Aprilia Dorsoduro 900: equilibrio italiano

Nel paese dei balocchi della DotoliM2 è arrivato un giocattolo molto ma molto divertente, l’Aprilia Dorsoduro 900.
Una moto italiana con il DNA tipico delle realizzazioni italiane, che può essere utilizzata tutti i giorni, sia per il commuter urbano sia per divertirsi tra i tornanti di montagna nel fine settimana.
I numeri dicono che il bicilindrico sprigiona 95,2 CV a 8.750 giri, con una coppia di 90 Nm a 6.500 giri; dati che si traducono in un’erogazione ricca di personalità.
L’elettronica del motore è gestita dalla nuova centralina Magneti Marelli 7SM, che dialoga con il sistema d’accelerazione full ride by wire, migliorato nella risposta per esaltare ancora di più il piacere di guida.
Presenta 3 diversi riding mode, che modificano radicalmente il comportamento della Dorsoduro: Rain, Urban e Sport.
La forcella Kayaba è a steli rovesciati da 41 mm ed è regolabile sia nel precarico della molla sia nell’estensione idraulica. Il mono ammortizzatore è griffato Sachs ed è in posizione laterale; consente regolazioni per il precarico della molla e la estensione.
Il telaio è di tipo ibrido, con un traliccio di tubi d’acciaio per la parte superiore, mentre per la parte centrale sono utilizzate due piastre d’alluminio.
Questo è il giudizio di Maurizio Dotoli, dealer ufficiale a Napoli della casa di Noale: “A differenza dei competitor, ha 2 anime perché ai bassi regimi non strappa e non è nervosa ma in alto ha una gran castagna. Molto dotata tecnicamente, ha tutte le ultime diavolerie elettroniche. Personalmente trovo molto bello il dashboard. La dotazione ciclistica è di primo rodine, vedi anche le pinze ad attacco radiale. Con una componentistica da top level, il rapporto prezzo qualità è ottimo, poiché ci vogliono 9.590 euro più le spese di immatricolazione. Ad ottobre c’è uno sconto di 500 euro sul listino e c’è una campagna che prevede finanziamenti agevolati. Dinamicamente è maneggevole e docile; nella mappa rain si cammina tipo passeggiata ma nella sport diventa un animaluccio cattivissimo. E’ un progetto maturo il 900, poichè abbina le caratteristiche migliori del 750 e del 1200. E’ una tuttofare con il look della motard. Nella sede di Via Piasciarelli n° 69 della DotoliM2 c’è la possibilità di fare un test ride. Sono convinto che vi stupirà!”.