Royal Enfield Himalayan: una piacevole sorpresa

In vendita da poco più di un anno, la Royal Enfield Himalayan è diventata subito una delle moto più apprezzate della casa di Chennai.

Le sue qualità unite ad un prezzo davvero contenuto, sono le frecce che hanno colpito i cuori di molti appassionati.

I dati tecnici parlano di un monocilindrico raffreddato ad aria e olio di 411 cc., potente 25 cavalli, dotato di 5 marce ed una coppia d 3 Kgm.

All’anteriore troviamo un cerchio di 21 pollici con un freno a disco, al posteriore un cerchio da 17 pollici, sempre con un freno a disco.

Grazie alla DotoliM2 di Napoli, abbiamo avuto modo di scoprire le sue caratteristiche.

La moto è snella ed in sella la posizione è davvero comoda, anche per chi è alto quasi 1,90 cm. Il manubrio largo aiuta ad avere tutto sotto controllo. Le finiture, nonostante il prezzo contenuto, sono più che discrete.

Il motore, nel traffico cittadino, si apprezza per la fluidità e per il temperamento docile; per districarsi non occorre usare molto il cambio. Se non fosse per l’indicatore presente sul cruscotto, è difficile capire se si viaggia in seconda o in terza marcia; l’elasticità è impressionante. Le sospensioni lavorano egregiamente anche quando, improvvisamente, l’asfalto o scompare o diventa un campo di patate.

Sui tratti extraurbani, specie quelli di montagna, l’Himalayn sorprende per come riesce a tenere ritmi abbastanza elevati, nonostante una cavalleria non da moto sportiva. La tenuta di strada è buona, mentre l’ABS è poco invasivo.

L’autostrada non è proprio l’habitat naturale di questa Royal Enfield. Se la velocità di crociera è di 100 Km/h, la moto è comoda, stabile e le vibrazioni non danno fastidio. A questa andatura si gode, poi, anche il paesaggio; insomma non serve spingersi al limite della velocità del codice della strada. L’Himalayan è in grado di portarvi ovunque, anche con il passeggero e le borse piene, ma alla giusta andatura.

Abbiamo avuto modo di testarla anche su uno sterrato poco impegnativo; anche lì questa Royal Enfield sorprende positivamente.

L’unico neo è l’impianto frenante, perché la leva è un po’ spugnosa; una volta fatta l’abitudine, tutto scorre bene.

Per finire un dato che ha dell’incredibile: vi sfidiamo a percorrere meno di 100 chilometri con 5 euro di benzina; quasi impossibile!

Chi vuole testare in prima persona l’Himalayan, può farlo alla DotoliM2, presso la sede di Via Pisciarelli n° 69; lì, poi, sarà possibile scoprire interessanti promozioni non solo sul nuovo ma anche sugli accessori, in grado di trasformare questa moto in una vera e propria globetrotter.

Alla DotoliM2 le anteprime bicilindriche della Royal Enfield

Royal Enfield presenta presso la propria rete vendita ufficiale, le nuove bicilindriche Interceptor e Continental Gt.

Per la storica casa si tratta di un passo fondamentale verso il gotha del motociclismo mondiale.

A Napoli, presso la DotoliM2, è possibile ammirarle e testarle: “Con – spiega il manager Maurizio Dotolile bicilindriche, Royal Enfield vuole diventare un brand globale. Pensate che il 6% della produzione mondiale di moto è targato Royal Enfield; c’è la voglia di diventare il primo costruttore mondiale. L’idea di base è riprendere gli stilemi degli ultimi modelli di successo degli anni ‘70; non dimentichiamo, tra l’altro, che è stata tra le prime case britanniche di larga diffusione a realizzare bicilindrici di cubatura importante. Sono moto interessanti, progettate da ingegneri inglesi, dotate di motore 4 valvole per cilindro, con contralbero di vibrazione e la fasatura a 270°. La frizione è anti saltellamento. Insomma è un motore essenziale e moderno al tempo stesso, raffreddato ad aria e olio.  E’ un progetto che ha 2 anime, con lo stesso telaio e motore; l’Interceptor richiama un look americano, tipo scrambler; la Continental Gt ha, invece, un look più sportivo. L’Interceptor è una moto rilassante che concilia con il mondo, piacevole da guidare. Due moto che, sono convinto, sapranno catalizzare l’attenzione di molti motociclisti. Chi le vuole ammirare dal vivo può farlo presso la nostra sede di Agnano alla Via Pisciarelli n° 69”.

La storia della Royal Enfield incontra la passione della DotoliM2

Grazie ad un aperitivo, ad Agnano si sono incontrati secoli di storia e passione motociclistica. Da un lato la famiglia Dotoli che da tre generazioni a Napoli è sinonimo di motori e dall’altro la Royal Enfield, un marchio che non ha bisogno di presentazioni.

Un aperitivo che ha visto presentare agli appassionati la gamma della casa fondata nel 1893, in particolare le bicilindriche Interceptor e Continental: “La Royal Enfield – racconta il padrone di casa Maurizio Dotolioltre ad essere una gloriosa casa, è un’azienda che negli ultimi anni vive una fase di modernizzazione e forte rilancio. Accanto, infatti, alla classica Bullet, dapprima l’Himalayan poi le nuove bicilindriche, hanno ampliato e reso ancora più appetibile le moto in catalogo. La sorpresa di quest’anno è senza dubbio la Himalayan, una tuttofare che fa della robustezza, della facilità e dell’affidabilità le sue migliori armi”.

Il 2019 sarà all’insegna del bicilindrico parallelo da 650 cc.: “Senza dubbio – spiega Dotolicon questi due modelli la Royal Enfield ha voluto fare un ulteriore passo in avanti per offrire dei prodotti maturi anche per i mercati più esigenti come quello italiano. In esse il vintage si fonde con il moderno che realmente serve per regalare emozioni sia alla vista sia quando si è in sella. Da poco la DotoliM2 è diventata dealer ufficiale e presso la nostra sede di Agnano, alla Via Pisciarelli n° 69, è possibile ammirare dal vivo e chiedere di effettuare un test ride”.

Royal Enfield: alla Dotoli M2 il 14 dicembre l’aperitivo delle novità

Il 14 dicembre la Dotoli M2 invita gli appassionati ad un aperitivo per presentare il suo ingresso ufficiale nel mondo Royal Enfield.
L’evento sarà anche l’occasione per toccare con mano l’intera gamma della casa motociclistica più antica al mondo: “Esporremo – dice il dealer Maurizio Dotoli – tutte le moto in listino, comprese le bicilindriche Interceptor e Continentale Gt, che verranno commercializzate tra gennaio e febbraio. Ci saranno, poi, anche i prototipi ammirati all’Eicma”.
Nasce, così, una collaborazione interessante: “Royal Enfield – spiega Dotoli – è un marchio che ha fatto un cambio di passo netto rispetto al suo recente passato. Con l’Himalayan, ad esempio, offre una moto di sostanza, essenziale, inarrestabile, semplice e facile, da utilizzare su ogni tipo di fondo e con poca elettronica. La cilindrata contenuta, il prezzo minimale ed il peso ridotto sono caratteristiche che possono avvicinare gli scooteristi al mondo delle moto. Ci sono, poi, le bicilindriche, che ho già avuto modo di provare. Sono moto fedeli al blasone della casa ed il 14 sarà data la possibilità di ammirare sia il modello commercializzato a cavallo tra gli anni sessanta e settanta sia quello nuovo. La garanzia di 3 anni ed il soccorso stradale inclusi nel prezzo, testimoniano quanto importante sia la serie twin. Ricordo che la Royal Enfield è nata nel 1901 e negli anni trenta ha addirittura realizzato moto da 1.000 cc. e 1.200 cc., con 4 cilindri. Oggi in Inghilterra c’è una sede di ricerca e sviluppo mentre i telai sono studiati e progettati dalla Harris. In questo cambio di passo è aumentata l’attenzione alle esigenze del mercato europeo. In futuro vedremo la realizzazione di progetti interessanti”.

Royal Enfield 500 Classic: l’eleganza in moto

Nata in Inghilterra nel 1893, la Royal Enfield è oggi tra le case più conservatrice per quanto riguarda la filosofia estetica dei propri modelli. Dagli anni sessanta, quando è stata trasferita la produzione in India, le Royal Enfield mantengono quell’eleganza e quel sapore classico che le rendono moto uniche nel panorama mondiale. Classicità ed eleganza accompagnate da contenuti tecnologici moderni, rispettosi delle normative in tema di inquinamento e con la massima attenzione agli aspetti legati alla sicurezza.

 

Dalla fine del 2015 sono importate in Italia dalla Valentino Motor Company S.p.a.. Proprio grazie alla disponibilità dell’importatore ed alla Topomoto di Francesco De Stasio, concessionaria ufficiale per la piazza di Napoli, abbiamo avuto modo di testare per le strade partenopee la 500 Classic.

 

 

Il motore è il monocilindrico verticale EFI raffreddato ad aria, con iniezione elettronica, rispettoso della normativa antinquinamento Euro 4. La distribuzione è ad aste e bilancieri, con una potenza di 28 Cv a 5.250 giri ed una coppia di 41,3 Nm a 4.000 giri. Il cambio è dotato di 5 rapporti. All’anteriore troviamo un freno a disco con pneumatico da 90/90 R 19; al posteriore c’è un freno a disco con pneumatico da 110/80 R 18. Ad assicurare, poi, frenate sicure c’è l’ABS. Il telaio è un monotubo a culla aperta, con il motore elemento stressato. La strumentazione è analogica, con stilemi tipici degli anni ‘50. Di forte impatto estetico la sella triangolare con molloni, con le finiture generali ad essere più che discrete. Oltre all’avviamento elettrico è presente anche il kick starter sul lato destro.

 

La posizione di guida è molto naturale, con l’altezza da sella molto contenuta. Il monocilindrico fa sentire la sua presenza e voce, ma le vibrazioni, se si guida in souplesse, non sono mai fastidiose. La rapportatura delle marce è perfetta così come gli innesti, con il motore a spingere anche se è inserita una marcia alta.

 

E’ scontato dire che la 500 Classic va guidata senza cercare gli alti regimi; il suo punto forte è l’erogazione della coppia. In città il buon bilanciamento della ciclistica abbinato alla elasticità del monocilindrico, consentono di essere piacevolmente più veloci delle insidie del traffico. Le sospensioni, poi, assorbono più che bene le asperità dell’asfalto.

 

Il gusto nella guida si esalta quando si imbocca una strada extraurbana. In questi contesti la 500 Classic permette di godere in pieno i profumi ed i colori del paesaggio, grazie al centrato equilibrio generale. La buona tenuta di strada e la prontezza dell’impianto frenante aiutano, poi, non solo nei frangenti di frenata improvvisa ma anche quando ci si vuole divertire in un percorso misto.

 

Gli amanti del vintage, coloro che amano distinguersi dalla massa così come l’utenza femminile, troveranno nella Royal Enfield 500 Classic una proposta interessante. Chi vuole, poi, rendere ancora più originale la 500 Classic, può attingere dal vasto catalogo che la casa madre offre. Chi, infine, vuol scoprire in prima persona il carattere di questo classico in salsa moderna, può recarsi alla Topomoto di Corso Vittorio Emanuele n° 177, Napoli, e chiedere un test ride. Non mancheranno piacevoli sorprese….