Royal Enfield Interceptor: la prova di Maurizio Dotoli

Royal Enfield, con il nuovo motore bicilindrico da 650 cc, ha deciso di giocare sempre di più nel ruolo di player mondiale del motociclismo.

Con l’Interceptor e la Continental, si cimenta in un settore dove al design occorre abbinare la qualità.

Maurizio Dotoli, dealer ufficiale a Napoli dello storico marchio, ci racconta le impressioni vissute in sella alla Interceptor, un modello classico in salsa moderna: “E’ – spiega – una moto studiata in Inghilterra. Il telaio, ad esempio, è stato creato dalla Harry Performance. Prima di essere commercializzata, in Royal Enfield hanno curato ogni dettaglio di queste moto, perché si giocano molto della credibilità utile per diventare un player mondiale credibile. E’ un prodotto fedele al passato della casa. I carter sono ben rifiniti e sono in alluminio, ha 6 marce, 8 valvole e la frizione antisaltellamento di serie. In sella la trovo rilassante, piacevolissima, equilibrata grazie alla ciclistica ben bilanciata. Facile da guidare ha una buona frenata ed un cambio fantastico, il tutto ad un livello di prezzo incredibile. La lista accessori, poi, è molto interessante. Sono convinto che il connubio DotoliM2 e Royal Enfield farà molto bene. Vi aspettiamo nella nostra sede di Via Pisciarelli n° 69 ad Agnano, per farvi provare questa interessante e bella moto”.

Mercato, vendite: a febbraio crescono a due cifre sia gli scooter che le moto

Il mese di febbraio totalizza 16.020 immatricolazioni (veicoli superiori a 50cc), pari al +20% rispetto allo stesso mese del 2018. Sono gli scooter a trascinare verso l’alto le vendite con 8.181 unità immatricolate e un consistente +30,3%, mentre le moto con 7.839 pezzi venduti ottengono un buon +10,9%. Le vendite dei “cinquantini” registrano un lieve decremento, con 1.093 registrazioni pari a un -1,8%. Il mese di febbraio pesa in media il 6% del totale anno.

Il primo bimestre del 2019 conferma gli indicatori positivi dell’immatricolato e con 29.597 veicoli risulta in crescita di un +12,1%. In particolare sono gli scooter che con 15.150 vendite e un +15%, guadagnano più punti in percentuale; il comparto moto mostra un andamento più comunque positivo con 14.447 veicoli immatricolati pari al +9,3%. I veicoli 50cc nei primi due mesi del 2019 sviluppano un po’ meno volumi dell’anno scorso con 2.283 veicoli e un -1,8%.

“Il nostro mercato – dichiara Andrea Dell’Orto, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) – continua a mostrare numeri positivi, nonostante un quadro economico che volge in negativo, soprattutto in termini di previsioni per il secondo semestre dell’anno. Speriamo che l’intero settore dell’automotive si riprenda, ma intanto si sottolinea la vitalità delle 2 ruote che continuano un percorso virtuoso. È interessante rilevare come entrambi i segmenti scooter e moto sono in progresso, ciò significa che aumenta la sensibilità verso una mobilità sostenibile che lo scooter interpreta pienamente, ma nello stesso tempo si alimenta la passione per le moto”.

“Siamo in attesa che diventino pienamente operativi gli incentivi per le 2 ruote elettriche che – ha aggiunto Dell’Orto -, seppure rappresentino ancora una nicchia, mostrano una notevole potenzialità di crescita. Ricordiamo infine anche le aspettative nei confronti della riforma del Codice della Strada, che può venire incontro alle esigenze degli 8.600.000 utenti delle 2 ruote, sbloccando numerose questioni rilevanti sulle quali l’associazione sta lavorando da tempo”.

Dall’analisi per cilindrata delle immatricolazioni di scooter (over 50cc) emerge un exploit degli scooter del segmento 300-500cc che da soli valgono il 40% del mercato, con 6.206 unità immatricolate e un +44,2%, seguiti da vicino dai 125cc con 5.490 pezzi e un +17,3%; gli scooter da 150 fino a 250cc con 2.500 vendite scendono del -11,9%. Forte flessione per i maxiscooter oltre 500cc, con 954 unità e un -29,5%.

Nelle moto confermano la leadership le oltre 1000cc con 4.245 vendite pari al +7,3%. Le moto tra 800 e 1000cc a seguire hanno venduto 3.844 pezzi con un significativo +25,7%. Le moto da 300 a 500cc con 2.583 unità ottengono un +3,2%. Le medie cilindrate tra 600 e 750cc con 1.722 moto registrano un -1,4%. Soddisfacente la crescita delle 125cc con 1.588 unità e un +13,7%. Infine si rilevano 465 pezzi e un -17,1% per le 150-250cc.

Il segmento principale della moto vede ancora le enduro stradali al primo posto con 5.771 unità in progresso del +15,1%. Le naked pur in crescita sono al secondo posto con 4.626 pezzi e segnano un +6,4%; seguono le moto da turismo, con 1.828 immatricolazioni e un +10,9%; flettono le custom con 735 unità pari al -9,5%; sostanzialmente stabili le sportive con 696 pezzi crescono di un +1%; infine le supermotard sono in ripresa con 524 moto pari al +16,7%.

Royal Enfield Himalayan: una piacevole sorpresa

In vendita da poco più di un anno, la Royal Enfield Himalayan è diventata subito una delle moto più apprezzate della casa di Chennai.

Le sue qualità unite ad un prezzo davvero contenuto, sono le frecce che hanno colpito i cuori di molti appassionati.

I dati tecnici parlano di un monocilindrico raffreddato ad aria e olio di 411 cc., potente 25 cavalli, dotato di 5 marce ed una coppia d 3 Kgm.

All’anteriore troviamo un cerchio di 21 pollici con un freno a disco, al posteriore un cerchio da 17 pollici, sempre con un freno a disco.

Grazie alla DotoliM2 di Napoli, abbiamo avuto modo di scoprire le sue caratteristiche.

La moto è snella ed in sella la posizione è davvero comoda, anche per chi è alto quasi 1,90 cm. Il manubrio largo aiuta ad avere tutto sotto controllo. Le finiture, nonostante il prezzo contenuto, sono più che discrete.

Il motore, nel traffico cittadino, si apprezza per la fluidità e per il temperamento docile; per districarsi non occorre usare molto il cambio. Se non fosse per l’indicatore presente sul cruscotto, è difficile capire se si viaggia in seconda o in terza marcia; l’elasticità è impressionante. Le sospensioni lavorano egregiamente anche quando, improvvisamente, l’asfalto o scompare o diventa un campo di patate.

Sui tratti extraurbani, specie quelli di montagna, l’Himalayn sorprende per come riesce a tenere ritmi abbastanza elevati, nonostante una cavalleria non da moto sportiva. La tenuta di strada è buona, mentre l’ABS è poco invasivo.

L’autostrada non è proprio l’habitat naturale di questa Royal Enfield. Se la velocità di crociera è di 100 Km/h, la moto è comoda, stabile e le vibrazioni non danno fastidio. A questa andatura si gode, poi, anche il paesaggio; insomma non serve spingersi al limite della velocità del codice della strada. L’Himalayan è in grado di portarvi ovunque, anche con il passeggero e le borse piene, ma alla giusta andatura.

Abbiamo avuto modo di testarla anche su uno sterrato poco impegnativo; anche lì questa Royal Enfield sorprende positivamente.

L’unico neo è l’impianto frenante, perché la leva è un po’ spugnosa; una volta fatta l’abitudine, tutto scorre bene.

Per finire un dato che ha dell’incredibile: vi sfidiamo a percorrere meno di 100 chilometri con 5 euro di benzina; quasi impossibile!

Chi vuole testare in prima persona l’Himalayan, può farlo alla DotoliM2, presso la sede di Via Pisciarelli n° 69; lì, poi, sarà possibile scoprire interessanti promozioni non solo sul nuovo ma anche sugli accessori, in grado di trasformare questa moto in una vera e propria globetrotter.