bollino blu inquinamento

Bollino blu per tutelare l’ambiente

Una delle prime cause di inquinamento nell’ambiente, è da identificare con gli scarichi delle nostre auto che causano inquinamento e polveri sottili

Una delle prime cause di inquinamento nell’ambiente, è da identificare con gli scarichi delle nostre auto: i nostri veicoli, infatti, emettono una serie di inquinanti, fra cui, per primo, il particolato (che è composto, fra le altre cose, da fibre, acidi, metalli, silice), cioè un insieme di sostanze organiche ed inorganiche derivanti da attività naturali ed umane. Il bollino blu è una tutela per l’ambiente e per il nostro futuro, il controllo gas di scarico dovrebbe essere fatto ad ogni manutenzione auto che facciamo.

Bollino blu e impatto ambientale

Può essere semplice capire l’impatto che le nostre auto hanno sull’inquinamento, rifacendosi ad uno studio condotto in America, che prende in esame l’inquinamento atmosferico prodotto dalle auto statunitensi: si evince che, i veicoli a motore producono circa la metà degli inquinanti (COV, ossido d’azoto, particolato).

Inoltre, il 75% delle emissioni di monossido di carbonio, proviene proprio dalle auto. Quindi, nelle città, le auto sono responsabili dell’inquinamento dal 50 al 90%. Numeri sconcertanti che hanno portato a valutare dei provvedimenti, fra cui, appunto, quello del bollino blu.

Infatti, il bollino blu è un certificato che attesta che il nostro veicolo rientra nei limiti di emissioni inquinanti previste a livello europeo. Questo bollino viene rilasciato al momento della revisione obbligatoria dell’auto, fatta presso le officine autorizzate, l’ACI o la Motorizzazione Civile. Vengono sottoposti a questo controllo, tutti i veicoli (benzina, diesel, gas, metano) i ciclomotori e le moto.

Obbligo vero l’ambiente

E’ una pratica da eseguire, oltre che per l’importanza di tutelare l’ambiente, anche perché, se il veicolo non rientra nei limiti fissati dalle norme europee, bisognerà sottoporlo a manutenzione prima di effettuare un altro controllo. Ed inoltre, qualora le Autorità Competenti, chiesto di prendere visione del bollino blu, si trovassero di fronte un automobilista sprovvisto di tale certificato, provvederanno a multarlo (per un importo che va dai 169 ai 679 euro, secondo l’ART. 80 del Codice della Strada), oltre che ritirare la carta di circolazione.

Nei casi in cui, il fatto sussistesse in autostrada, ci sarà l’immediato sequestro del veicolo.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *