Vendite auto: il 2019 non parte con il piede giusto neanche in Europa

Dopo un 2018 in linea con l’anno precedente, in Europa (28+Efta) il trend appare peggiorare in questo inizio d’anno, visti i risultati del mese di gennaio che, secondo i dati diffusi oggi dall’ACEA, l’Associazione dei Costruttori Europei, fa registrare una contrazione delle vendite del 4,6% nel mese con 1.226.446 autovetture nuove contro 1.286.098 dello stesso mese dello scorso anno, riportando comunque il 2° miglior risultato per lo stesso mese degli ultimi 10 anni.

 

Da rilevare il risultato negativo in questo inizio anno per ben 23 dei Paesi rilevati, tra cui i 5 Major Markets che arrivano a contrarre i propri volumi anche in maniera incisiva: l’Italia, infatti, segna il 7,5% in meno degli acquisti, in linea con la Spagna a -8,0%. Segno negativo anche per Francia (-1,1%), Germania (-1,4%) e Regno Unito (-1,6%).

 

“Il settore automotive è un comparto cruciale nell’economia europea – afferma Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case Automobilistiche estere – considerato che in termini occupazionali impiega oltre 13 milioni di persone e genera un fatturato che rappresenta il 6,8% del Pil europeo”.

 

“La flessione che si registra in Europa in questo primo mese dell’anno, allineata al trend in peggioramento dell’ultima parte del 2018, non fa ben sperare in un recupero sostenuto per le vendite nel 2019. Come si evince dai dati, l’Italia è uno dei Paesi a registrare un’importante flessione, vista soprattutto l’incertezza di questo primo bimestre segnata dall’entrata in vigore del bonus-malus il prossimo 1° marzo”. “Il mercato dell’auto – conclude Crisci – è caratterizzato da molta confusione generata negli acquirenti di auto nuove e temiamo che la situazione non possa migliorare visto l’aggravio di una ecotassa, impropria e penalizzante, che si riverserà sull’acquisto di alcuni modelli”.

 

 

Germania – Gennaio in lieve calo (-1,4%) ma recuperano le vendite di auto diesel

 

Flettono anche in gennaio le vendite in Germania malgrado la ripresa degli acquisti di diesel. Nel mese sono state 265.702 le immatricolazioni di auto nuove, -1,4% rispetto alle 269.429 del 2018. L’incertezza che ha caratterizzato il mercato nell’ultimo quadrimestre dello scorso anno sembra interessare anche l’inizio del 2019, segno che le vendite tedesche non sono esenti dalle difficoltà economiche che interessano l’Europa. Ricordiamo però che gennaio 2019 è il 2° miglior risultato, dopo quello 2018, per il mese dal 1999. Le Associazioni di categoria rimangono, comunque, soddisfatte di questo inizio anno. Le vendite di auto diesel sono aumentate del 2,1% rispetto a gennaio 2018, con una quota di mercato che risale al 34,5%.  La benzina cala dell’8,1% e arriva a una quota del 57,6%. Ottimi risultati per le alimentazioni alternative. Calo, infine, per i privati, al 33,1% di quota (-3,1 p.p.) mentre le persone giuridiche salgono a 66,8% di rappresentatività.

 

Regno Unito – I privati non bastano a sostenere il mercato: gennaio -1,6%

 

Registrato nel 2018 il secondo anno consecutivo di calo, nel Regno Unito il trend della domanda di auto non sembra cambiare per il 2019: a gennaio, infatti, sono state immatricolate 161.013 autovetture contro 163.615 dello scorso anno (-1,6%). Le vendite a privati tentano di sostenere il mercato con un +2,9% e 71.378 veicoli, a fronte di un decremento delle flotte del 3,4% (86.559 unità) e di un crollo delle società del 33,5% (3.076 veicoli). Sul fronte delle alimentazioni, invece, da rilevare il calo del diesel che perde il 20,3% dei volumi con 46.823 immatricolazioni, al 29,1% di quota (-7 p.p. rispetto allo scorso anno), a fronte di un aumento della benzina (+7,3%) e di un incremento a doppia cifra delle vendite di auto con alimentazione alternativa (+26,3%), che passano dal 5,3% al 6,8% di rappresentatività e che, secondo le stime della SMMT (Associazione di categoria del Regno Unito), sono previste aumentare più di un quarto rispetto al 2018 a 177.000 unità.

 

Francia – Calo ininterrotto: a gennaio si parte con un -1,1% (155.079 unità)

 

Il mercato dell’auto nuova francese inizia il 2019 con un rallentamento e chiude il mese di gennaio con 155.079 immatricolazioni (-1,1%). Fase negativa iniziata già a settembre come conseguenza di un contesto politico e sociale di forte tensione. Nell’analisi per alimentazione da segnalare il calo del diesel sceso al 34,2% dal 41,1% di quota del 2018, a fronte del recupero delle vendite di auto a benzina salite al 57,9% di quota (+5,3 p.p.). Le elettriche con 3.059 unità nel 2018 sfiorano il 2% del mercato e le ibride restano stabili al 5,7% di quota. Da un’analisi per carrozzeria si evince, infine, che sono in aumento i fuoristrada, al 38% di quota (+2 p.p.) rispetto a gennaio 2018, mentre la metà delle auto vendute sono berline (50%) e le monovolume compatte (4% di quota) registrano un lieve calo.

 

Spagna – Incertezza e scenario economico paralizzano il mercato: gennaio a -8,0%

 

Dopo il +7,0% registrato nel 2018 (1.321.438 veicoli contro 1.234.932 del 2017), il mercato spagnolo dell’auto accusa l’incertezza e la confusione che si sta generando tra gli acquirenti a causa delle prospettive economiche negative e degli annunci di restrizioni alla circolazione (per esempio sul diesel che, infatti, perde il 30%). Il risultato di gennaio interrompe il trend positivo iniziato nel 2014, anno a partire dal quale la crescita sia del mese di gennaio sia dell’intero anno è stata continua. Le vendite in questo mese sono state 93.546 e hanno registrato un calo dell’8% rispetto alle 101.661 dello stesso mese dello scorso anno. Si riportano flessioni in tutti i canali ma risulta particolarmente incisiva la riduzione delle vendite a privati che perdono il 9,6% con 47.244 unità. Calano anche le immatricolazioni a società (-5,5%) con 31.374 unità e quelle a noleggio (-8,0%) con 14.928 vetture.

“Style Ducati”: il design dell’iconico marchio Made in Italy in esposizione a San Pietroburgo

Inaugura in Russia la prima mostra dedicata al design Ducati, “Style Ducati”, in programma per i prossimi cinque mesi al Museo d’Arte Contemporanea Erarta di San Pietroburgo.

L’esposizione si articola su due livelli: il primo ospita i momenti storici aziendali a partire dal 1926, quando i fratelli Cavalieri Ducati fondarono Radio Brevetti Ducati, e arriva fino alla presentazione del Desmosedici Stradale nel 2018, il primo motore V4 prodotto in serie a Borgo Panigale.

Al livello inferiore invece è possibile ammirare il fiore all’occhiello della mostra: la scultura “Fortitudo mea in levitate” (La mia forza sta nella leggerezza). Questo pezzo unico, creato partendo da tre blocchi di purissimo marmo di Carrara, comunica in modo estremamente evocativo un senso di leggerezza, volutamente in forte contrasto col peso del marmo, da sempre riconosciuto come il materiale nobile delle creazioni artistiche.
Da questa scultura, emblema del design come arte, si dispiega come in una parata a ritroso nel tempo l’esposizione dei modelli Ducati. In tutto sono esposte sedici “Rosse di Borgo Panigale”, alcune delle quali escono dall’Europa per la prima volta, insieme a concept di design, immagini e video esclusivi.

“La mostra Ducati all’interno del Museo Erarta di San Pietroburgo si caratterizza per un concept moderno, in cui ogni moto è presentata come un’opera d’arte. Si tratta di un percorso espositivo che vuole mettere in luce la ricerca estetica e le linee delle nostre moto” – dichiara Andrea Ferraresi, Direttore Centro Stile Ducati – “Si tratta di un viaggio nel mito Ducati. Iniziamo con il racconto dei Ducati Moments, ovvero i fatti, le persone, e le innovazioni tecnologiche che hanno fatto la storia dell’Azienda, per arrivare alle moto di serie di ultima generazione come il nuovo Diavel 1260”.

La mostra dedicata a Ducati testimonia il forte appeal e l’interesse che il Made in Italy e le “Rosse di Borgo Panigale” hanno in questo paese, che trova conferma nel nuovo processo di importazione sul territorio. Da gennaio 2019, Volkswagen Group Rus è infatti l’importatore ufficiale che si occupa della vendita, dell’assistenza post-vendita e della commercializzazione dell’intera gamma Ducati e Scrambler Ducati, così come dei ricambi, degli accessori e dell’abbigliamento dei due brand.

“La rapida crescita del mercato Russo, specialmente nel segmento big bike, rende questo paese sempre più importante e rilevante per il nostro business. Per questo siamo molto orgogliosi di essere presenti qui come ambasciatori del premium Made In Italy e di collaborare con uno dei più importanti musei d’Arte contemporanea del mondo” – dichiara Francesco Milicia, Vice President and Sales Director Ducati – “Siamo anche molto soddisfatti di poter contare sulla sinergia e la collaborazione del nostro nuovo importatore Volkswagen Group Rus. Far parte di un gruppo come Volkswagen ci aiuta a cogliere ancora di più le tante opportunità che questo mercato può offrire”.

Radio Scrambler Ducati si evolve

In occasione dell’evento mondiale World Radio Day il 13 febbraio – una giornata che celebra la condivisione, il dialogo e la tolleranza nel mondo attraverso la radio – Scrambler Ducati, che rappresenta proprio questi valori, lancia la nuova programmazione della Web Radio Scrambler Ducati.

Cinque soggetti originali per una serie di contenuti esclusivi in lingua inglese che raccontano il mondo Scrambler® attraverso gli occhi di biker che sono anche scrittori, viaggiatori e musicisti.

“From zero to hero” il travel blog con Riccardo Felici, “Scrambler Eggs” le storie musicali raccontate da Nero e Memphis, “Don’t call me Cinderella” il punto di vista femminile di Valentina RocketQueen e Federica Moschiano, “Writers” a cura di Elena Mearini e “Scrambler Snacks” le novità, i suggerimenti e gli approfondimenti sulla Land of Joy.

A conferma che Radio Scrambler Ducati è autenticamente connessa alla sua community, grande spazio viene riservato agli ascoltatori con le loro emozioni ed esperienze, all’intervento di campioni sportivi e piccoli grandi eroi delle due ruote.

Radio Scrambler Ducati interagisce e vive sui social, e a breve anche su una nuova, coinvolgente e intuitiva APP, e lo fa con un nuovo logo: due pistoni a forma di microfono e un payoff che richiama la vitalità di ogni Scrambler: “our rumbling sounds.”

La nuova programmazione si aggiunge al già ricco palinsesto musicale, ascoltabile in streaming web 24 ore al giorno, sette giorni su sette direttamente dal sito.

EICMA, Dell’Orto: grande successo sponsorship Internazionali d’Italia MX

“Abbiamo aperto nel miglior modo possibile la strada verso EICMA 2019. La scelta di sostenere come Title Sponsor questo campionato si è rivelata vincente: ci ha permesso di stare sui campi gara a contatto con migliaia di appassionati e dove l’impegno racing dell’industria delle due ruote in innovazione e sviluppo trova la sua migliore applicazione”. Così Andrea Dell’Orto, presidente di EICMA S.p.A. al termine dell’ultima tappa di Mantova degli Internazionali d’Italia MX EICMA Series 2019, la prestigiosa preseason del campionato mondiale di motocross organizzata da Off Road Proracing sotto l’egida della Federazione Motociclistica Italiana.
Il presidente dell’Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo ha infine sottolineato che “la numerosa presenza di pubblico in tutte le tappe e il successo riscontrato dalle dirette streaming, con picchi di oltre 200mila contatti, dimostrano ancora una volta l’interesse crescente attorno a questo sport e quanto sia viva la passione per le due ruote”.
La sponsorship degli Internazionali d’Italia segna l’avvio di un ricco palinsesto di iniziative per promuovere l’Edizione numero 77 di EICMA, che si terrà dal 5 al 10 novembre a Fiera Milano-Rho, e portare sul territorio lo spirito dell’evento espositivo dedicato alla due più importante al mondo.

Alla DotoliM2 le anteprime bicilindriche della Royal Enfield

Royal Enfield presenta presso la propria rete vendita ufficiale, le nuove bicilindriche Interceptor e Continental Gt.

Per la storica casa si tratta di un passo fondamentale verso il gotha del motociclismo mondiale.

A Napoli, presso la DotoliM2, è possibile ammirarle e testarle: “Con – spiega il manager Maurizio Dotolile bicilindriche, Royal Enfield vuole diventare un brand globale. Pensate che il 6% della produzione mondiale di moto è targato Royal Enfield; c’è la voglia di diventare il primo costruttore mondiale. L’idea di base è riprendere gli stilemi degli ultimi modelli di successo degli anni ‘70; non dimentichiamo, tra l’altro, che è stata tra le prime case britanniche di larga diffusione a realizzare bicilindrici di cubatura importante. Sono moto interessanti, progettate da ingegneri inglesi, dotate di motore 4 valvole per cilindro, con contralbero di vibrazione e la fasatura a 270°. La frizione è anti saltellamento. Insomma è un motore essenziale e moderno al tempo stesso, raffreddato ad aria e olio.  E’ un progetto che ha 2 anime, con lo stesso telaio e motore; l’Interceptor richiama un look americano, tipo scrambler; la Continental Gt ha, invece, un look più sportivo. L’Interceptor è una moto rilassante che concilia con il mondo, piacevole da guidare. Due moto che, sono convinto, sapranno catalizzare l’attenzione di molti motociclisti. Chi le vuole ammirare dal vivo può farlo presso la nostra sede di Agnano alla Via Pisciarelli n° 69”.