Auto, sono 5 milioni i diesel Euro 3 o inferiori a rischio stop

Nonostante le auto diesel Euro 3 e inferiori stiano vivendo grandi e crescenti limitazioni alla circolazione, che sembrano convergere verso una loro progressiva messa al bando, e in molte regioni la loro facoltà di circolazione sia già fortemente limitata, sono tantissime quelle che risultano ancora iscritte nei registri della motorizzazione; quasi 5 milioni (4.911.447), equivalenti al 12,9% dell’attuale parco auto private destinate al trasporto persone presente in Italia.

Il dato emerge dall’analisi realizzata da Facile.it che, rielaborando i dati ufficiali del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture (aggiornati al 31 ottobre 2017), è riuscito a disegnare la mappa delle automobili diesel presenti sul territorio e ha evidenziato anche come le Euro 3 o inferiori siano quasi un terzo (29,89%) delle auto private alimentate a gasolio ancora potenzialmente in circolazione. Va detto che parte di questi veicoli, anche se iscritti nei registri della motorizzazione, potrebbero non essere più in uso, ma è pressoché impossibile conoscerne il numero preciso.

Auto diesel Euro 3 o inferiori

Interessante notare, si legge nell’analisi, come il peso percentuale delle auto diesel Euro 3 o inferiori vari sensibilmente da regione a regione, con una forbice compresa tra l’8,5% e il 22%.

Guardando la distribuzione territoriale emerge chiaramente come la diffusione di questo tipo di vetture sia maggiore, proporzionalmente, nelle regioni del Meridione, che occupano le prime otto posizioni della classifica nazionale.

In vetta si trovano il Molise e la Basilicata, aree dove più di 1 auto privata su 5 è un diesel Euro 3 o inferiore (rispettivamente il 21,9% e il 21,7%); segue la Calabria con una percentuale pari al 19% e la Puglia, con il 18,5%. Giù dal podio, ma con valori decisamente superiori alla media nazionale anche Sicilia (17,2%), Campania (16,7%) e Abruzzo (15,4%).

Osservando la graduatoria nel senso opposto, invece, è la Valle d’Aosta a risultare prima. In quella regione solo l’8,5% delle auto private appartiene alla categoria diesel Euro 3 o inferiore; a seguire si trovano Toscana (8,7%), Friuli Venezia Giulia (9,1%) e Liguria (9,4%). Al quinto posto si posiziona la Lombardia (9,5%), che precede solo di poco le altre due regioni che hanno recentemente introdotto lo stop ai diesel Euro 3: l’Emilia Romagna (9,7%) e il Piemonte (10%).

Se si analizza la distribuzione delle automobili private diesel Euro 3 o inferiori in termini assoluti, invece, è la Lombardia, con i suoi 587.515 veicoli, a guadagnare il primo posto. Seguono la Campania, con 577.087 auto di questa categoria e la Sicilia (564.591).

Il parco veicoli totale

Estendendo l’analisi a tutti i veicoli presenti nell’archivio nazionale della Direzione Generale per la Motorizzazione, emerge che, in totale, i mezzi diesel Euro 3 o inferiori ancora regolarmente immatricolati sono più di 8 milioni (8.268.179), pari al 15,8% del parco mezzi italiano potenzialmente circolante; se si guarda al numero totale di veicoli alimentati a diesel (includendo quindi anche gli Euro 4, 5 e 6), i mezzi sono più di 22,3 milioni (il 42,9% del totale).

I costi RC auto

Anche da un punto di vista assicurativo il diesel Euro 3 non è conveniente rispetto all’Euro 6. Facile.it ha verificato le differenze nelle tariffe RC prendendo in considerazione due modelli uguali ed evidenziando come il best price* disponibile per assicurare l’auto più inquinante risulti superiore di oltre il 10% rispetto a quella con emissioni minori (277,81 euro per il diesel Euro 3 contro i 248,88 euro necessari pe il veicolo Euro 6).

«Ad incidere sull’RC auto non è, di per sé, la classe ambientale di appartenenza del veicolo quanto piuttosto la sua anzianità», spiega Diego Palano, Responsabile BU assicurazioni di Facile.it. «Le auto diesel Euro 3 o inferiori, ormai da anni fuori produzione, hanno un’età media decisamente più alta rispetto a quella dei nuovi Euro 6 e per questo le compagnie assicurative applicano premi più cari.».

A seguire le tabelle con i dati regionali sul numero di auto private destinate al trasporto persone diesel Euro 0 – 1 – 2 – 3 presenti nell’archivio nazionale della Direzione Generale per la Motorizzazione (ad ottobre 2017) e il loro peso percentuale sul totale.

Regione Numero auto private

per trasporto persone

diesel Euro 0-1-2-3

% auto private

per trasporto persone

diesel Euro 0-1-2-3

ABRUZZO 134.316 15,4%
BASILICATA 79.404 21,7%
CALABRIA 238.294 19,0%
CAMPANIA 577.087 16,7%
EMILIA ROMAGNA 274.837 9,7%
FRIULI VENEZIA GIULIA 71.475 9,1%
LAZIO 530.165 13,4%
LIGURIA 79.560 9,4%
LOMBARDIA 587.515 9,5%
MARCHE 123.141 12,2%
MOLISE 45.887 21,9%
PIEMONTE 293.381 10,0%
PUGLIA 439.461 18,5%
SARDEGNA 151.047 14,5%
SICILIA 564.591 17,2%
TOSCANA 204.111 8,7%
TRENTINO ALTO ADIGE 71.162 11,5%
UMBRIA 83.806 13,4%
VALLE D’AOSTA 7.654 8,5%
VENETO 354.553 11,5%
ITALIA 4.911.447 12,9%

 

* Calcolo effettuato sulle offerte disponibili attraverso Facile.it l’1 ottobre 2018. Profilo contraente: Uomo, 40 anni, residente a Milano. Auto: utilitaria 1200 cc nelle versioni diesel euro 3 e diesel euro 6. Copertura considerata: RC Auto. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate.

 

 

 

Quando cambiare le gomme auto: tutto ciò che devi sapere

La salute degli pneumatici è un aspetto a dir poco fondamentale per ogni veicolo. È quindi di cruciale importanza conoscere quando è necessario cambiare le gomme alla propria auto, sia a causa di un danno sia alla semplice usura, ma soprattutto anche in base alle normative vigenti.

Quando cambiare gomme auto

Iniziamo col dire che i pneumatici devono essere controllati da un esperto ogni 15 mila chilometri circa. Questo perché a un occhio non allenato potrebbe sfuggire un’usura anomala, ma grazie agli strumenti utilizzati dai gommisti specializzati è possibile verificare al millimetro lo stato del battistrada che, per legge, deve avere una scanalatura minima di 1,6 mm.

Sarà quindi il vostro gommista di fiducia a dirvi se i pneumatici sono da sostituire o basta semplicemente scambiare di posto quelli anteriori con quelli inferiori (quando possibile) per regolarizzarne l’usura.

Un aspetto da tenere particolarmente in considerazione è la pressione delle gomme. Pneumatici troppo sgonfi avranno un’usura molto irregolare e ampia, il rischio correlato è quello della foratura; allo stesso tempo, pneumatici troppo gonfi portano a una usura anomala localizzata al centro esatto del battistrada che porta alla riduzione accelerata dell’aderenza del veicolo.

Potrebbe interessarti anche: Pneumatici invernali

Ogni quanto cambiare gomme auto

Per sapere ogni quanto cambiare le gomme auto dobbiamo analizzare l’utilizzo che si fa dell’auto: quanti chilometri vengono percorsi in media in un anno e quali tipologie di strade vengono percorse maggiormente, sono questi i due fattori principali che concorrono all’usura degli pneumatici.

Chi usa l’auto per lavoro e percorre lunghe distanze tutti i giorni su strade non accidentate dovrebbe far controllare le gomme almeno una volta l’anno o ancor meglio, come accennato in precedenza, al raggiungimento dei 15 mila chilometri. Escludendo i casi eccezionali, un treno di gomme con utilizzo regolare dovrebbe essere sostituito al superamento dei 40 mila chilometri per garantire la massima resa del veicolo.

Chi utilizza l’auto nel tempo libero e non percorre più di 5/10 mila chilometri in un anno potrebbe tranquillamente effettuare un controllo ogni due anni in occasione della revisione; sarebbe però più sicuro effettuare un controllo annuale della pressione delle gomme, soprattutto perché utilizzando la macchina solo nel tempo libero magari lasciandola ferma per molti giorni potrebbe influire fortemente sullo stato di salute degli pneumatici.

Per sapere invece quando cambiare i pneumatici invernali con quelli estivi e viceversa dobbiamo affidarci alla normativa vigente: l’articolo n.6 del Codice della Strada introdotto dalla legge n.120 del 29 luglio 2010. È necessario montare le gomme invernali entro e non oltre il 15 novembre mentre per quanto riguarda le gomme estive, la data limite per il montaggio è fissata per il 15 aprile.

Quanto costa cambiare gomme auto

Nel caso in cui siate in possesso dei nuovi pneumatici, il costo per la sola sostituzione varia dai 10 ai 20 euro per pneumatico; dovendo invece acquistare in sede le gomme il costo si alza e varia di molto in base alla marca e modello del veicolo in questione.

Di solito i gommisti propongono anche lo stoccaggio degli pneumatici, ovvero la conservazione in magazzino in attesa della prossima stagione, se volete avvalervi di questo servizio sappiate che ha un costo medio di 20 euro per pneumatico, ma non è escluso che il vostro gommista di fiducia possa farvi uno sconto fedeltà.

Non bisogna dimenticare che dopo il cambio delle gomme è necessario fare l’equilibratura che il 99% delle volte è compresa nel prezzo del cambio. Un servizio a parte è invece la convergenza che ha un costo medio di 20 euro e va effettuata solo nel caso in cui gli pneumatici sostituiti fossero usurati in modo particolarmente elevato.

Info utili per i mezzi commerciali: fiorinigomme.com

Sicurezza stradale, mobilità più sicura con di ADAS: accordo Aci-Sara Assicurazioni-Mobileye

La guida distratta, tra i nemici della sicurezza stradale,sta portando ad una impennata drammatica di sinistri e perdite di vite umane. 9 su 10 sono gli incidenti da attribuire al fattore umano, tra cui distrazione del conducente, mancata precedenza e velocità non adeguata