Quando cambiare le gomme auto: tutto ciò che devi sapere

La salute degli pneumatici è un aspetto a dir poco fondamentale per ogni veicolo. È quindi di cruciale importanza conoscere quando è necessario cambiare le gomme alla propria auto, sia a causa di un danno sia alla semplice usura, ma soprattutto anche in base alle normative vigenti.

Quando cambiare gomme auto

Iniziamo col dire che i pneumatici devono essere controllati da un esperto ogni 15 mila chilometri circa. Questo perché a un occhio non allenato potrebbe sfuggire un’usura anomala, ma grazie agli strumenti utilizzati dai gommisti specializzati è possibile verificare al millimetro lo stato del battistrada che, per legge, deve avere una scanalatura minima di 1,6 mm.

Sarà quindi il vostro gommista di fiducia a dirvi se i pneumatici sono da sostituire o basta semplicemente scambiare di posto quelli anteriori con quelli inferiori (quando possibile) per regolarizzarne l’usura.

Un aspetto da tenere particolarmente in considerazione è la pressione delle gomme. Pneumatici troppo sgonfi avranno un’usura molto irregolare e ampia, il rischio correlato è quello della foratura; allo stesso tempo, pneumatici troppo gonfi portano a una usura anomala localizzata al centro esatto del battistrada che porta alla riduzione accelerata dell’aderenza del veicolo.

Potrebbe interessarti anche: Pneumatici invernali

Ogni quanto cambiare gomme auto

Per sapere ogni quanto cambiare le gomme auto dobbiamo analizzare l’utilizzo che si fa dell’auto: quanti chilometri vengono percorsi in media in un anno e quali tipologie di strade vengono percorse maggiormente, sono questi i due fattori principali che concorrono all’usura degli pneumatici.

Chi usa l’auto per lavoro e percorre lunghe distanze tutti i giorni su strade non accidentate dovrebbe far controllare le gomme almeno una volta l’anno o ancor meglio, come accennato in precedenza, al raggiungimento dei 15 mila chilometri. Escludendo i casi eccezionali, un treno di gomme con utilizzo regolare dovrebbe essere sostituito al superamento dei 40 mila chilometri per garantire la massima resa del veicolo.

Chi utilizza l’auto nel tempo libero e non percorre più di 5/10 mila chilometri in un anno potrebbe tranquillamente effettuare un controllo ogni due anni in occasione della revisione; sarebbe però più sicuro effettuare un controllo annuale della pressione delle gomme, soprattutto perché utilizzando la macchina solo nel tempo libero magari lasciandola ferma per molti giorni potrebbe influire fortemente sullo stato di salute degli pneumatici.

Per sapere invece quando cambiare i pneumatici invernali con quelli estivi e viceversa dobbiamo affidarci alla normativa vigente: l’articolo n.6 del Codice della Strada introdotto dalla legge n.120 del 29 luglio 2010. È necessario montare le gomme invernali entro e non oltre il 15 novembre mentre per quanto riguarda le gomme estive, la data limite per il montaggio è fissata per il 15 aprile.

Quanto costa cambiare gomme auto

Nel caso in cui siate in possesso dei nuovi pneumatici, il costo per la sola sostituzione varia dai 10 ai 20 euro per pneumatico; dovendo invece acquistare in sede le gomme il costo si alza e varia di molto in base alla marca e modello del veicolo in questione.

Di solito i gommisti propongono anche lo stoccaggio degli pneumatici, ovvero la conservazione in magazzino in attesa della prossima stagione, se volete avvalervi di questo servizio sappiate che ha un costo medio di 20 euro per pneumatico, ma non è escluso che il vostro gommista di fiducia possa farvi uno sconto fedeltà.

Non bisogna dimenticare che dopo il cambio delle gomme è necessario fare l’equilibratura che il 99% delle volte è compresa nel prezzo del cambio. Un servizio a parte è invece la convergenza che ha un costo medio di 20 euro e va effettuata solo nel caso in cui gli pneumatici sostituiti fossero usurati in modo particolarmente elevato.

Info utili per i mezzi commerciali: fiorinigomme.com

A Febbraio rallenta trend positivo immatricolazioni veicoli commerciali

Rallenta a febbraio 2018 il mercato delle immatricolazioni di veicoli commerciali leggeri. Un dato da non sottovalutare – anche se conferma la crescita anno su anno -, dopo un primo mese dell’anno che aveva gettato una luce rosea sui successivi undici mesi.

I dati del mercato visti dall’Unrae

Secondo le stime elaborate e diffuse dal Centro Studi e Statistiche dell’UNRAEl’Associazione delle Case Automobilistiche Estere, a febbraio il trend di crescita dei veicoli da lavoro rallenta pur confermandosi. A trainare il mercato, ancora una volta, è il ricambio del parco circolante.

Ecco i numeri di febbraio

Dopo un gennaio scoppiettante, rallenta il ritmo delle immatricolazioni di nuovi veicoli nel mese di febbraio. Il primo mese dell’anno, infatti, ha fatto registrare una crescita a doppia cifra che ha stupito il mercato, soprattutto con riferimento ai dati relativi alle vendite di veicoli commerciali leggeri (autocarri con ppt fino a 3,5t). A febbraio, pur confermandosi l’andamento positivo del mercato, la crescita anno su anno rallenta. Le immatricolazioni di autocarri, infatti, nel secondo mese del 2018 sono state 14.300, il 4,2 per cento in più rispetto alle 13.727 fatte registrare nel corso dello stesso mese dello scorso anno. Da evidenziare che la ripresa era già in corso nel 2017, a febbraio infatti il dato confrontato con quello del 2016 aveva fatto registrare un incremento sensibile, pari al 7,7 per cento.

Uno sguardo al bimestre

Ampliando il raggio di osservazione, i dati elaborati dall’Associazione delle Case Automobilistiche Estere riflettono una situazione che vede il primo bimestre del 2018 archiviare 27.950 vendite di autocarri a fronte delle 25.678 del periodo gennaio-febbraio dello scorso anno. Tradotto in dati percentuali, si assiste a una crescita dell’8,8 per cento.

I furgoni a portata di click

A rilanciare il comparto e la vendita delle vetture sta contribuendo, senza dubbio anche il web. La possibilità di usufruire di portali come Giffi Noleggi, che con un semplice click consentono a tutti di noleggiare i veicoli commerciali più moderni e adatti a esigenze diverse, favorisce oltre alla competitività del mercato anche la possibilità di contare su flotte di veicoli innovativi e sicuri, a partire dalle migliori marche presenti sul mercato italiano. Un aspetto da non sottovalutare per favorire la crescita di un comparto che vede sempre più nell’e-commerce una piattaforma di riferimento.

Obiettivo: nuova flotta per sicurezza e ambiente

A trainare il mercato delle immatricolazioni potrà essere soprattutto il processo di svecchiamento della flotta che molte compagnie dovranno mettendo in atto. “La composizione del parco circolante del comparto dei veicoli da lavoro – come ha commentato Michele CrisciPresidente dell’Associazione delle Case Automobilistiche Estere – deve mantenersi al centro del dibattito con i Decisori a livello locale e nazionale. Il settore dei veicoli da lavoro necessita di interventi strutturali che consentano un graduale ma più veloce processo di svecchiamento di un parco che conta più di un terzo del circolante ante Euro 3 (immatricolato prima dell’anno 2001, quindi con 17 anni di vita lavorativa). E’ questo un passaggio determinante se si vuole ottenere maggior sicurezza sulle nostre strade e il rispetto per l’ambiente”.

I produttori promuovono il superammortamento

Misure come il superammortamento, quindi, si rendono di primaria importanza per favorire i processi di rinnovo del parco furgoni. “Affinché questo avvenga – ha proseguito il Presidente Crisici – sono fondamentali misure come il Superammortamento (rinnovato, seppure in misura minore) ma è fondamentale anche intensificare la diffusione delle infrastrutture per i combustibili alternativi e quelle per la ricarica elettrica, senza, però, svantaggiare le alimentazioni tradizionali nel rispetto della neutralità tecnologica e senza, quindi, emarginare i veicoli Euro 6, molto più virtuosi, in termini di emissioni, di quelli ante Euro 3”.

A Ginevra c’è spazio per il made in Italy

Ancora un’edizione da record per il Salone di Ginevra 2018, che ha superato gli 800 mila visitatori incrementando i risultati dello scorso anno e ha messo in vetrina alcune delle principali produzioni italiane, confermando un solido legame con il nostro Paese.

Gli italiani a Ginevra. Lo ha ricordato anche Maurice Turrettini, presidente del Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra, che in una intervista ha sottolineato come ci sia una incidenza di circa il 10 per cento di nostri connazionale sul totale dei visitatori presenti all’evento; in pratica, un biglietto ogni dieci viene acquistato da appassionati di auto che arrivano dal Belpaese, anche per la vicinanza geografica con la città svizzera.

Leggi anche: Saloni auto

Non solo Ferrari e Lamborghini. Come dicevamo, l’Italia è stata protagonista anche (e soprattutto) dal punto di vista dei modelli in mostra, presentandosi a Ginevra al meglio della propria forma, a cominciare dalla Ferrari 488 Pista e dalle Lamborghini e passando per tante altre vetture made in Italy, come ci hanno raccontato anche gli aggiornamenti di LaTuaAuto attraverso la sezione informazioni per auto, in cui sono raccolti gli articoli sulle ultime novità a quattro ruote.

Un contesto variegato. Le Case produttrici italiane hanno saputo soprattutto approfittare di un contesto internazionale favorevole, che vede i colossi tedeschi alle prese con tutte le problematiche legate ai vari livelli del dieselgate, i due blocchi francesi impegnati (e forse più interessati) a rivaleggiare tra loro con mosse simili nei vari segmenti, i cinesi e gli indiani ancora alla ricerca di una identità internazionale e gli inglesi che, come da tradizione, si arroccano nella difesa del loro heritage di costruttori di modelli sportivi o di lusso.

Il meglio del made in Italy. E così, il made in Italy ha attraversato in maniera trasversale gli spazi del Salone di Ginevra, conquistando consensi sia sul versante della realizzazione “completa” che su quello del design e della componentistica: ne sono esempi la elegante berlina Sybilla disegnata dal maestro Giorgetto Giugiaro e da suo figlio Fabrizio per la cinese Envision, o la gran turismo elettrica HK GT commissionata dai cinesi a Pininfarina, o ancora le eccellenze tecnologiche di Pirelli e Brembo, che trovano “accoglienza” con pneumatici e impianti frenanti sulle auto più esclusive e potenti al mondo.

Le supercar tricolore. Tornando alle auto in vetrina, ovviamente grande apprezzamento ha ricevuto la Ferrari 488 Pista, la più estrema delle supercar stradali di Maranello grazie al propulsore V8 più potente mai realizzato finora dai tecnici italiani, capace di erogare 720 cavalli e 770 Nm di coppia. Anche la storica rivale del Cavallino Rampante ha partecipato al Salone con un’auto da sogno opportunamente rivisitata, ovvero la Lamborghini Huracan Performante Spyder, versione a cielo aperto del già apprezzatissimo modello di Sant’Agata Bolognese.

I numeri del Salone di Ginevra. A tracciare un bilancio è ancora Maurice Turrettini, che innanzitutto difende l’unicità della kermesse di Ginevra sottolineando la caratteristica vincente della manifestazione, dovuta al fatto che “in Svizzera non ci sono case automobilistiche e, dunque, questo è un territorio neutrale in cui non si fanno favori o torti a nessuno”. Ma il vero punto di forza è la possibilità di vedere da vicino i nuovi modelli (uscendo fuori dalla “virtualità” tecnologica, per quanto avanzata) e la vastità dell’offerta del Salone: “quest’anno abbiamo messo in mostra 900 modelli, 89 prime mondiali e 21 europee, e credo proprio che la volta prossima andrà ancora meglio per merito dei ragazzi” perché, come conclude Turrettini, “loro vedono le macchine in un modo diverso rispetto ai padri, sono attratti più dalle nuove tecnologie che dalle super-potenze, ma l’interesse c’è ed è per questo che resto molto ottimista”.

Si alza il sipario sul Salone di Detroit 2018, ecco le novità più interessanti

Come da tradizione, l’anno dei motori comincia negli Stati Uniti e in una delle città simbolo delle “quattro ruote”: e in questo 2018 il North American Auto Show di Detroit non ha certo deluso le aspettative di partecipanti e appassionati, con tanti modelli interessanti e innovativi che presto vedremo nelle concessionarie, concept car che delineano il futuro e tanti spunti sulla mobilità di domani. Proviamo a guardare un po’ più da vicino quello che il Salone americano ci ha prospettato, grazie anche agli aggiornamenti del portale Infomotori in merito alle novità sulle auto che arriveranno già nei prossimi mesi.

Le novità della Jeep

Gli occhi di media e automobilisti sono stati attratti innanzitutto dalle novità proposte dalla Jeep, che in qualche modo ha svolto il ruolo di “padrona di casa“: il brand a “stelle e strisce” del Gruppo FCA (originario di Toledo, cittadina dell’Ohio, Stato confinante con il Michigan), ha puntato molto sul salone di Detroit, presentando le versioni rinnovate di Jeep Cherokee e Jeep Wrangler.

Nuova generazione di Wrangler e Cherokee

Nel primo caso, i cambiamenti riguardano soprattutto lo stile, che riprende quanto introdotto sul modello Compass, mentre dal punto di vista dei motori si prosegue la strada tracciata già con le altre gamme, con motori e soluzioni per la mobilità sempre più moderni. Arriva invece in primavera la nuova generazione di Wrangler, che ha come caratteristiche di rilievo il telaio a longheroni e una grande disponibilità di tecnologie meccaniche, il meglio dell’avanguardia nel settore.

Anche la Ford a Detroit

Molto interessanti anche le proposte degli altri marchi americani, a cominciare dalla Ford, che ha scelto la vetrina di Detroit per lanciare la nuova generazione di Ford Focus, che sfrutta la piattaforma di quella attualmente in produzione aggiungendo però un carico notevole sul fronte tecnologico in entrambe le versioni “classiche”, berlina a 5 porte e familiare, che saranno in vendita a partire dall’estate. Molto più esclusiva la Mustang Bullitt in versione speciale, che dovrebbe essere proposta con un’esclusiva livrea verde scuro, con grandi ruote a cinque razze e soltanto qualche lieve cromatura, mentre sotto al cofano batte un potente motore 5 litri Coyote V8 con trasmissione manuali a 6 o 10 marce.

Non manca la padrona di casa Chevrolet

Anche la Chevrolet ovviamente non ha fatto mancare il suo apporto nella manifestazione “di casa”: la società di Detroit ha infatti partecipato al Salone con il nuovo truck Silverado, che si contraddistingue per l’estetica anteriore più squadrata, dove spiccano i fari a LED e una griglia anteriore più imponente, mentre al posteriore compare un inedito portellone e un paraurti posteriore maggiormente integrato nella struttura complessiva del veicolo.

Presentati i SUV tedeschi

La panoramica delle Case che si sono messe in vetrina nel tradizionale show statunitense comprende anche la Mercedes, che ha esposto la versione aggiornata del SUV Classe G (elementi chiave maggiore confort, tanta tecnologia e spazio più ampio grazie a un passo accresciuto), mentre l’altra tedesca BMW ha portato a Detroit il nuovo Suv compatto X2, che debutterà sul mercato a marzo, e che in Italia nella prima fase sarà ordinabile solo in motorizzazioni diesel.

Le proposte dall’Oriente

Dal Vecchio Continente ci spostiamo in Asia, perché a Detroit sono state presentate anche la nuova Hyundai Veloster, coupé interessante che smorza il design bizzarro della prima generazione e punta su un look reso più aggressivo da fari anteriori più piccoli e da un retrotreno più convenzionale, e la Nissan Infiniti Q Inspiration, una bella show car che potrebbe rappresentare la uova berlina sportiva del marchio giapponese.

Clamoroso: Gp di Monza a rischio di nuovo?

La notizia sta rimbalzando su social e siti di informazione, anche se non c’è stata ancora alcuna mossa ufficiale: il Gran Premio d’Italia di Formula 1 a Monza sarebbe nuovamente a rischio a causa di alcuni problemi legati alla gestione dell’Aci, responsabile dell’evento.

L’allarme di Sticchi Damiani

A lanciare l’allarme sull’impianto più importante d’Italia è stato proprio il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, che già a fine dicembre si diceva preoccupato: dopo che la Regione Lombardia aveva infatti approvato in via definitiva l’investimento di 15 milioni “promesso” al Circus per l’organizzazione triennale del GP d’Italia, dal punto di vista nazionale le cose non erano ancora in regola.

La questione burocratica

Secondo Sticchi Damiani, infatti, la Legge di Stabilità approvata a dicembre dal Governo non prevede i provvedimenti attesi per garantire la prosecuzione del rapporto tra Monza e la Formula 1, e questa situazione di stallo mette a rischio addirittura il prossimo GP, per ora in calendario come da tradizione nel primo weekend di settembre 2018.

Un colpo per gli appassionati

Sarebbe un colpo per il Paese e per gli appassionati italiani di motori, che attendono con ansia l’appuntamento con una delle tappe più emozionanti e più veloci della Formula 1, come ricorda anche la scheda tecnica di Rse Italia sul tracciato lombardo; e sarebbe senz’altro uno scenario nero non vedere Vettel che guida una Ferrari sul circuito di Monza, o Hamilton non salire a bordo della sua Mercedes. Per fortuna, però, forse la situazione non è così drammatica.

Le difficoltà per l’Aci

Il nodo della questione riguarda la “libertà” di azione che servirebbe all’Aci, bocciata da un no all’emendamento presentato alle Camere. Nello specifico, si è deciso di non escludere l’Aci dalle norme della Legge Madia; questo significa che l’ente è ancora soggetto alle leggi vigenti in tema di enti a partecipazione pubblica, e soprattutto alla lente di ingrandimento dell’Antitrust, “che già in passato non ci è stato spesso favorevole”, ha ricordato il presidente Sticchi Damiani. Lo stesso ha poi spiegato che “lo Stato ci ha chiesto un intervento per salvare il GP e la F1 in Italia, lo abbiamo fatto ma ora ci deve fornire gli strumenti per operare. Abbiamo chiuso il 2017 con un pesante passivo di bilancio, e lo sapevamo, però dobbiamo fare in modo che i soldi spesi per la F1 si trasformino in un investimento”.

Accordo sotto esame GP di Monza

L’aspetto critico riguarda proprio l’accordo con Bernie Ecclestone, siglato lo scorso anno e valido per il triennio 2017-2019 a fronte di un investimento di 68 milioni di dollari (22 milioni per i primi due anni, 24 per il terzo): “un impegno non indifferente, ma praticabile grazie alla possibilità data ad Aci di utilizzare tutte le risorse del proprio bilancio, compresi i soldi del Pubblico registro automobilistico“, aggiunge ancora il numero uno dell’Aci. Ma la situazione è cambiata dopo la Legge di Stabilità, che penalizza l’Aci sia in quanto “proprietaria” dell’Autodromo di Monza (avendo acquisito il 75% di Sias, società che gestisce il circuito italiano), sia per la situazione delle sue partecipate.

Solo un allarme?

Insomma, la situazione è critica, e “se non si troverà il modo di tirar fuori l’Aci da questa situazione, non potremo rispettare gli impegni presi con il Parlamento e il Paese per mantenere la Formula Uno in Italia” già da quest’anno, conclude con tono allarmistico Angelo Sticchi Damiani. Al di là dei tecnicismi e delle questioni burocratiche, comunque, la sensazione è che si possa arrivare a una soluzione positiva, anche perché non va dimenticato che anche lo scorso anno si arrivò a un salvataggio di Monza quasi in extremis (la prima fattura di Liberty Media per il Gp del 2017 arrivò a marzo, e la stessa tempistica potrebbe ripetersi quest’anno).

Guida d’inverno, ecco i consigli e le regole per mettersi al sicuro

Il Generale Inverno quest’anno ha avuto fretta di arrivare, cogliendo di sorpresa anche i meteorologi: già dagli ultimi giorni di novembre, infatti, l’Italia è stata presa nella morsa del freddo, con segnali di neve anche in pianura al Nord, come non accadeva da tempo. Una situazione che ha avuto inevitabili conseguenze a vari livelli e anche sulla circolazione nei tratti più disagevoli, confermando ancora una volta l’importanza delle ordinanze invernali.

Garantire la sicurezza stradale alla guida

Mai come in questo 2017, infatti, le norme del Codice della Strada per la circolazione nei mesi freddi sono entrate in vigore con perfetto tempismo, alla metà di novembre, consentendo agli automobilisti che hanno seguito le regole di patire meno disagi sulle strade colpite dai fenomeni invernali. D’altra parte, la ratio stessa di questi provvedimenti è quella di limitare i rischi che si incontrano con le insidie tipiche del freddo, come gelate mattutine, bruma, strade rese scivolose dalla pioggia o aree innevate.

Le norme del Codice della Strada

In termini pratici, il Codice della Strada prescrive che dal 15 Novembre al successivo 15 Aprile gli automobilisti devono utilizzare un equipaggiamento invernale che assicuri le migliori garanzie di aderenza, frenata e comfort, per rispondere al cambio climatico e alle temperature più basse. Per mettersi a norma, in realtà, è “sufficiente” anche avere a bordo delle catene da neve da montare al momento necessario, ma per i più scrupolosi e attenti alla sicurezza il consiglio è di optare per gli specifici pneumatici invernali.

Gli obblighi per gli automobilisti

L’obbligo si applica in genere fuori dai centri abitati e per tutti i veicoli a motore, ad eccezione di quelli a due ruote (che, sempre leggendo il Codice della Strada, non possono circolare quando ci sono fenomeni atmosferici tipo nevicate in atto); le ordinanze saranno valide su una buona parte del territorio italiano, da Nord a Sud, con un elenco di circa 200 fra strade provinciali, regionali o autostrade. Per concludere gli aspetti “normativi”, bisogna sottolineare che i trasgressori sono puniti con una multa da 41 a 168 euro se sorpresi nei centri abitati e da 84 a 335 euro in autostrada o nelle strade extraurbane.

I consigli sugli pneumatici invernali

Passiamo dunque ad alcune informazioni utili per chi invece ancora non si è adeguato alle prescrizioni, ma che intende farlo a breve, cominciando dalla descrizione delle caratteristiche delle gomme invernali: rispetto alle estive (ovvero, quelle che montiamo per la circolazione regolare), questi prodotti sono realizzati con una mescola più morbida e cedevole, che offre prestazioni ottimali quando la temperatura esterna e dell’asfalto scende al di sotto dei 7 gradi, migliorando l’aderenza e gli spazi di frenata anche in condizioni di strada bagnata o fondo innevato.

Le caratteristiche delle gomme invernali

Merito anche del disegno del battistrada, costituito da fitte lamelle che insieme permettono una migliore aderenza al suolo. Ormai ogni grande casa produttrice di gomme ha in catalogo almeno una tipologia dedicata all’inverno, come si può vedere anche negli store online dei rivenditori italiani, e per riconoscere se uno pneumatico è adatto al freddo basta guardare la sua “spalla”: gli pneumatici invernali riportano la marchiatura M+S, che in alcuni casi (soprattutto nelle soluzioni più nuove e performanti) si accompagna al simbolo della montagna con il fiocco di neve.

Per approfondire:

http://www.pneumaticisottocontrollo.it, per la mappa delle ordinanze in tutta Italia

www.euroimportpneumatici.com, per chi cerca pneumatici invernali

www.asaps.it, il portale della sicurezza stradale

Eicma 2017, cosa resta dell’edizione dei record?

Anche quest’anno l’Esposizione Internazionale del Ciclo e Motociclo – per tutti, più semplicemente, Eicma 2017- si è confermato il salone più importante al mondo nel settore delle due ruote, oltre che punto di riferimento assoluto quando bisogna valutare fattori come presenza di pubblico, numero di espositori, di operatori e media coinvolti.

Lo showroom milanese ha chiuso i battenti da un mese, più o meno, ma lascia ancora parlare di sé, sia per i numeri che, soprattutto, per le moto messe in vetrina (qui per vedere la nostra galleria) che hanno conquistato il cuore e i sogni degli appassionati di tutto il mondo. Un’espressione da prendere alla lettera, visto che all’ultimo Eicma 2017 ha partecipato una folta rappresentanza di visitatori stranieri, così come dall’estero proveniva gran parte degli espositori.

I numeri da record. Per la precisione, il bilancio definitivo dei partecipanti (non ancora ufficiale, visto il riserbo della società organizzatrice dell’evento) parla di un incremento di visitatori pari al 24 per cento rispetto al 2015 (il confronto è sempre portato avanti sulla biennalità), il che significa aver quanto meno avvicinato quota 700 mila. Se l’affluenza è andata benissimo, addirittura da record è stato il numero di espositori presenti, che si sono attestati a 1.713 nel complesso tra diretti e indiretti, ovvero il 20 per cento in più del 2015: tra questi, il 61 per cento delle aziende espositrici rappresenta l’estero, provenendo da 42 differenti Paesi. Stranieri protagonisti anche tra gli operatori esteri, con un più 28 per cento di incremento sull’afflusso di addetti ai lavori giunti da fuori Italia.

Le moto in vetrina. Insomma, numeri eccezionali che riaffermano il ruolo di Eicma nel mondo delle due ruote, e che trovano una motivazione anche nel dato relativo agli aspetti più interessanti per gli appassionati, ovvero le moto presenti al Salone: nella settimana milanese sono state presentate 150 novità e anteprime mondiali nei vari “rami” della kermesse, con alcuni modelli che hanno decisamente conquistato critica e pubblico.

Eicma, quo vadis? La galleria fotografica

La più bella dell’Eicma 2017. È il caso della Ducati Panigale V4, che era già tra gli esemplari più attesi e che non ha deluso assolutamente: anzi, la potente superstar della Casa di Borgo Panigale ha conquistato il titolo di “Moto più bella del Salone del Ciclo e Motociclo di Milano 2017″, stravincendo il sondaggio organizzato dalla rivista italiana Motociclismo, cui hanno partecipato oltre 16 mila appassionati tra visitatori della Fiera e gli utenti del magazine online.

La Ducati sbaraglia la concorrenza. Il successo della prima moto Ducati prodotta in serie equipaggiata con un motore 4 cilindri (tra l’altro, di stretta0 derivazione dal propulsore Desmosedici della MotoGP) era in realtà prevedibile, perché questo “gioiello” è un concentrato di tecnologia, stile e performance, come da tradizione della società emiliana. Oltre al comparto tecnico e motoristico, poi, anche il versante della dotazione è stato molto curato, con lo scarico racing in titanio realizzato da Akrapovic o come nella versione Panigale V4 S, equipaggiata con sospensioni Öhlins e componentistica di altissimo livello, come le ruote forgiate in alluminio e la batteria agli ioni di litio.

I dettagli più ricercati. La personalizzazione dei componenti della moto è d’altra parte un’attività sempre molto apprezzata e ricercata da parte dei “biker” puri, che negli ultimi tempi stanno trovando nuove soluzioni anche grazie agli acquisti online di accessori e delle cosiddette “special parts“: una delle piattaforme pioniere in Italia in questo settore è Omnia Racing, sito attivo da oltre dieci anni nel panorama del Web e diventato punto di riferimento per brand come Arrow, Akrapovic o Öhlins.

Anche la Arrow si mette in mostra. E anche queste case produttrici sono state protagonista all’Eicma: se la Akrapovic si fregia della collaborazione con Ducati, la Arrow invece risponde equipaggiando gli scarichi della Fantic Caballero Scrambler 500, che ha vinto il sondaggio online proposto da un’altra rivista italiana del settore, Dueruote, dedicato sempre alle novità presentate al Salone milanese.