Cinture, seggiolini e cellulare: a Roma è ancora emergenza

Sono passati quasi 30 anni dall’istituzione dell’obbligo delle cinture di sicurezza, ma a Roma il 22% dei conducenti ancora non allaccia le cinture. La percentuale di non utilizzo sale al 26% tra i passeggeri anteriori e sfiora l’80% sul sedile posteriore. Per i bambini in auto è emergenza sociale

Riduzione pedaggi moto: una vittoria al 33%…..

Sul fronte della riduzione del costo dei pedaggi per i motociclisti qualcosa comincia a muoversi. E’ notizia di queste ore che l’associazione delle concessionarie autostradali ha accolto la proposta del Mistero dei Trasporti di applicare una tariffa dedicata a moto e scooter, pari ad uno sconto del 33% sul normale costo del pedaggio. Si potrà, però, godere di questa agevolazione solo attraverso l’attivazione di un Telepass abbinato in esclusiva alla targa della o delle moto.

 

A mio parere, però, è ancora presto per parlare di vittoria e di risultato storico. Lo scrivente centauro già nel 2014, quando era delegato provinciale a Napoli della FMI, attraverso articoli ed incontri istituzionali ha cercato di sensibilizzare in merito, inutilmente, la società Tangenziale di Napoli ed il gestore del tratto Napoli-Salerno.

Oggi, grazie soprattutto alla collaborazione tra la Federazione Motociclistica Italiana e la rivista Motociclismo, si è arrivati ad una svolta, seppur piccola.

 

Piccola sia perché le moto occupano molto meno spazio di un’auto (di solito meno della metà, quindi perché limitare lo sconto solo ad 1/3?) sia perché l’agevolazione è subordinata all’attivazione di un Telepass, che si suppone abbia dei costi di gestione (perché, poi, discriminare chi non possiede un Telepass?).

 

Ecco perché questa vittoria ha, secondo me, il sapore di un successo a metà, anzi di 1/3, in quanto si poteva e si può fare di più. Certo c’è già un importante riconoscimento ed è stato fatto un passo in avanti, ma si potrà cantare davvero vittoria solo quando finalmente i motociclisti, tutti senza o con Telepass, avranno riconosciuti il diritto ad un pedaggio proporzionato agli ingombri ed ai pesi del proprio veicolo. Non troviamo la scusa che occorre riconoscere la tipologia di veicolo che transita; è vero come è vero che oggi, attraverso le telecamere installate, è possibile scoprire se il veicolo transitante sia assicurato e revisionato? Quindi……

 

Nel frattempo un bravo va a quanti hanno permesso questa prima affermazione; al tempo stesso costoro vanno spronati a continuare nel loro percorso, magari anche nella sensibilizzazione dei gestori delle autostrade a rendere i guard-rail a misura di motociclista. Ma questa è un’altra storia…..

Pedaggio autostradale moto: qualcosa si muove per la riduzione

Dopo anni di duro lavoro da parte di Confindustria Ancma, il Governo fa la
sua parte e sposa ufficialmente la richiesta di cambiare la logica dei pagamenti autostradali con
una differenziazione tra auto e moto.
Il Sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti Umberto Del Basso De Caro ha risposto ieri in
Commissione Trasporti della Camera all’interrogazione dell’On. Sandro Biasotti, che aveva
sollecitato il Governo a rivedere il sistema di esazione dei pedaggi autostradali, differenziando le
tariffe dedicate alle autovetture da quelle riservate ai motocicli.
Il Sottosegretario Del Basso De Caro, osservando che il Ministero dei Trasporti – su sollecitazioni
delle associazioni di categoria – ha attivato un tavolo tecnico con AISCAT (l’associazione
sindacale che riunisce i concessionari autostradali), segnala che lo stesso Ministero, lo scorso 5
luglio, aveva inviato alla stessa AISCAT una proposta di tariffa differenziata per motoveicoli.
A questo punto non ci sono più pretesti per differire ulteriormente l’adozione di un sistema di
tariffazione che allineerebbe l’Italia alla maggior parte dei paesi europei, dove le moto accedono
alle arterie autostradali gratuitamente, oppure beneficiano di una forte scontistica.
L’associazione dei costruttori da anni si batte per una differenziazione di trattamento tra le quattro
e le due ruote una volta giunti al casello. Richiesta supportata anche dall’indicazione su quali siano
i motivi per i quali una tariffazione unica sia poco consona all’effettivo utilizzo della rete
autostradale e anche come i sevizi offerti ai motociclisti, nella maggior parte dei casi, siano
inadeguati e carenti.
Confindustria ANCMA ha più volte sollevato la questione e portato questa richiesta sui tavoli delle
massime autorità competenti: tra i quali, quello del Presidente dell’Autorità di Regolazione dei
Trasporti Andrea Camanzi e del sottosegretario per le Infrastrutture e i Trasporti Riccardo Nencini.
“Ogni motociclista che sceglie una strada statale o provinciale anziché un’autostrada per
risparmiare sul pedaggio – dichiara Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA – si
espone a un rischio quasi doppio di perdere la vita in caso di incidente. Incentivare i motociclisti a
utilizzare le autostrade che, come affermato dagli stessi concessionari, sono le strade più sicure, è
una necessità non ulteriormente prorogabile. Ci aspettiamo che in vista dell’esodo estivo, quando il
traffico motociclistico raggiunge l’apice, qualche novità positiva in questo senso venga finalmente
annunciata. Il Governo ha fatto i suoi passi, ora le concessionarie facciano i loro”.
Ricordiamo che secondo i più recenti dati forniti da ACI/ISTAT, un motociclista coinvolto in
incidente ha quasi il doppio delle probabilità di sopravvivere se il sinistro avviene su
un’autostrada piuttosto che su un’altra strada extra-urbana: ogni 100 motociclisti coinvolti in
incidente, le vittime in autostrada sono 3,5, mentre su strade provinciali, regionali o statali il
rapporto sale a 6,2, nonostante le velocità di crociera sulle autostrade sia mediamente superiore.
Negli ultimi quattro anni sulle autostrade hanno perso la vita 577 centauri, mentre sulle altre
extraurbane le vittime su due ruote sono state 1.260.

ACI, serve un nuovo codice della strada, quello attuale non è rispettato dagli automobilisti e dai comuni

Serve un nuovo Codice della Strada perché quello vigente è sempre meno rispettato, perfino dalle Amministrazioni locali. Lo sottolinea oggi l’Automobile Club d’Italia nel corso della 70a Conferenza del Traffico e della Circolazione