Il mercato dell’auto continua a perdere volume in Europa

Così come già osservato per l’Italia, anche in Europa il mercato dell’auto non accenna a frenare il trend negativo delle vendite, iniziato nel mese di settembre scorso.

Nell’Europa dei 28+EFTA, infatti, le immatricolazioni di autovetture nuove nel mese di novembre, secondo quanto diffuso oggi dall’ACEA, l’Associazione dei Costruttori Europei, sono state 1.158.300, in calo dell’8,1% rispetto alle 1.259.793 archiviate nel novembre 2017. Per gli 11 mesi, invece, il risultato resta sostanzialmente stabile rispetto al periodo gennaio-novembre 2017 quando si immatricolarono 14.492.319 vetture: il 2018, infatti, fin qui totalizza 14.585.417 vendite di auto, +0,6%.

Dal dettaglio per Paese, si nota una generalizzata flessione delle vendite rispetto a novembre dello scorso anno; tra i 5 Major Markets, calo a doppia cifra per la Spagna (-12,6%) e segno negativo per la Germania (-9,9%), l’Italia (-6,3%), la Francia (-4,7%) e il Regno Unito (-3,0%). Persiste, seppur in lento recupero, l’influenza dell’entrata in vigore della nuova norma WLTP e delle difficoltà di approvvigionamento di prodotto da parte di alcune Case costruttrici.

“Così come altre Associazioni della filiera – commenta Romano Valente, Direttore Generale dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – siamo preoccupati per le conseguenze che provvedimenti “malus” potrebbero avere sul mercato dell’auto nel 2019”. “L’UNRAE, auspica – prosegue Valente – che la politica nazionale sia indirizzata verso una mobilità a basse emissioni, sostenendo – non secondariamente – anche l’infrastrutturazione”. “Provvedimenti come quello in discussione nelle sedi parlamentari, nonché quelli saltuari come le domeniche ecologiche programmate a Roma che interdicono alla circolazione i diesel di ultima generazione e consentono la libera circolazione in deroga di veicoli con oltre 20 anni di età – conclude il Direttore Generale – non possono considerarsi sostenuti da finalità ambientali.”

Germania – Anche novembre segna un risultato negativo: 272.674 auto vendute e -9,9%

Il mercato delle autovetture nuove in Germania si attesta sulle 272.674 unità, segnando una flessione del 9,9% rispetto alle 302.636 immatricolazioni di novembre 2017. Il cumulato del gennaio-novembre, quindi, cumula poco meno di 3.200.000 di unità (3.198.720) che significano un aumento dello 0,4% rispetto alle 3.187.312 dello stesso periodo del 2017. Analizzando il dettaglio delle vendite per alimentazione, si evince che circa il 60,0% del mercato auto è rappresentato dalle vendite di veicoli a benzina, nonostante il calo del 12,5% registrato nel mese di novembre (il cumulato degli 11 mesi, invece, fa registrare una quota del 62,6%). In territorio negativo anche gli acquisti di auto diesel (-10%) che nel mercato complessivo rappresentano il 34% delle vendite nel mese e il 32,1% nel cumulato. In controtendenza le immatricolazioni di auto ibride, che crescono del 34,7% e rappresentano il 4,3% delle vendite di novembre. Ottima anche la performance delle elettriche che aumentano i propri volumi di oltre il 40%, raggiungendo una quota dell’1,6% a novembre (1,0% di rappresentatività negli 11 mesi).

Regno Unito – Incertezza e ritardi fanno calare il mercato dell’auto anche a novembre (-3,0%)

Nel Regno Unito l’incertezza economica, i ritardi dovuti all’approvvigionamento a causa delle nuove normative WLTP e il calo della fiducia dei consumatori porta le immatricolazioni di auto nuove a calare ancora: nel mese di novembre, infatti, si sono registrate 158.639 vendite, in flessione del 3,0% rispetto alle 163.541 del novembre 2017. Questo risultato porta il cumulato degli 11 mesi 2018 a 2.223.058 unità, che significano un calo del 6,9% a fronte delle 2.388.144 registrate lo scorso anno. Sul fronte delle alimentazioni, da segnalare nel mese l’aumento delle immatricolazioni di veicoli a benzina (+3,5%) e delle alimentazioni a basso impatto ambientale (+24,6%) a scapito delle vendite delle autovetture diesel che perdono il 16,7% dei volumi e 5,4 punti di quota (ora al 32,4%). Da un’analisi per canale, invece, emerge un unico incremento, che ha riguardato il canale delle società (+8,6%) grazie alle 4.853 unità. Calano, invece, gli acquisti delle famiglie (-6,4%) con 69.355 vendite di nuovi veicoli e una quota che ora si attesta al 43,7% del totale mercato; resta sostanzialmente stabile (-0,7%) il noleggio che archivia 84.431 immatricolazioni.

Francia – Ancora in flessione il mercato dell’auto francese: novembre perde il 4,7% dei volumi

Anche in Francia il mercato dell’auto nuova chiude con un risultato negativo il mese di novembre. Con 171.611 immatricolazioni, infatti, si registra una contrazione dei volumi del 4,7% rispetto alle 180.005 dello scorso anno. Il periodo gennaio-novembre, chiude quindi con 2.008.091 vendite, a fronte delle 1.917.376 dello stesso periodo 2017. Prosegue il trend che vede segni positivi per tutte le alimentazioni ad eccezione delle motorizzazioni a gasolio, che registrano una flessione del 13,7% e 785.598 immatricolazioni, passando da una quota del 47,5% degli 11 mesi 2017 al 39,1% del periodo gennaio-novembre 2018. Risultati a doppia cifra, invece, per la benzina che guadagna oltre 7 punti percentuali rispetto allo scorso anno attestandosi al 54,6% di quota con 1.095.960 veicoli. Ottimi risultati anche per le ibride, che crescono del 32,8%, al 4,8% di quota e per le elettriche che registrano un incremento del 20,0% grazie alle 26.625 unità immatricolate nei primi 11 mesi.

Spagna – Calo a doppia cifra delle vendite di auto a novembre: -12,6%

Le immatricolazioni di autovetture nuove in Spagna a novembre hanno subito una flessione del 12,6%, avendo registrato 91.063 unità contro le 104.170 di novembre 2017. A un mese dalla chiusura dell’anno, il mercato spagnolo cumula 1.222.147 vendite, con un saldo ancora positivo rispetto allo scorso anno (+8,0%) quando si immatricolarono 1.131.988 veicoli. Le cause di questa flessione vanno ricercate prevalentemente nell’accelerazione delle vendite dei mesi estivi, prima dell’entrata in vigore della nuova normativa sulle emissioni WLTP e nell’incertezza sullo sviluppo del settore e dell’economia nei prossimi mesi che stanno ritardando l’acquisto dell’auto. Resta generalizzata la flessione, che a novembre ha visto un importante calo del noleggio (-28,4%) e dei privati, che perdono il 10,6% delle vendite rispetto a novembre 2017. In calo anche le società che registrano un decremento del 12,3%. Nel mese di novembre, infine, aumenta al 61,3% la quota della benzina, in flessione al 30,5% quella del diesel e all’8,2% la rappresentatività delle vetture ibride ed elettriche.

Il mercato dei veicoli da lavoro continua a flettere

Iniziata a marzo 2018, dopo un bimestre in aumento di circa il 10%, la flessione del mercato prosegue ancora nel mese di novembre per il settore dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t).

Secondo le stime elaborate e diffuse dal Centro Studi e Statistiche UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere, le immatricolazioni di veicoli commerciali a novembre sono state 18.897 e hanno registrato un calo del 6,0% rispetto alle 20.101 immatricolate nello stesso mese dello scorso anno. Il periodo gennaio-novembre 2018, quindi, totalizza quasi 162.000 vendite (161.930) e fa segnare una flessione del 5,2% rispetto alle 170.822 immatricolate nei primi 11 mesi dello scorso anno.

“Come descritto nelle ultime stime del Centro Studi e Statistiche UNRAE sul parco circolante – commenta Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE – al 30 giugno scorso i veicoli da lavoro circolanti in Italia erano 3.795.000 e di questi ben oltre la metà (52,3%) risponde alle Direttive di emissione ante Euro 4”.

“Non è immaginabile – prosegue Crisci – che in un Paese come l’Italia oltre la metà dei veicoli in circolazione abbia più di 12 anni. Lo stiamo ribadendo da molto tempo e continueremo a farlo finché non saranno prese delle concrete misure di sostegno, che siano incisive per la risoluzione del problema dello svecchiamento del parco circolante di veicoli che transitano quotidianamente all’interno delle nostre città. Rinnovare il parco è l’unica possibilità per aumentare la sicurezza sulle nostre strade e dare un maggiore contributo alla qualità dell’aria che respiriamo soprattutto nelle città”.

“Non possiamo non sottolineare – conclude il Presidente – gli enormi sforzi delle Case automobilistiche negli investimenti in ricerca e sviluppo per l’adeguamento alle stringenti normative ambientali e per la salvaguardia della sicurezza, potendo fare ora affidamento su tecnologie che 12 anni fa non erano disponibili.”

Da un’analisi della struttura del mercato dei primi 10 mesi del 2018 (ancora leggermente provvisori ma che andranno a consolidarsi nei prossimi due mesi, considerati i ritardi di immatricolazione), quando il mercato totalizzava un decremento del 5,3%, da rilevare un forte calo delle vendite a privati che hanno perso il 7,7% (con 30.902 unità) e 0,5 punti percentuali di quota. Flessione che coinvolge anche le società (-6,7% sullo stesso periodo dello scorso anno e in calo anch’esse di 0,5 p.p.). Sempre in calo, ma più moderatamente, il canale del noleggio, in cui la flessione si attesta su un -1,2% nei primi 10 mesi 2018, al 48,2% di quota sul totale. Da registrare, in particolare, il -9,5% del breve termine con 4.839 unità a fronte di un aumento dello 0,4% del lungo termine con 35.094 veicoli.

Nell’analisi per alimentazione del mercato dei veicoli commerciali, infine, da segnalare il decremento del 6,3% del diesel che archivia 132.076 immatricolazioni e si attesta sul 92,5% (dal 93,6% del gennaio-ottobre 2017 scorso anno). Aumento a doppia cifra, invece, per il metano (+14,9% con una quota del 2,5%) e per i veicoli elettrici (+14,2%, allo 0,4% di rappresentatività) con, rispettivamente, 3.588 e 508 immatricolazioni. Crescita del 9%, infine, per la benzina che guadagna 0,3 p.p. sui 10 mesi 2017 con 3.374 unità e per il Gpl, che guadagna il +3,8% con 2.762 vendite.

Royal Enfield: alla Dotoli M2 il 14 dicembre l’aperitivo delle novità

Il 14 dicembre la Dotoli M2 invita gli appassionati ad un aperitivo per presentare il suo ingresso ufficiale nel mondo Royal Enfield.
L’evento sarà anche l’occasione per toccare con mano l’intera gamma della casa motociclistica più antica al mondo: “Esporremo – dice il dealer Maurizio Dotoli – tutte le moto in listino, comprese le bicilindriche Interceptor e Continentale Gt, che verranno commercializzate tra gennaio e febbraio. Ci saranno, poi, anche i prototipi ammirati all’Eicma”.
Nasce, così, una collaborazione interessante: “Royal Enfield – spiega Dotoli – è un marchio che ha fatto un cambio di passo netto rispetto al suo recente passato. Con l’Himalayan, ad esempio, offre una moto di sostanza, essenziale, inarrestabile, semplice e facile, da utilizzare su ogni tipo di fondo e con poca elettronica. La cilindrata contenuta, il prezzo minimale ed il peso ridotto sono caratteristiche che possono avvicinare gli scooteristi al mondo delle moto. Ci sono, poi, le bicilindriche, che ho già avuto modo di provare. Sono moto fedeli al blasone della casa ed il 14 sarà data la possibilità di ammirare sia il modello commercializzato a cavallo tra gli anni sessanta e settanta sia quello nuovo. La garanzia di 3 anni ed il soccorso stradale inclusi nel prezzo, testimoniano quanto importante sia la serie twin. Ricordo che la Royal Enfield è nata nel 1901 e negli anni trenta ha addirittura realizzato moto da 1.000 cc. e 1.200 cc., con 4 cilindri. Oggi in Inghilterra c’è una sede di ricerca e sviluppo mentre i telai sono studiati e progettati dalla Harris. In questo cambio di passo è aumentata l’attenzione alle esigenze del mercato europeo. In futuro vedremo la realizzazione di progetti interessanti”.

Ultime 1299 Panigale R Final Edition in consegna presso i Ducati Store

Ultima opportunità per aggiudicarsi un pezzo di storia del motociclismo. Gli ultimi esemplari dell’esclusiva 1299 Panigale R Final Edition sono infatti in consegna in questi giorni presso i Ducati Store. La “Final Edition” è una moto speciale che celebra il motore che ha fatto la storia Ducati e ha scritto pagine indelebili del Campionato Mondiale Superbike. Per questo motivo è stata prodotta in soli 1.299 esemplari numerati e ogni moto viene consegnata assieme a un certificato di autenticità che dà ancora più valore a questa
pietra miliare tra le bicilindriche bolognesi.

Tecnologia, prestazioni e design si esprimono ad altissimo livello in questo gioiello made in Borgo Panigale. La 1299 Panigale R Final Edition è una moto stradale omologata Euro 4. Il Superquadro della “Final Edition” deriva da quello della 1299 Superleggera, ed eroga 209 CV* a 11.000 giri/minuto e 14,5 kgm* a 9.000 giri/minuto. Sfrutta un albero motore alleggerito con perno di biella maggiorato dotato di pastiglie di equilibratura in tungsteno e le bielle, come le valvole di aspirazione e scarico, sono in titanio. I due pistoni, da 116 mm di diametro, hanno due soli segmenti come sui motori Superbike e scorrono su canne cilindri in acciaio.

Sviluppata assieme a Ducati Corse, la struttura monoscocca del telaio, estremamente compatta, integra l’airbox contribuendo in maniera fondamentale a contenere il peso della moto, che per la 1299 Panigale R Final Edition è di soli 179 kg (senza benzina). La ciclistica è caratterizzata da sospensioni meccaniche Öhlins e da un angolo del cannotto di sterzo di 24°.

Sofisticato e leggero è anche l’impianto di scarico completo Akrapovič, realizzato interamente in titanio, con doppio silenziatore alto (omologato Euro 4) e lo stesso layout della Panigale R che ha appena concluso la sua storia nel Campionato Mondiale Superbike.

L’elettronica sfrutta l’Inertial Measurement Unit (IMU) Bosch ed è dotata di ABS Cornering, Ducati Wheelie Control (DWC) EVO, Ducati Traction Control (DTC) EVO e sistema Engine Brake Control (EBC). Questi sistemi hanno set up pre-impostati legati al Riding Mode selezionato (Race, Sport e Wet), ma possono essere modificati e personalizzati a piacimento.

I contenuti tecnici di altissimo livello e la colorazione “tricolore” fanno della 1299 Panigale R Final Edition una moto destinata a diventare oggetto di culto per i moltissimi appassionati e amanti del bicilindrico Ducati.