E’ scomparso Sergio Robbiano, autore di magnifiche opere d’arte su due ruote

Ebbi modo d’intervistare Sergio Robbiano nel maggio del 2006. All’epoca lavoravo per una trasmissione televisiva che si occupava di tutto ciò che ruotava attorno ad una moto; decidemmo di accogliere l’invito della Bimota. La casa di Rimini, infatti, stava per lanciare quella che a mio avviso è la moto stradale più divertente che abbia mai guidato, la Delirio. Bella, affascinante, italiana, dal forte carattere….Ad attenderci nell’albergo c’era il designer della DB6…..Mi colpì la grande passione che aveva per l’universo delle due ruote. Persona simpatica e disponibilissima, gentile e arguto. Il giorno dopo ci recammo proprio nella fabbrica della fondata da Bianchi, Morri e Tamburrini…..Mi fece da Cicerone e fu fantastico vedere dal vivo come nasceva una Bimota, il tutto condito dalla voce del “maestro” disegnatore…..Mi svelò che per lui due erano le moto perfette: la 916 e la RC211V. A quest’ultima si ispirò nel dare le forme alla stupenda DB5. Apprendo ora che Robbiano ha smesso di percorrere le curve terrene per raggiungere quelle celesti. Ogni volta che un centauro ci lascia, sento che anche una parte di me lo fa…..Sono sicuro che anche lì nel cielo i tuoi disegni sapranno emozionare come hanno fatto qui. Che la terra ti sia lieve, lamps!

Le novità della Sidecar Napoli

Alla Sidecar Napoli sono sempre all’opera per rendere la vita ancora più facile ed emozionante a chi ama guidare un sidecar. Il genio di Pippo e Michele Uglietti questa volta si è concentrato sull’impianto elettrico, per trasformare quello malandato e obsoleto di serie, in uno più affidabile e moderno: “Abbiamo – spiega il tecnico Pippo Uglietti – allacciato una collaborazione con un’azienda leader nella costruzione di sistemi d’accensione elettronici. Questo ci permette di poter modificare i vecchi modelli della Ural, Bmw e Zundapp, eliminando le punte platinate a favore di un’accensione elettronica. Qualcuno potrà storcere il naso, ma il guadagno in termini di affidabilità è notevole”. Con la stagione calda non solo sale la temperatura ma anche la voglia di macinare chilometri: “Prima – dice Pippo – d’intraprendere un viaggio, sarebbe opportuno effettuare un tagliando. Per il sidecar è importante un accurato controllo del serraggio degli agganci ed ancoraggi. La nostra esperienza sessantennale è al servizio degli appassionati del genere per la cura e manutenzione delle loro amate motocarrozzelle”. Si amplia la gamma dei servizi offerti dalla Sidecar Napoli: “Dalla – elenca Uglietti – consulenza stradale a quella legale, dall’iscrizione ai registri storici alla nazionalizzazione dei veicoli provenienti dall’estero, offriamo le giuste risposte. E’ possibile anche stipulare polizze assicurative per i veicoli storici. Chi ha voglia di scoprire le nostre offerte, può farlo visitando il nostro sito www.sidecarnapoli.com”.

081 Garage, dare to be different!

Dalla passione di un gruppo di amici di vecchia data, con l’Harley-Davidson nel cuore, nasce a Napoli, nell’ottobre del 2013, il progetto “081 Garage”. In pochi mesi, grazie alle numerose iniziative e ai servizi offerti, ha saputo ritagliarsi uno spazio importante, tanto da diventare il nuovo punto di riferimento partenopeo degli appassionati del marchio di Milwaukee. Presso la sede di Via Ponti Rossi n° 126, infatti, è possibile vivere a 360 gradi il proprio sogno a due ruote, dall’assistenza tecnica, alla customizzazione, passando per le uscite in gruppo. Abbiamo intervistato lo store manager Gennaro Aversano, una delle figure chiavi del successo targato 081 Garage: “Il mio ruolo – spiega Aversano – sulla carta sarebbe solo legato alla gestione del magazzino ricambi. In realtà svolgo anche funzioni di public relations, dal forte carattere confidenziale, perché sono il primo a consigliare a chi si rivolge a noi su come intervenire sulla propria moto. I ricambi che offriamo permettono qualsiasi livello di customizzazione. Altri aspetti che curiamo sono quelli del restauro, della creazione di vere e proprie Special Bike e dell’ordinaria manutenzione. Ricordo che siamo anche rivenditori autorizzati Special Parts for Harley-Davidson. Basilare nella nostra filosofia è offrire la massima qualità al giusto prezzo. E’ anche così che riusciamo a conquistare la fiducia dei centauri”. 081 Garage è anche un’aggregazione itinerante: “Ci piace – sottolinea Gennaro – mettere a proprio agio chi viene a farci visita. Curiamo molto gli aspetti legati all’accoglienza, perché vogliamo far vivere momenti di spensieratezza, serenità e allegria, conditi dalla grande passione per le moto. Per questo abbiamo una hospitality dove ci riuniamo per trascorrere ore di sano svago goliardico. C’è anche un calendario di uscite ed il prossimo appuntamento è per domenica 29 giugno, quando le ruote delle nostre Harley saranno dirette verso il valico della Forca d’Acero. Chi ha voglia di scoprire il nostro programma può farlo attraverso la nostra pagina Facebook. Allo 081 Garage il motto è Dare to be different; facciamolo insieme!”.

La tradizione della Tortora Moto

La tradizione della “Tortora Moto” nasce nel 1904 a Nocera Inferiore per poi stabilirsi a Salerno negli anni Venti e rappresentare la più prestigiosa casa italiana di moto. Da quasi cento anni, nella città che è stata capitale d’Italia durante la seconda guerra mondiale, la famiglia Tortora è sinonimo di passione per le due ruote. A mantenere viva e forte la tradizione oggi c’è Erminio Tortora, che dal 1987 ha legato il proprio nome con quello della Bmw Motorrad, con risultati straordinari: “Ho – racconta Tortora – sempre creduto nella forza del marchio tedesco e nella sue capacità di ascoltare e soddisfare i clienti. Uno dei segreti è la qualità del prodotto unita ad una forte fiducia nei confronti di chi spende la propria credibilità con gli appassionati. Altro aspetto importante è l’aver sempre mantenuto alti gli investimenti sul prodotto, cosa che i competitor non hanno fatto. Ciò ha portato alla creazione di un prodotto eccellente. In Bmw, in particolare, sono stati bravi a non rinnegare il passato e al tempo stesso a rinnovare e ampliare la gamma. Ho appena acquistato una Gs 80 Parigi-Dakar con oltre 150.000 chilometri all’attivo; bene la moto va ancora alla grande”. Uno degli ingredienti del successo della casa dell’elica è la capacità di creare una community, una sorta di grande famiglia che vive la propria passione non solo in sella: “Quando – spiega Erminio – puoi contare su un prodotto di qualità, è normale, poi, creare dei gruppi itineranti per il mondo. Il <Sistema Moto BMW> ancorché costoso, rappresenta un punto di forza ineguagliato. Non basta vendere le moto solo perché prestigiose, occorre che funzionino correttamente nelle mani di tutti, esperti o meno. Educare, poi, la clientela al rispetto dei piani di manutenzione è difficile, ma ripaga il cliente con l’efficienza del mezzo e la sua rivendibilità a buone quotazioni. L’utente Bmw tiene al logo anche per quanto riguarda il settore dell’abbigliamento tecnico, e si fida delle sue caratteristiche. E’ consapevole che dietro c’è un lavoro di sviluppo e ricerca volto ad ottenere capi pregevoli, in grado di durare nel tempo e garantire il massimo comfort”. Non solo i biemmevuisti salernitani si rivolgono alla Tortora Moto: “Ci sono – dice il primo dealer moto della città di San Matteo – utenti che provengono da tutte le province campane e non solo. A spingerli a noi, credo, siano la nostra disponibilità, competenza e professionalità. Sono sicuri che la loro Bmw riceverà le giuste cure e attenzioni”. Alla sede di Via Silvio Baratta 187 è possibile ammirare l’intera gamma: “Da noi – sottolinea Erminio – tra modelli nuovi ed usati, c’è una sorta d’itinerario storico da ammirare. Sulle novità che ci attendono dico solo che grossa attenzione c’è nel settore degli scooter”.

Mototurismo: il 14 ed il 15 l’appuntamento con “I Vesuviani”

Il 14 e 15 giugno la Campania diventa il centro del Motorurismo Nazionale, grazie al raduno “I Vesuviani”. L’evento organizzato dal moto club che ha dato il nome alla manifestazione, sarà, infatti, valido come seconda prova del Campionato Italiano Turismo e quinta del Trofeo Mototuristico Regionale Campania. Un appuntamento imperdibile, che presenta un programma volto alla scoperta ed al godimento di bellezze paesaggistiche, artistiche, culturali, musicali ed enogastronomiche che solo città come Napoli e San Giuseppe Vesuviano possono vantare. In qualità di delegato provinciale della Fmi nella terza città d’Italia, ho fatto visita alla sede dei Vesuviani ed ho conosciuto così uomini mossi da una forte passione per il motociclismo, in particolare per il turismo. Ecco i loro pensieri:

Michele Iovino (Presidente): “Posseggo una Bmw K1300 GT e con essa mi piace andare ai raduni, perché mi dà la possibilità di conoscere nuove persone. In moto la mente dimentica tutto e diventa tutt’uno con le ruote. Consiglio tutti a farci visita per ampliare il loro bagaglio di amicizia”.

Giuseppe Mifsud detto il “Maltese” (Vice-Presidente): Con la mia Honda Cbr 1100 XX ho girato tutta l’Italia, ma l’Umbria e la Sicilia le ho trovate incantevoli. La Campania è una regione bellissima, purtroppo con istituzioni locali poco attente alla promozione del mototurismo. Il programma del raduno di sabato e domenica è ricco di spunti interessanti”.

Michele D’Alessandro (Segretario): “Andare in moto svaga la mente e soprattutto libera l’anima. Cavalco una Ducati Multistrada 1200 e con lei ho vissuto tutti i raduni d’Italia, tant’è nel 2012, con il mio contributo e quello degli altri soci, abbiamo vinto quasi tutto quello che c’era da vincere tra campionato italiano, trofeo regionale e miglior motoraduno d’Italia. Inoltre siamo stati l’unico club a vincere il premio eccellenza. Personalmente vinsi anche il premio quale miglior conduttore nazionale. Il nostro raduno esalta il piacere del viaggiare in moto e punta sul coinvolgimento del mototurista a 360 gradi, per fargli ammirare al meglio le bellezze nostrane”.

Vincenzo Giugliano (Tesoriere): “Faccio turismo con una moto sportiva, una Bmw S1000RR. L’unico limite che ho rispetto agli altri soci è la capacità di carico dei bagagli limitata, anche se ho creato un sistema che mi permette di portare quasi tutto. Sabato e domenica faremo fruttare le nostre esperienze maturate in tanti anni di su e giù per l’Italia e abbiamo scelto location come il Vesuvio e Napoli che da soli valgono il viaggio”.

Maurizio Casalnuovo (Consigliere): “Anch’io come il tesoriere macino migliaia di chilometri su una super sportiva, la Suzuki Gsx-R 1000 K7. Amo la cavalleria pesante e al tempo stesso i bei paesaggi. Il nostro club ha avuto la fortuna di saper coltivare tante relazioni con le associazioni affiliate alla Fmi. In molti ci chiedono il massimo ed anche quest’anno faremo di tutto per non disattendere le loro aspettative”.

Corrado Massa (Presidente Mc Stabia): “Sarò tra i partecipanti di quello che sicuramente sarà un appuntamento piacevole. Come club di Castellammare di Stabia abbiamo deciso di non far mancare il nostro apporto amichevole e di presenze ad un gruppo di amici che da anni è il fiore ad occhiello del mototurismo campano”.