infatti, ha queste funzioni:

  • permettere la lubrificazione di tutti gli elementi presenti nel motore;
  • garantire il raffreddamento del motore;
  • assicurare la pulizia di tutti i componenti ed eliminare eventuali residui.

I modelli più nuovi di auto, avvisano l’automobilista quando sia necessario controllare e rabboccare l’olio motore, mediante una spia. Comunque, periodicamente è molto semplice verificare il livello dell’olio: fermare l’auto su una superficie piana con freno a mano tirato, a motore spento e freddo ed estrarre l’asta del livello dell’olio.

Pulirla con un fazzoletto e reinserirla nella “boccetta” dell’olio, per poi estrarla di nuovo e controllare che il livello sia compreso fra la tacca inferiore e quella superiore; se è sotto il livello minimo sarà necessario un rabbocco.

Come e dove si controlla

In particolare, se si sono percorsi meno di 15000 km, sarà necessario fare solo un rabbocco oppure verificare che non ci siano problemi tecnici.

Nel fare questa operazione di aggiunta è necessario scegliere l’olio motore compatibile con la propria auto (si trovano tutte le informazioni necessarie sulla carta di circolazione).

Se nell’olio compaiono delle macchie bianche, vorrà dire che c’è un guasto al motore che necessita di un controllo da parte di un meccanico. Infatti, di solito, per le auto a benzina è bene sostituire l’olio ogni 15000 km mentre per quelle a diesel, ogni 30000 km; comunque non sforare mai i due anni dalla vecchia sostituzione.

Per la sostituzione dell’olio, meglio affidarsi a dei professionisti che provvederanno a svuotare l’olio vecchio e allo smaltimento dello stesso.

Come si controlla il filtro dell’aria dell’auto

Il filtro dell’aria è una componente essenziale per ogni auto, infatti, questo garantisce il buon funzionamento del motore: un filtro dell’aria pulito, permette ad aria pulita di raggiungere il motore. Se è sporco, questa aria pulita non raggiungerà il motore, compromettendolo, è quindi fondamentale che il filtro venga pulito o cambiato durante la manutenzione dell’auto.

Il filtro dell’aria si trova in una posizione che ne agevola l’estrazione per poterlo sostituire, infatti, è posizionato nella testata del motore in una scatola di plastica che impedisce l’infiltrazione di materiale esterno.

Ma come si controlla?

Quindi, basterà identificare questa scatola ed estrarre il filtro dell’aria vecchio e pulire sia la scatola, per eliminare polvere e detriti, sia ovviamente accertarsi che il filtro possa essere semplicemente pulito oppure sostituito ex novo.

La pulizia e la manutenzione del filtro dell’aria, deve essere fatta periodicamente per non incorrere in alcuni problemi come:

  • un consumo del motore;
  • mal funzionamenti di valvole e iniettori, perché intasati;
  • mal funzionamento della valvola a farfalla.

Ci sono tre tipi di filtri dell’aria:

  • di forma piana (di carta o cotone);
  • di forma circolare (di carta o cotone), per le auto di grossa cilindrata;
  • in spugna, per le motociclette.

Come vengono puliti

Nel caso di filtri di carta, è sufficiente pulirli con un getto d’aria, facendo molta attenzione perché sono i più delicati.

Se invece sono di cotone, si possono lavare con prodotti adatti e riutilizzarli; quelli di spugna, infine, vanno immersi in acqua con uno sgrassatore specifico, poi sciacquati e fatti asciugare. In linea di massima, la sostituzione del filtro dell’aria va fatta ogni 15000/20000 km ma ovviamente dipenderà anche dal tipo di strada percorsa o dalla zona in cui viene parcheggiata in genere l’auto.

Se non si è in grado di sostituire il filtro dell’aria da soli, ci si può rivolgere ad un professionista che svolgerà il lavoro al prezzo di 30 euro (a cui si aggiunge anche la manodopera).

Parabrezza ghiacciato, i rimedi da evitare

Dopo un’intera nottata passata fuori, l’auto potrebbe presentare sul parabrezza e sul lunotto posteriore del ghiaccio oltre ad avere il parabrezza appannato per la differenza di temperatura.La presenza di ghiaccio può ritardare una partenza perché bisognerà prima accertarsi che la visibilità alla guida non venga compromessa da quello strato di ghiaccio che può far diminuire ovviamente la sicurezza in marcia.

Ci sono delle cose da non fare assolutamente quando ci si trova in questa situazione:

  • la prima cosa immediata che viene in mente di fare è quella di gettare acqua bollente sul vetro, con la convinzione che questa scioglierà il ghiaccio: niente di più sbagliato! L’acqua calda sul ghiaccio potrebbe portare alla rottura definitiva del vetro, che potrebbe andare in mille frantumi;
  • spesso si ricorre ad oggetti “di fortuna” per raschiare via il ghiaccio come un vecchio CD. Anche questo è sbagliato, perché il CD, oltre a non risolvere la situazione, tenderà a graffiare il parabrezza;
  • preventivamente, spesso, viene utilizzato il sale: se si prevede una nottata molto fredda, alcuni decidono di “spruzzare” del sale sul vetro con la convinzione che così non si formerà il ghiaccio; in realtà, il sale, nel caso in cui ci siano già dei graffi sul vetro, potrebbe andare creare delle crepe o, ancora, a danneggiare i tergicristalli (se dei granelli di sale rimangono sul vetro).

Parabrezza ghiacciato, misura preventiva

Come misura preventiva adeguata, invece, ci si può munire di liquidi deghiaccianti, specifici proprio per agevolare lo scioglimento del ghiaccio sia per evitarne la formazione.

Invece che utilizzare strumenti di fortuna per raschiare via il ghiaccio, meglio acquistare il raschietto che, avendo il bordo in gomma, non graffia e danneggia il parabrezza.

Spesso, per favorire lo scioglimento del ghiaccio, si accende (correttamente) il motore e l’impianto di riscaldamento: in questa fase, è essenziale assicurarsi che i tergicristalli non siano in funzione, per evitare di danneggiarli.