Bmw F850Gs: il nostro test

La Bmw continua a stupire con il modello F850 Gs, una due ruote snella, ben rifinita elegante e sportiva al tempo stesso.

Lo stile ricalca quello della sorellona, ma gli ingombri sono meno imponenti, anzi…Cattura subito lo sguardo la strumentazione TFT, che regala alla F850 Gs un tocco hi-tech. I dati tecnici dicono che il bicilindrico frontemarcia è di 853 cc che eroga una potenza di 95 cv ed una coppia di 92 Nm.

Le sospensioni si caratterizzano per la lunga escursione e all’anteriore c’è un cerchio da 21’’. L’impianto frenante è griffato Brembo ed al posteriore c’è il Dynamic ESA.

Grazie al dealer ufficiale a Napoli della casa tedesca, la Moto Shoop 2000, abbiamo saggiato questa rinnovata moto per le strade partenopee e della costiera sorrentina. Un mix di traffico, autostrada e curve dove abbiamo scoperto che è possibile rendere ancora più godibile un modello che faceva proprio della fruibilità la sua migliore arma.

In sella a questa Bmw si sta comodi ed i comandi sono tutti a portata di mano; il modello provato era dotato di quickshifter, dispositivo che consente di cambiare le marce senza l’ausilio della frizione e che è richiedibile come optional.

Il bicilindrico, un pizzico rumoroso, stupisce per come risponde ogni volta che è chiamato in causa. Sa essere dolce quando consente di trotterellare anche con una marcia alta ma all’occorrenza sa essere cattivo, quando il polso destro non vuol sentire di stare fermo.

Stupiscono anche la morbidezza della frizione e le mappature a disposizione che consentono di cucire la F 850 Gs in base all’abito che si vuol indossare. La ruota da 21’’ regala una maneggevolezza ed una direzionalità che tornano utile nel traffico cittadino e quando si vuol danzare ad alti ritmi tra le strade provinciali.

In autostrada la tenuta di strada è sempre al top ed il parabrezza protegge egregiamente se si è al di sotto della massima velocità consentita dal codice. Buoni i consumi che ci hanno detto quasi 20 chilometri percorsi con un litro di benzina.

Presso la Moto Shoop 2000 è possibile prenotare un test ride per scoprire in prima persona le qualità dinamiche e rimanere sorpresi dalle interessanti offerte per acquistare questa poliedrica Bmw.

La storia della Royal Enfield incontra la passione della DotoliM2

Grazie ad un aperitivo, ad Agnano si sono incontrati secoli di storia e passione motociclistica. Da un lato la famiglia Dotoli che da tre generazioni a Napoli è sinonimo di motori e dall’altro la Royal Enfield, un marchio che non ha bisogno di presentazioni.

Un aperitivo che ha visto presentare agli appassionati la gamma della casa fondata nel 1893, in particolare le bicilindriche Interceptor e Continental: “La Royal Enfield – racconta il padrone di casa Maurizio Dotolioltre ad essere una gloriosa casa, è un’azienda che negli ultimi anni vive una fase di modernizzazione e forte rilancio. Accanto, infatti, alla classica Bullet, dapprima l’Himalayan poi le nuove bicilindriche, hanno ampliato e reso ancora più appetibile le moto in catalogo. La sorpresa di quest’anno è senza dubbio la Himalayan, una tuttofare che fa della robustezza, della facilità e dell’affidabilità le sue migliori armi”.

Il 2019 sarà all’insegna del bicilindrico parallelo da 650 cc.: “Senza dubbio – spiega Dotolicon questi due modelli la Royal Enfield ha voluto fare un ulteriore passo in avanti per offrire dei prodotti maturi anche per i mercati più esigenti come quello italiano. In esse il vintage si fonde con il moderno che realmente serve per regalare emozioni sia alla vista sia quando si è in sella. Da poco la DotoliM2 è diventata dealer ufficiale e presso la nostra sede di Agnano, alla Via Pisciarelli n° 69, è possibile ammirare dal vivo e chiedere di effettuare un test ride”.