Abbigliamento tecnico, You Biker: vincere la sfida del freddo

I centauri si distinguono in due categorie: quelli che vanno in moto da aprile a settembre e quelli che usano la moto o lo scooter tutto l’anno.

Quest’ultima categoria è quella che in questi giorni di primo freddo è alla ricerca di capi d’abbigliamento adatti a rendere i tragitti quotidiani in sella più confortevoli e sicuri.

Alla You Biker di Napoli alla Via E. Scarfoglio 4/a è possibile trovare i giusti capi tecnici per vivere la moto 365 giorni l’anno: “Il freddo – spiega la store manager Antonella Reaè il principale nemico di chi ha bisogno di spostarsi con agilità e rapidamente in città o vuole viaggiare nei fine settimana. Mani e gambe sono i punti più esposti alle sue insidie e pertanto un buon paio di guanti antipioggia, insieme ad un buon pantalone con protezioni devono necessariamente essere presenti nell’armadio. Importante è anche il sottocasco, poiché consente una miglior difesa dal gelo; il freddo è in grado di insinuarsi sotto al caso e raggiungere la testa facilmente. Torna utile anche sotto la pioggia. Se la giacca è un capo irrinunciabile, lo dovrà essere anche la maglia intima termica. Quelle della Dainese che vendiamo sono traspiranti, hanno un contatto morbido e comodo con la pelle ed isolano ottimamente dal freddo e dal vento. A proposito di giacca invernale; guai a osservare solo l’estetica del prodotto. Sempre della Dainese, offriamo dei modelli che allo stile sportivo o classico abbinano il massimo in termini di sicurezza qualora qualcosa andasse storto. Inoltre sono in grado di riparare dal freddo e dalla pioggia. Offriamo modelli sia in pelle sia in tessuto. Quelle in pelle sono solide contro lo sfregamento con l’asfalto ed hanno una buona resistenza all’usura. Tra i difetti c’è che, rispetto a quelle in tessuto, non sono proprio la migliore soluzione in caso di pioggia. Quelle in tessuto sono più confortevoli e sono più efficaci contro il vento ed il gelo. Tutto sommato la pelle è più sicura in caso di scivolata mentre il tessuto è più indicato per un utilizzo per andare al lavoro o girare in città. Infine ci sono i caschi. Tra Agv, Arai e Scorpion, da noi c’è l’imbarazzo della scelta. Sono il meglio per chi è alla ricerca di un casco sicuro, comodo e dal design giusto”.

TCX lancia la gamma underwear traspirante per i motociclisti: il caldo non è più un problema

I capi che TCX ha lanciato sono estremamente leggeri e traspiranti, sono ideali per l’attività fisica intensa, in presenza di alte temperature. Le aree funzionali integrate assicurano un efficace gestione della sudorazione e migliorano la ventilazione mantenendo il corpo fresco e asciutto.

La linea si compone di:

  • T-shirt ultra light
  • Sotto tuta RacePower

Adatte a tutte le stagioni, anche le calze tecniche TCX rappresentano l’ideale complemento alla gamma di stivali da motociclismo; sono realizzate con fibra di polipropilene, progettate per offrire a motociclisti e sportivi in genere un fitting perfetto ed una maggiore traspirabilità. Le zone di compressione sono state appositamente studiate per aumentare il comfort di calzata.

La collezione si compone di due tipologie di calza, una “ON-OFF”, per chi pratica turismo su strada ed off road, e uno “RACING” adatto all’uso con stivali più sportivi, anche su pista, dove è necessario raggiungere un livello di performance al top.

I prodotti TCX traspiranti

T-Shirt Ultra Light

Unisex, ergonomica e priva di cuciture, progettata per la stagione estiva.
La speciale architettura di questo capo crea una vera e propria “griglia” nei punti di maggior traspirazione – torace e schiena – in grado di incanalare e massimizzare il flusso d’aria, evitando il surriscaldamento e mantenendo costante la temperatura del corpo. La particolare struttura e l’utilizzo di una combinazione di microfibre e della fibra di carbonio, rendono questo capo super-traspirante, fresco, leggero e indeformabile, assicurando un fit perfetto, una compressione muscolare ideale ed alte prestazioni anche nei climi più torridi.

Colore: Nero
Taglie: XS-S | M-L | XL-XXL
Composizione: Microfibra di Polipropilene Dryarn® 55% – Microfibra poliammidica 28% – EA Creora 10%- Carbonio 7%

Sottotuta Race Power Ultra Light

Sotto tuta integrale super leggero progettato con la tecnologia Carbon Underwear. La composizione del tessuto e la trama leggera sono studiate per l’uso durante la stagione calda, in presenza di afa e maggiori livelli di umidità. Il capo permette di mantenere una corretta temperatura corporea, trasportando il sudore e il calore all’esterno, senza assorbirlo. Il risultato è una piacevole sensazione di asciutto e freschezza sulla pelle. Questo capo offre un elevato confort di vestibilità, facilita l’indosso della tuta in pelle prevenendo dalla fastidiosa sensazione di sfregamento dei capi esterni durante l’attività fisica.

Colore: Nero
Taglie: XS-S | M-L | XL-XXL
Composizione: Microfibra di Polipropilene Dryarn® 53% – Microfibra poliammidica 29% – EA Creora 11%- Carbonio 7%

Functional Motorcycle Socks

Calza Racing

Realizzate in sottile filato di polipropilene, offrono comfort e traspirabilità per il piede all’interno
dello stivale. La costruzione agevola la migrazione del sudore all’esterno della calza, mantenendo il piede sempre asciutto e ottimizzando la sensibilità dello stesso sulla calzatura. L’ordito è a compressione differenziata, per cui non risulta ingombrante e ha un leggero effetto tonico sulla muscolatura della gamba. Speciali imbottiture sul piede e nella zona del malleolo preservano piede e gamba da fastidiose abrasioni nella guida impegnata,

garantendo così un comfort assoluto all’estremità inferiore del pilota.

Colore: Nero
Taglie: 38-40 | 41-43 | 44-46 | 47-49
Composizione: Microfibra di Polipropilene Dryarn® 52% – Microfibra poliammidica 33% – EA Creora 15%

Calza On-Off

La calza tecnica TCX destinata all’uso ON-OFF è stata pensata per ottimizzare il comfort e la
sensibilità del pilota equipaggiato di stivali tecnici da turismo o fuoristrada. Il filato di polipropilene
ha caratteristiche elevate di traspirabilità ed è in grado di allontanare velocemente il sudore dalla
pianta del piede
. La calza ha un gambale alto e un’ampia zona elasticizzata sul polpaccio, che
garantisce stabilità alla calza evitando eccessive compressioni del muscolo. Per evitare fastidiose
abrasioni, inoltre, la calza ha ampie imbottiture nelle zone della tibia, del malleolo e lungo il
polpaccio stesso. Il particolare ordito a compressione differenziata, infine, rende l’uso della calza
confortevole anche dopo molte ore di utilizzo e offre un leggero effetto tonico sulla muscolatura del
polpaccio.

Nero
Taglie: 38-40 |41-43 | 44-46| 47-49
Composizione: Microfibra di Polipropilene Dryarn® 62% – Microfibra poliammidica 22% – EA Creora 16%.

Abbigliamento moto: meglio cambiarlo per ogni stagione?

Sono purtroppo ancora molti i motociclisti che ogni giorno affrontano la strada senza il corretto
abbigliamento di sicurezza, non solo in Italia ma anche nel resto d’Europa. È anche per questo c
he il numero di feriti gravi tra i motociclisti rimane ancora altissimo, anche se sono disponibili
in commercio protezioni valide, che eviterebbero buona parte dei danni. Le leggi di molti Paesi
europei inoltre non obbligano i centauri ad utilizzare tutte le protezioni oggi disponibili, cosa
che complica ulteriormente la situazione.

La scelta dell’ abbigliamento moto

Quando si decide di acquistare una motocicletta, da utilizzare ogni giorno o anche solo saltuariamente, si dovrebbe subito considerare anche l’acquisto di abbigliamento adeguato. Non si tratta infatti solo di poter indossare abiti confortevoli, ma anche di incidere in modo importante sulla sicurezza personale. Infatti è indubbio che l’utilizzo di un abbigliamento idoneo sia la chiave per una minore incidenza di ferite gravi tra chi circola in motocicletta. Oggi sono disponibili in commercio vari modelli di abbigliamento per motocicletta, molti dei quali sono perfetti per un utilizzo quotidiano, consentendo di muoversi in massima libertà. La scelta comunque dovrebbe sempre cadere su capi multifunzione, da poter utilizzare per tutto l’arco dell’anno.

Ad esempio molti motociclisti prediligono le giacche e i pantaloni con imbottitura asportabile, questo consente di avere a disposizione abbigliamento da utilizzare sia durante i mesi freddi, sia nel periodo estivo, senza soffrire in modo eccessivo per il caldo. Lo stesso si può fare anche per altri capi di abbigliamento, come le classiche tute, in pelle o in materiale sintetico.

Guanti e calzature

Tra l’abbigliamento tecnico per motocicletta un posto importante lo occupano anche i guanti e gli stivali. Il guanto protegge al meglio la mano dalle intemperie e da eventuali urti, inoltre consente, se scelto del giusto modello, di muovere in modo adeguato e preciso le dita, per ottenere il massimo controllo di guida. Per quanto riguarda gli stivali invece l’importante è il grip che ci forniscono sull’asfalto, considerando soprattutto le fasi in cui si deve sostenere il peso dell’intera motocicletta. In genere molti centauri preferiscono avere a disposizione un singolo modello di guanti e di stivali, da utilizzare per tutto l’arco dell’anno. Si deve però sempre pensare che nel nostro Paese le condizioni climatiche nelle varie stagioni sono soggette ad una variabilità estrema. Per questo può essere fondamentale avere a disposizione diverse paia di stivali, da cambiare secondo il periodo dell’anno, e lo stesso si può dire per i guanti.

Se il costo di questi accessori può sembrare eccessivo, si può valutare di acquistare guanti moto invernali online, in modo da approfittare delle tante offerte presenti sui siti dedicati all’abbigliamento per motocicletta. In estate utilizzeremo guanti protettivi, ma privi di imbottitura e molto leggeri; nei mesi freddo invece è meglio preferire guanti a prova di freddo, per poter guidare con la massima sicurezza anche dopo varie ore di viaggio con temperature particolarmente rigide.

Accessori per l’inverno

Sono molti i motociclisti che preferiscono utilizzare il loro mezzo solo durante la bella stagione. Chi invece viaggia anche in inverno sa che non è solo il freddo l’insidia da affrontare, ma anche il vento causato dalla marcia della moto. Il vento si insinua nelle fessure, sotto il casco, attraverso il colletto della giacca o dall’apertura del polso. Quando le temperature sono molto rigide oltre al classico abbigliamento tecnico è importante indossare anche dei capi che permettano di fermare il vento. Sono disponibili scalda collo in seta o in tessuto antivento, o anche veri e propri passamontagna, da indossare sotto il casco. A volte anche l’intimo termico può fare la differenza, proteggendo l’intero corpo dai rigori invernali.

Briganti: il casco

Alla Mototecnica Isaia di Napoli la sicurezza in moto si abbina alla moda mentre si fonde con la storia. Grazie, infatti, al casco “Briganti”, è possibile avere un capo tecnico sicuro, bello da vedere che testimonia il passato glorioso delle terre meridionali.

 

Mario De Crescenzio ci svela come è nata l’idea di questo interessante casco: “Nonostante – sottolinea – per più di 700 anni il Sud sia stato un’unica nazione con un percorso storico invidiabile, da 150 anni questo ci viene negato. Questo passato dovrebbe farci inorgoglire ed invece ci viene fatto pesare ed è un qualcosa che ci hanno tolto con la nascita di questa Italia. Sono fiero della mia terra e di ciò che è stata, così mentre vedevo tanti caschi con la bandiera italiana, mi è venuto in mente che è l’ora di scoprire le nostre radici e la nostra identità anche mentre si indossa un casco. Intuizione che ha avuto l’avallo anche dell’associazione <Briganti>, che ha come scopi il ripristino della verità storica di quella che è stata davvero l’unità d’Italia, e mettere in risalto le eccellenze meridionali”.

Il termine brigante viene associato ad un qualcosa di negativo, invece: “I Briganti –spiega il manager della Mototecnica Isaiali hanno fatto passare per dei banditi e degli straccioni; in realtà erano i partigiani della loro terra, che una volta resosi conto delle illusioni e delle promesse fatte dallo stato italiano, si sono ribellati. Hanno fatto una guerra che è durata più di 10 anni, dove sono morte centinaia di migliaia di morti. Si chiamano briganti ma in realtà, ripeto, sono stati i primi partigiani della nostra terra. Il casco serve anche per ristabilire un qualcosa che ci appartiene e che ci è stato negato con l’unità d’Italia e con la narrazione di una storia falsa. Questo mi rende doppiamente fiero sia per la mia identità sia per l’aver realizzato un capo tecnico che esalta i valori del Sud”.