BSA Spitfire Mark IV: una meraviglia alla Dotoli M2

L’ultima meraviglia dell’atelier di Maurizio Dotoli si chiama BSA Spitfire Mark IV.

Una meraviglia che abbiamo “saggiato” per le strade partenopee: “Bsa – spiega Dotoli sta per Birmingham Small Arms Company ed è un marchio inglese di grande fascino e tradizione. Da industria di armi leggere è diventata nel corso degli anni e fino al 1973, interessante e prolifico produttore di due ruote del dopo guerra. Nel suo arco era possibile trovare frecce che andavano dalle piccole cilindrate fino al 3 cilindri della Rocket III”.

Sipifire Mark IV, una vera Sbk degli anni ‘60: “La moto oggetto del test – sottolinea Maurizio – annovera una componentistica che la facevano una moto molto ambita perché si trattava di una vera moto da corsa da utilizzare sulle strade di tutti i giorni. I cerchi in alluminio con spalla alta della Borrani come le leve in alluminio sono particolari che facevano e fanno la differenza. Il serbatoio di piccola capacità, i parafanghi cromati dalle forme tonde ed il manubrio alto le conferiscono un look molto sbarazzino. Fosse stata prodotta oggi sarebbe stata inquadrata nella categoria delle brucia semafori”.

Alla Dotoli M2 di Agnano è possibile acquistare così come restaurare meraviglie come questa: “L’esemplare in prova – afferma Dotoliè stato completamente restaurato presso la nostra officina di Via Pisciarelli n° 69. Ci occupiamo, in particolare della vendita e del restauro di auto e moto d’epoca. Se amate queste meraviglie, venite a farci visita per vederne delle altre”.

Una Special speciale…..

Le Moto Guzzi sono, da sempre, delle ottime basi dalle quali partire per la realizzazione di fantastiche special.

 

Quella che abbiamo provato ultimamente tra le strade di Napoli è il frutto della fantasia tecnica ed estetica della Dotoli M2 applicata ad un modello G5: “Anche se – racconta Maurizio Dotolinon amo modificare delle moto d’epoca, questa volta sono stato spinto dal fatto che chi mi ha venduto la moto, un guzzista italo-americano, l’aveva già trasformata irreversibilmente. Praticamente aveva installato degli scarichi Hyper della Bub Usa, modificato lo spessore della coppa dell’olio con filtro esterno, montato all’anteriore delle pinze Brembo serie oro con quattro pistoni, sostituito la frizione ed il volano con quelle della Le Mans, trattato le canne dei cilindri al Nikasil, installato ammortizzatori posteriori DEBA e messo dei carburatori PHF 30 con pompetta di ripresa. Così ho deciso di proseguire in quest’opera di customizzazione ed ho sostituito il serbatoio, la sella, il parafango posteriore ed i fianchetti, con quelli della V7 Stone moderna. I Cerchi, poi, sono stati verniciati di nero, mentre la frizione è ora una monodisco alleggerita. Ho eliminato la frenata integrale mentre le teste hanno subito un processo di groffatura di colore rosso. Il progetto non può considerarsi ancora concluso, perché questa moto è un laboratorio di idee da mettere in pratica. Ad esempio, ho già in mente di intervenire sulla zona del cupolino e della strumentazione, per renderla ancora più snella e sportiva”.

 

Dinamicamente questa special è una incantevole sorpresa: “Il look – spiega Dotoliè molto apprezzato così come apprezzabili sono le sensazioni che regala quando si spalanca il gas. Molto divertente ed agile, ha nella coppia il suo asso nella manica. La ciclistica, poi, asseconda i pruriti sportivi quando di fronte c’è una bella strada di montagna. Insomma è una due ruote che pur rimanendo nel solco della tradizione Moto Guzzi, cerca di fondere il fascino vintage con quello moderno”.

Successo per l’Aperibiker in onore dei 50 anni della Moto Guzzi V7

Buona partecipazione di pubblico per l’Aperibiker organizzato dalla Dotoli M2, CRN, You Biker, Magi Mare e le sezioni di Pozzuoli del C.O.N.I. e dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato. Leitmotiv della serata è stato il cinquantesimo anniversario della Moto Guzzi V7 ed a catalizzare l’attenzione di tutti gli appassionati sono state le due V7, una del 1967 l’altra di quest’anno.

 

Moto affascinanti, che rappresentano lo sviluppo avuto nel motociclismo negli ultimi cinque decenni: “E’ stata – racconta Maurizio Dotoliuna piacevole serata che ha registrato una buona partecipazione di pubblico. Bello l’accostamento tra realizzazioni classiche e moderne, un salto tra passato e presente che lascia ampio spazio all’immaginazione su quello che sarà il futuro. Si vede che c’è stato un cambiamento, pur nel solco della tradizione, dell’immagine del prodotto. Prima la V7 era il punto di arrivo, il top di gamma; oggi è l’entry level dall’estetica immortale. Moto Guzzi è senza dubbio l’emblema del Made in Italy nelle due ruote. Eventi come questo, frutto della collaborazione tra diverse realtà degli addetti ai lavori, consentono di raggiungere un’ampia fascia di appassionati. Va detto che oltre alle due V7, hanno raccolto critiche positive anche gli altri prodotti della gamma Moto Guzzi”.

Il Circolo CAEM-Lodovico Scarfiotti ha organizzato una seduta d’omologazione per moto d’epoca

Il Circolo CAEM-Lodovico Scarfiotti ha organizzato una seduta d’omologazione per moto d’epoca per il rilascio della carta d’identità ASI, presso la sede di Cabi Gomme in Via Cristoforo Colombo, 43/49. Le operazioni inizieranno alle ore 8,30 e si protrarranno per tutta la mattinata. Sono attesi una trentina di mezzi recuperati e restaurati nello spirito culturale di preservare il patrimonio motoristico italiano ed estero, rispettandone l’originalità. I documenti che l’Automotoclub Storico Italiano rilascia, oltre a documentare lo stato di conservazione, sono un valore aggiunto per il possessore di un mezzo d’epoca. Il CAEM-Lodovico Scarfiotti è uno dei pochi Club delle Marche che gestisce nel suo calendario omologazioni di auto e di moto. Lo staff organizzatore sta intanto definendo i dettagli della manifestazione motociclistica rievocativa “Circuito del Chienti e Potenza”, giunta alla 21^ edizione, che si svolgerà nei giorni 2-3 settembre, un evento che nel tempo ha acquisito grande prestigio. La gara originale, che si disputava negli anni Venti, collegava Tolentino, Serrapetrona e San Severino Marche, un impegnativo circuito su strade sterrate che aveva validità per il Campionato Italiano e venne disputato dai più grandi campioni delle due ruote del tempo.

Il restauro di due Triumph Bonneville raccontato da Maurizio Dotoli

Bonneville è per i centauri un nome che rimanda alla mitologia motociclistica quando i cavalieri cavalcavano creature metalliche in grado di far sognare al solo guardarle.

Alla Dotoli è possibile ammirare due destrieri d’epoca, fiammanti nelle loro finiture, pronti ad offrire oggi le sensazioni di oltre quarant’anni fa.

Due Triumph Bonneville degne d’essere esposte al British Museum: “Effettivamente – spiega Maurizio Dotolila Bonneville è un’icona della casa inglese, un nome conosciuto in tutto il mondo. Nata negli anni cinquanta, ancora oggi è in produzione e ciò è incredibile! Ha una storia che rappresenta al meglio lo spirito inglese delle due ruote, fatto di eleganza e cura dei dettagli che privilegiano la guidabilità e l’armonia. Un mix perfetto di forme, tecnica e piacere di guida. Di recente abbiamo avuto modo di restaurare due versioni America, con serbatoio piccolo, una del ’68 ed un’altra del ‘70”.

Il restauro è un’arte che alla Dotoli trova il suo habitat naturale: “E’ importante – sottolinea Maurizio – far capire la qualità degli interventi e cosa c’è dietro la realizzazione degli stessi. Lo studio che viene svolto prima di operare è fondamentale. Occorre tenere a mente, ad esempio, il mercato al quale era destinata la moto, per poter meglio ripristinare le caratteristiche d’origine. La qualità è un qualcosa che non dovrebbe mai mancare, specie se si ha la fortuna di possedere modelli di un certo prestigio. E’ come far indossare ad una nobildonna un abito borghese; si può fare, ma così si snatura il tutto. Va detto che oggi, purtroppo, c’è la tendenza al sovra restauro, con, ad esempio, un eccesso di cromature che non rispettano l’originalità. Mentre restauriamo, cerchiamo di migliorare alcune qualità meccaniche, per evitare alcune fastidiose problematiche, come i trafilaggi d’olio. Queste due Triumph sono in vendita presso il nostro showroom di Via Pisciarelli n° 69 ad Agnano e sono solo alcune delle testimonianze storiche che abbiamo in esposizione”.

https://www.facebook.com/pg/iltabloidmotori/photos/?tab=album&album_id=1851556161797134

Le novità della Sidecar Napoli

Alla Sidecar Napoli sono sempre all’opera per rendere la vita ancora più facile ed emozionante a chi ama guidare un sidecar. Il genio di Pippo e Michele Uglietti questa volta si è concentrato sull’impianto elettrico, per trasformare quello malandato e obsoleto di serie, in uno più affidabile e moderno: “Abbiamo – spiega il tecnico Pippo Uglietti – allacciato una collaborazione con un’azienda leader nella costruzione di sistemi d’accensione elettronici. Questo ci permette di poter modificare i vecchi modelli della Ural, Bmw e Zundapp, eliminando le punte platinate a favore di un’accensione elettronica. Qualcuno potrà storcere il naso, ma il guadagno in termini di affidabilità è notevole”. Con la stagione calda non solo sale la temperatura ma anche la voglia di macinare chilometri: “Prima – dice Pippo – d’intraprendere un viaggio, sarebbe opportuno effettuare un tagliando. Per il sidecar è importante un accurato controllo del serraggio degli agganci ed ancoraggi. La nostra esperienza sessantennale è al servizio degli appassionati del genere per la cura e manutenzione delle loro amate motocarrozzelle”. Si amplia la gamma dei servizi offerti dalla Sidecar Napoli: “Dalla – elenca Uglietti – consulenza stradale a quella legale, dall’iscrizione ai registri storici alla nazionalizzazione dei veicoli provenienti dall’estero, offriamo le giuste risposte. E’ possibile anche stipulare polizze assicurative per i veicoli storici. Chi ha voglia di scoprire le nostre offerte, può farlo visitando il nostro sito www.sidecarnapoli.com”.